Garofano piumoso - Dianthus plumarius

vedi anche: Garofano

Generalità

Il garofano piumoso è una pianta erbacea perenne di dimensioni medie originaria dell'Europa centrale e dell'Asia. Questi garofani costituiscono densi cespi di fusticini sottili, eretti, che portano numerose foglie allungate, di colore grigio-blu, finemente dentate. Da maggio fino ad estate inoltrata producono numerosi fiori singoli, semplici, doppi o stradoppi, con petali sfrangiati, spesso con zonature in colore contrastante rispetto a quello del petalo; i fiori possono essere bianchi, rosa, rossi, viola, ed esistono numerose cultivar con fiori di vario colore, anche variegati, e anche del raro color nero.

I cespi possono raggiungere i 30-40 cm di altezza, allargandosi per 35-40 cm, la facilità di germinazione dei semi fa si che si autoseminino con facilità, dando origine a folti gruppi. Per uno sviluppo armonico della pianta è bene staccare i fiori appassiti e diradare leggermente i cespi in primavera. I dianthus plumarius hanno vita abbastanza breve, quindi le piante di 4-5 anni vanno sostituite con piante nuove.

dianthus


Esposizione

dianthus Per una corretta coltivazione, cerchiamo di porre questi garofani in luogo soleggiato, o in ombra parziale, purché siano direttamente esposti ai raggi solari per almeno 5-6 ore al giorno. Non temono il freddo, anche se inverni molto rigidi possono rovinare alcuni fusti, che vanno prontamente asportati all'inizio della primavera tramite una potatura di pulizia invernale.

  • Lotus Il Lotus berthelotii è una pianta erbacea perenne originaria delle isole Canarie, semi sempreverde; ha portamento rampicante o prostrato, raggiunge i 25-30 cm di altezza, ma tende ad allargarsi molto ...
  • piante perenni Con il termine generico Perenni si intendono quelle piante erbacee che hanno uno sviluppo pluriennale, quindi rimangono nel nostro giardino per anni, contrariamente a quanto accade alle annuali, che i...
  • Eliotropio al genere heliotropium appartengono circa duecentocinquanta specie di piante, diffuse in gran parte delle zone temperate del pianeta; Heliotropium arborescens è una pianta erbacea, perenne, sempreverd...
  • potentilla fructicosa red ace Piccolo arbusto a foglia caduca, originario dell'America settentrionale e dell'Asia; esistono circa cinquecento specie di potentilla, diffuse in tutto il globo, soltanto alcune vengono coltivate come ...


Annaffiature

dianthus plumarius Le piante di garofano piumoso sopportano senza problemi brevi periodi di siccità, è però bene annaffiare regolarmente, soprattutto nei mesi più caldi, ma senza mai eccedere, e lasciando asciugare bene il terreno tra un'annaffiatura e l'altra. All'epoca dell'impianto, e successivamente all'inizio della primavera, è consigliabile interrare nei pressi della pianta poco concime organico ben maturo.

Per valutare se è il caso o meno di annaffiare possiamo utilizzare il classico metodo del dito. infiliamo un dito nel terreno in prossimità della pianta e valutiamo il grado di umidità. Se al tatto il terreno risulterà secco, vorrà dire che potremo procedere con un'annaffiatura del pane di terra.

E' molto importante lasciare traspirare il terreno fra un'annaffiatura e l'altra per non soffocare le radici.


Terreno

I garofani preferiscono terreni sciolti, ben drenati e ricchi di materia organica, possibilmente alcalini. Piante di Dianthus plumarius si possono porre a dimora in giardino, ma l'apparato radicale, non molto sviluppato, ne permette la coltivazione anche in contenitore. Queste piante sono adatte quindi anche ad essere coltivate su davanzali e finestre, per abbellire con dei vasi l'ambiente di casa.


Moltiplicazione

Per la moltiplicazione del garofano piumoso, a fine inverno è possibile seminare i piccoli semi, in letto caldo, che va mantenuto a 12-15°C fino a germinazione avvenuta. In estate è possibile praticare talee, che radicano facilmente in un composto costituito da sabbia e terriccio bilanciato, in parti uguali.


Garofano piumoso - Dianthus plumarius: Parassiti e malattie

Fra i parassiti che attaccano il dianthus plumarius, talvolta si trovano l'oziorrinco e le larve di maggiolino possono dare problemi, danneggiando gravemente l'apparato radicale.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO