Ginco - Ginkgo biloba

Ginco

Il nome è esotico, ma la pianta lo è meno di quanto possa sembrare: il ginco, o ginkgo biloba è una delle piante più antiche presenti sulla terra, ne sono state rinvenute tracce in fossili antichissimi, ma nonostante questo il ginkgo è tutt'ora presente nelle nostre città, nonostante le sue origini siano remote nel tempo e nello spazio. I ginco infatti provengono dall'Asia, e più precisamente sono originari della Cina, dove vengono tutt'ora coltivati come piante da frutto.

Questi alberi maestosi trovano spazio nei giardini e nei parchi cittadini; sono alberi che raggiungono negli anni i 15-20 metri di altezza; hanno foglie caduche, a forma di ventaglio, di colore verde chiaro, che divengono dorate in autunno, prima di cadere; in effetti i ginkgo sono tra gli ultimi alberi a perdere il fogliame, e tra i primi a germogliare in primavera, quindi rimangono spogli per pochi mesi all'anno.

Il fusto è eretto, e la corteccia è grigia, molto rugosa ed incisa; le ramificazioni giovani sono perfettamente parallele al terreno, perpendicolari al fusto, come quelle di molte conifere; solo con l'età i rami del ginkgo biloba tendono verso l'alto, quindi gli alberi adulti tendono ad avere una chioma di forma allungata, a fiamma di candela.

Ginkgo biloba

Bosso artificiale sferico FRITZ, struttura a reticolo, Ø 30 cm - Decorazione per interni ed esterni / Bosso palla - artplants

Prezzo: in offerta su Amazon a: 56,9€


Coltivazione del ginkgo biloba

foglie I luoghi di origine di questa bellissima pianta hanno clima simile a quello europeo; quindi questi alberi sono perfettamente adatti ad essere coltivati in giardino. Gli esemplari giovani possono necessitare di annaffiature durante i periodi di siccità prolungata, gli esemplari adulti, o a dimora da molti anni, invece, tendono ad accontentarsi dell'acqua delle precipitazioni, senza necessitare di ulteriori cure.

L'apparato radicale ha un buono sviluppo, quindi in genere non necessitano di concimazioni, anche se è consigliabile interrare del concime organico alla base dell'albero, in autunno, soprattutto alla base delle piante a dimora da poco tempo. Non necessitano di potature o altri tipi di cure, e generalmente non vengono colpiti da parassiti o malattie.

  • ginco bonsai albero deciduo a portamento colonnare, appartenente ad una delle famiglie più antiche esistenti in natura, ne sono stati ritrovate le caratteristiche foglie in fossili di milioni di anni, vicina alle ...
  • Ginco Il Ginkgo Biloba è un albero originario della Cina, completamente rustico e dal portamento eretto. Lo sviluppo della pianta può avvenire in altezza (fino ad un massimo di 40 metri) e in larghezza (fin...
  • Il Ginkgo biloba è un albero maestoso, a foglie decidue, diffuso in coltivazione in tutto il mondo; è un albero a crescita abbastanza lenta, con un bel fogliame a ventaglio, che diviene di colore gial...
  • GINGKO BILOBA Tra le specie di albero più vecchie al mondo, spicca il Gingko Biloba, largamente studiato ed utilizzato in medicina. La peculiarità di questo albero, unico nel suo genere, è la sua origine. Nato ed i...

AVANTI TRENDSTORE - Panca per il giardino in legno di abete, ca.107x43/87x58 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,99€
(Risparmi 90€)


I frutti del ginkgo

ginkgo Il ginkgo è una pianta dioica, ovvero esistono esemplari maschili ed esemplari femminili; produce moltissimi frutti, che vengono consumati in Cina, ma che in europa non sono particolarmente graditi. Per questo motivo si tende a coltivare esemplari maschili, per non dover gestire quantità significative di frutti alla fine dell'estate. Il problema dei frutti di questa pianta è infatti l'odore: i frutti di ginco hanno un odore molto sgradevole, particolarmente forte dopo le piogge. I ginkgo vengono molto apprezzati anche come bonsai da esterno, anche se è necessario coltivarli per molti anni prima di ottenere fogliame di dimensioni ridotte e una chioma simile a quella degli alberi vetusti.


Ginco - Ginkgo biloba: Il ginkgo in medicina

gingko bil Questa pianta viene da sempre molto utilizzata nella medicina tradizionale cinese e giapponese; da molti anni viene utilizzata anche in erboristeria ed in medicina in Europa; se ne utilizzano le foglie, per tisane ed infusi, ma anche sotto forma di estratti: il ginkgo biloba ha forti proprietà vasodilatatorie, e viene utilizzato per problemi venosi di vario tipo.

Infusi ed estratti vengono utilizzati anche per migliorare la memoria, per migliorare la circolazione, nei casi di stress fisico e mentale e come antiossidante; anche in cosmesi se ne sfruttano le proprietà, per migliorare l'idratazione delle pelli secche o asfittiche.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, illuminato direttamente dai raggi solari per alcune ore al giorno.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Ogni 10-12 giorni annaffiare la pianta, attendendo che il terreno asciughi completamente tra un'annaffiatura e l'altra.


Tenere Umido
concimazione
Si consiglia di sospendere le concimazioni durante il periodo invernale; un eccessivo apporto di nutrienti infatti favorirebbe lo sviluppo di nuova vegetazione, troppo sensibile alle basse temperature.


Esigenze della piante a dicembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO