Girasole - Helianthus annuus

Il Girasole

Il nome latino è helianthus annuus, e proprio come il nome comune significa fiore del sole; come tutti sanno il girasole è un fiore particolare, che con il suo ampio disco segue il sole nell'arco della giornata, in modo di ricevere la luce solare diretta per il maggior numero di ore possibile. Nonostante sia ormai una pianta diffusa in gran parte del globo, sia in coltivazione, sia come pianta selvatica, il genere helianthus comprende solo specie originarie del continente americano. Gli helianthus venivano coltivati per scopo alimentare già millenni orsono, dagli Aztechi e dagli Inca, e quindi esistono numerosissimi ibridi e cultivar, che hanno origini antichissime. L'introduzione in Europa avvenne già nel 1500, e quindi queste piante hanno avuto alcuni secoli di tempo per diffondersi nel nostro continente, dove cominciarono prestissimo a venire coltivate, prevalentemente per sfruttare l'olio contenuto nei semi. Il girasole non è propriamente un fiore, come avviene per tutte le asteracee, produce una grande infiorescenza, dove i piccoli fiori sono appressati gli uni agli altri, in uno schema a spirale; i fiori all'interno del disco sono tubolari, quelli all'esterno portano uno o più petali, costituendo una specie di ampia corolla. I fiori tubolari, dopo l'impollinazione, producono un grosso seme, ricoperto da un sottile guscio legnoso; da questi semi si ottiene un olio molto apprezzato, ma vengono anche consumati dopo essere stati tostati, così come sono o aggiunti ad insalate, pane, dolci.
Girasole


La pianta del girasole

Girasole Ovviamente in coltivazione esistono numerosissimi ibridi; il girasole vero e proprio, helianthus annuus, è una pianta annuale, come suggerisce il nome. Produce un fusto rigido, eretto, ben sviluppato, scarsamente o per nulla ramificato, alto fino a 2-3 metri; all'apice sboccia la grande infiorescenza, che diviene di dimensioni enormi nelle varietà coltivate per produrre olio dai semi. In giardino si pongono a dimora le specie nane, dove i fusti non superano i 70-120 cm di altezza; il fiore viene prodotto in estate. La pianta presenta anche grandi foglie a cuore, ed è decisamente molto piacevole in giardino. Esistono anche numerose cultivar che producono molti piccoli fiori da ogni singolo fusto, o anche specie perenni, come Helianthus multiflorus, o Helianthus rigidus: piccoli arbusti disordinati e ben ramificati, densi, che per tutta l'estate si ricoprono di fiori a margherita di colore dorato.

  • Girasole Il girasole è una pianta erbacea annuale originaria dell'America settentrionale; diffusa in Europa e in Australia, coltivata per uso alimentare, soprattutto nell'industria olearia. Le varietà da olio ...
  • girasole Una curiosità:i girasoli sono considerati fiori di campo?...
  • girasole E’ un fiore che ha origini antiche: nell’America settentrionale sonostati trovati resti di questo fiore che risalgono a tremila anni prima di Cristo. Gli Indiani d’America lo consideravano una piant...
  • pelargonium Salve sono Vincenzo da Napoli e mi e venuta un idea che adesso vi spiego. E possibile mettere in un vaso da 35 centimetri un seme di Geranio uno di Girasole ed uno di Calendula????? Cresceranno bene??...


Coltivazione helianthus annuus

girasole coltivazione Non sono piante di difficile coltivazione, producono radici profonde, fittonanti, che quindi necessitano di un buon terreno profondo e ricco per meglio svilupparsi, ben lavorato ed arricchito di stallatico ben maturo. Ovviamente necessitano di essere posti a dimora in un luogo ben soleggiato, o la fioritura sarà scarsa e la pianta tenderà deperire con facilità.

Le specie perenni sono disponibili in vivaio come piccole piante, da porre a dimora direttamente in giardino, in genere non temono il gelo e rimangono vive e vigorose per alcuni anni; le specie annuali invece si seminano in semenzaio o direttamente a dimora.

Non necessitano di cure particolari, se non qualche annaffiatura nei periodi siccitosi; le piante di girasole possono sopportare qualche giornata all'asciutto, ma tendono ad appassire quando la siccità perdura per un tempo eccessivo, in questi casi è sufficiente annaffiare abbondantemente perchè la pianta si riprenda. Evitiamo però di lasciare le piante in un terreno pesante e costantemente umido. La vigoria dei girasoli, l'apparato radicale abbastanza significativo, e la grande produzione di semi, li rende nel tempo abbastanza invasivi; è quindi bene posizionarli in un'aiola abbastanza confinata in giardino, oppure raccogliere i fiori appassiti, per evitare che i semi si spargano a caso nel giardino. Le specie perenni, nel corso degli anni, risultano più fiorifere se vengono periodicamente estirpate, divise e riposizionate in un terreno ricco e fresco. Evitiamo quindi di abbandonare la nostra pianta nell'aiola per anni; in autunno, ogni 3-4 anni, estirpiamo l'intera pianta, arricchiamo il terreno con terriccio fresco e stallatico, e riposizioniamo l'arbusto, o parte di esso se vogliamo dividerlo.


Girasole - Helianthus annuus: Un girasole ricco di pregi

Girasole Tra le tante specie di helianthus, una in particolare viene coltivata anche nell'orto, è l'helianthus tuberosus, meglio conosciuto come Topinambur; si tratta di una specie perenne, che produce radici tuberose, simili a grosse patate bitorzolute. I tuberi di topinambur vengono consumati crudi o cotti al vapore, e sono particolarmente indicati per i diabetici, in quanto l'amido in essi contenuto non viene digerito e contribuiscono a regolare la quantità di insulina nel sangue.

Come per tutti gli altri girasoli, anche questi si coltivano in un luogo ben luminoso e soleggiato; producono un arbusto alto fino a 150-180 cm, abbastanza ramificato, che si riempie in estate di margheritoni gialli. I tuberi si raccolgono all'inizio dell'autunno, e in genere quelli più piccoli vengono lasciati a dimora per la produzione dell'anno successivo.

I topinambur sono largamente diffusi anche come piante selvatiche, e si possono riscontrare nei campi incolti, al bordo dei boschi, nei pascoli collinari.


  • girasole fiore Il primo e più ovvio significato del girasole è connesso alle evidenti caratteristiche fisiche del fiore, alla sua somig
    visita : girasole fiore



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO