Spartium junceum

Caratteristiche generali

Lo Spartium junceum è un arbusto a foglie caduche, originario del bacino mediterraneo. Può raggiungere i 2-3 metri di altezza e presenta un portamento eretto, tondeggiante, con chioma molto ramificata; i fusti sono sottili, legnosi, molto flessibili, di colore verde scuro o marrone; le foglie sono piccole, lanceolate o lineari, di colore verde scuro, molto distanziate le une dalle altre, cadono all'inizio della fioritura. Da maggio a luglio produce numerosissimi fiori di colore giallo oro, delicatamente profumati, sui fusti spogli; ai fiori fanno seguito i frutti: lunghi baccelli pubescenti, che contengono 10-15 semi appiattiti. Queste ginestre sono molto comuni nella nostra penisola, dove crescono come piante selvatiche; grazie al loro apparato radicale molto sviluppato vengono utilizzate per consolidare scarpate e bordi di strade. Si consiglia di accorciare i rami a fine fioritura, per mantenere l'arbusto di forma più densa e compatta.
ginestra

Vivai Le Georgiche Spartium Junceum (Ginestra Di Spagna)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,6€


Coltivazione

Ginestra Queste specie sono amanti dei luoghi soleggiati, anche se si possono sviluppare in zone parzialmente ombreggiate; non temono il freddo e si ambientano senza problemi anche in zone con clima difficile, si adattano ai forti venti e all'aria salmastra delle coste.

Per quanto riguarda l'annaffiatura, queste piante si accontentano delle piogge e possono sopportare periodi di siccità anche piuttosto lunghi o prolungati. Da aprile a settembre è opportuno fornire del concime da piante da fiore alle piante in maniera regolare.

Passiamo ora ad analizzare il terreno necessario per una loro corretta ed equilibrata crescita.

Le specie di Spartium junceum necessitano di essere poste a dimora in luoghi con terreni molto profondi e ben drenati, anche poveri e sassosi; in genere si adattano a qualsiasi terreno, purchè completamente esente da ristagni idrici.

  • Ginestra Genere di 25-30 arbusti a foglie decidue, che possono raggiungere, a seconda delle specie, anche i 3 metri; provengono dall'Europa, dall'Asia Minore e dall'Africa. La ginestra dei carbonai o Cytisus s...

Melograno Punica Granatum Pianta Astoni in vaso di Melograno Punica Granatum - Astone in vaso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Moltiplicazione e malattie

La moltiplicazione della pianta avviene per seme, nella stagione primaverile. In questa stagione i semi della ginestra vengono infatti piantati in contenitori specifici e una volta cresciute, le giovani piantine devono essere rinvasate in nuovi vasi. La messa a dimora ha luogo nel mese di ottobre.

Per quanto riguarda invece le malattie che possono colpire la pianta, possiamo affermare con tranquillità che la specie Spartium junceum di solito non viene attaccata da parassiti o da malattie. E' infatti una pianta piuttosto forte e in grado di crescere sana e senza sviluppare particolari problematiche. In ogni caso, è possibile prevenire il problema acquistando specifici prodotti di giardinaggio per proteggere la pianta da eventuali attacchi di parassiti.


Spartium junceum: Curiosità

Spartium junceum Uno degli usi tradizionali della pianta di Spartium junceum è il consolidamento dei terreni. Grazie infatti alla sua capacità di svilupparsi in profondità, spargendo le radici in varie direzioni è ottima per mantenere unito il suolo. Inoltre, dai fiori della pianta è possibile estrarre una fragranza molto buona, ricca e piuttosto forte. I fiori impiegati per la produzione di questo profumo provengono solitamente dalla regione della Calabria.

Un'ulteriore curiosità fa riferimento alle vermene. Da qui infatti si estrae fibra tessile.

Per quanto riguarda le proprietà farmaceutiche possiamo affermare che la pianta può essere un potente lassativo, diuretico e narcotico. Infatti, presenta un alto contenuto in sparteina ossia un alcaloide che provoca intossicazione, salivazione eccessiva, sudorazione e nausea. La pianta infatti viene utilizzata in campo medico ma è sconsigliato l'utilizzo per altri scopi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO