Camelia coltivazione - Camellia japonica

Camelie in giardino

Le Camelie appartengono alle theacee, esistono circa una decina di specie, tra le quali soltanto alcune vengono coltivate come piante ornamentali; da secoli coltivate in Europa, in realtà le Camelie sono originarie dell'Asia, ed in particolare di Cina, Giappone e Korea. Si tratta di arbusti di dimensioni medie o grandi, che vanno dal metro fino a 4-5 metri se si trovano nelle condizioni pedoclimatiche ottimali; le camelie sono sempreverdi, il fogliame è di colore verde scuro, brillante, di forma ovale. Le camelie vengono coltivate per la loro fioritura, i grandi boccioli di colore rosato, simili a grandi rose, sono molto apprezzati, e molti sono gli ibridi ormai diffusi in giardino.
Camelia japonica


Coltivare le camelie

Camelia  japonica Le specie più diffuse come piante ornamentali sono la Camellia japonica ed i suoi ibridi; si tratta di un arbusto di medie dimensioni, a fioritura rosata, con fiore semplice, doppio o stradoppio, a seconda della varietà. I fiori di camellia japonica sbocciano a fine inverno, se la stagione è particolarmente calda possono fiorire già in gennaio, se il clima è invece molto rigido avremo una fioritura più tarda, verso aprile o anche maggio. Per ottenere un arbusto rigoglioso e sano è necessario coltivare la camelia in giardino, in piena terra o in vaso, utilizzando un terriccio specifico per piante acidofile, poichè hanno difficoltà ad utilizzare il ferro presente nel terreno, soprattutto se la presenza di calcio è alta, o se l'acqua fornita è molto calcarea.

Si pongono in luogo semiombreggiato, perchè l'insolazione diretta molto intensa causa il disseccamento delle foglie; inoltre le camelie amano un clima abbastanza umido, quindi sole eccessivo può asciugare eccessivamente l'aria. Nella maggior parte delle regioni italiani la camelia japonica può essere coltivata in giardino per tutto l'arco dell'anno, a patto di tenerla al riparo dal vento invernale; nelle regioni con inverni con temperature inferiori ai -10/-15°C è consigliabile coltivare queste piante in vaso capiente, in modo da poterle spostare al riparo durante le settimane più fredde dell'anno.

Le annaffiature saranno molto regolari, da marzo a ottobre, mantenendo il terreno sempre abbastanza umido, ma non inzuppato d'acqua; durante i mesi freddi le annaffiature saranno sporadiche: solo in caso di siccità molto prolungata.


  • camelia cinnamon cindy Genere di oltre 80 specie di piccoli alberi ed arbusti sempreverdi, rustici, originari dell'India, della Cina e del Giappone. Il fogliame è di colore verde scuro, lucido, leggermente cuoioso; durante ...
  • camelia japonica Il genere camellia riunisce circa un centinaio di specie di arbusti sempreverdi, originari dell'Asia centrale e meridionale; devono il loro nome al botanico gesuita Kamel, che nel 1600 le importò in E...
  • camellia Con il nome latino Camellia si indicano centinaia di specie di arbusti sempreverdi, diffusi principalmente in Asia; in Europa in giardino si coltivano prevalentemente ibridi di camellia japonica, un a...
  • camelia Buon giorno vorrei sapere un informazione sulla pianta ( CAMELIA ) si puo' piantare in giardino, e se si quali sono le metodologie da seguire x il suo mantenimento se è una pianta che in inverno megli...


Potare le camelie

camelia japonica Generalmente questi arbusti hanno uno sviluppo tondeggiante armonico, senza necessità di potature; se però necessitiamo di accorciare i rami sottili facciamolo dopo la fioritura, per evitare di perdere la parte più interessante della pianta.

Se l'inverno è molto rigido può capitare che i boccioli tendano a rovinarsi a causa del gelo, prima ancora di sbocciare, in questo caso è bene rimuovere i boccioli già rovinati e coprire la pianta con agritessuto, in modo da preservare i fiori dal freddo intenso.

Spesso i fiori di camelia, specialmente quelli degli ibridi, tendono a marcire invece di appassire; ricordiamo di rimuoverli prontamente, per evitare che divengano veicolo di malattie fungine, che si sviluppano facilmente sui tessuti in marcescenza.


Camelia coltivazione - Camellia japonica: Altre camelie

Camelia  sinensis In giardino è diffusa la coltivazione anche della camellia sasanqua, a fioritura invernale, che talvolta sboccia anche in novembre-dicembre, dipende dal clima; questa camellia ha però fiori molto più piccoli rispetto agli ibridi da giardino di C. japonica. Sicuramente la fioritura invernale le rende però molto interessanti, soprattutto nei giardini dell'Italia centro settentrionale, che in inverno sono molto spogli e grigi.

In Italia viene coltivata anche la Camellia hiemalis, un'altra camelia a fioritura precoce, i suoi fiori sbocciano in pieno inverno; di questa camellia esistono molti ibridi, anche a fiore grande e appariscente.

Un'altra camelia molto diffusa in coltivazione, ma non come pianta ornamentale, è la camellia sinensis; si tratta della pianta le cui foglie vengono utilizzate per produrre il te. Queste piante sono di origine cinese e giapponese, vengono ora coltivate anche in India, in ampie piantagioni; per produrre il te si utilizzano le foglie giovani. Le foglie semplicemente essiccate vengono chiamate te verde, molto apprezzato soprattutto in Giappone; con le foglie sottoposte a fermentazione e disseccamento si prepara invece il te nero; le foglie sottoposte ad una leggera fermentazione vengono invece utilizzate per il te oolong.

Talvolta in Asia vengono utilizzate anche le foglie di altre specie di camelia per preparare il te. La coltivazione di camellia sinensis è molto estesa, visto che tutto il te utilizzato nel modo proviene dall'Asia; esistono anche camelie dai cui semi si estrae un olio alimentare, molto utilizzato in Cina.


Guarda il Video
  • camelia Genere di oltre 80 specie di piccoli alberi ed arbusti sempreverdi, rustici, originari dell'India, della Cina e del Giap
    visita : camelia
  • japonica I pieris (raggruppati un tempo nel genere Andromeda) sono arbusti sempreverdi, di media o piccola grandezza, diffusi sop
    visita : japonica
  • fiore camelia La camelia proviene dalla Cina e dal Giappone, dove ne crescono moltissime varietà. In Europa le camelie furono importat
    visita : fiore camelia
  • camelia fiore Se le camelie vengono fatte crescere in climi costantemente caldi non ci sono cure particolari da fare poiché la maggior
    visita : camelia fiore



Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, illuminato direttamente dai raggi solari per poche ore al giorno.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Le annaffiature saranno regolari, ogni qual volta il terreno si presenta asciutto; in questo periodo dell'anno ogni 3-4 giorni può essere sufficiente, evitando gli eccessi.


Tenere Umido
concimazione
Durante i mesi autunnali le piante si preparano all'inverno; le esigenze sono quindi diverse rispetto a quelle dei mesi caldi: le concimazioni saranno meno ricche in azoto, per evitare che le piante producano eccessiva vegetazione tenera, molto sensibile al freddo; il concime si fornisce una volta al mese, scegliendone uno specifico per acidofile, ricco in potassio e fosforo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO