Carolina, Lisetta - Impatiens

Impatiens, lisetta

Al genere impatiens appartengono centinaia di specie di piccole piante perenni, diffuse in Asia ed in Africa; in giardino si coltivano prevalentemente I walleriana e I. Hawkerii, e ovviamente i numerosi ibridi che da essi sono derivati nel corso degli anni. Pur trattandosi di piante perenni, in europa vengono coltivate come annuali, in quanto non sopportano il gelo, e spesso le giovani piante sono più fiorifere rispetto alle piante adulte. Pur temendo il freddo, si coltivano in giardino, come piante da aiola o da bordura primaverile ed estive; in autunno all'arrivo del primo freddo tendono a disseccare e vengono estirpate. Volendo sarebbe possibile spostare in casa le piante durante l'inverno, potandone i rami per contenerne l'esuberanza, e coltivandole in un luogo caldo e luminoso; in realtà difficilmente si coltivano come piante da appartamento, prima di tutto perchè in casa il clima è eccessivamente asciutto ed è difficile trovare un luogo ben luminoso in casa, dove le piante possano continuare a fiorire anche durante l'inverno. Secondariamente, si tratta di piante di facile coltivazione, e dal costo contenuto: risulta quindi abbastanza inutile lo sforzo di conservare una pianta da un anno all'altro, quando è possibile acquistarne decine di nuove all'arrivo della primavera. Certo, per gli appassionati potrebbe essere una sfida interessante.
Impatiens


Come si coltivano le carolina

Impatiens Le piante di impatiens, chiamate anche carolina, lisetta o fiori di vetro, sono molto comuni nei giardini; nel corso degli anni si sono prodotti ibridi di vario tipo: dai fiori particolarmente colorati, di dimensioni contenute, con fiore doppio o striato. Tutte queste piante producono piccoli arbusti molto ramificati, con fusti carnosi, succulenti; nonostante la loro ricchezza in acqua questi fusti non si comportano come le più comuni piante succulente, ovvero temono la siccità; per avere piante sempre in fiore e rigogliose è necessario posizionarle in luogo ombreggiato o semiombreggiato, ma abbastanza luminoso; prediligono terreni freschi e umidi, quindi necessitano di annaffiature frequenti e regolari, anche quotidiane durante le settimane più torride e siccitose di luglio e agosto. Ogni 10-12 giorni ricordiamo di aggiungere all'acqua delle annaffiature del concime per piante da fiore, in modo da stimolare una fioritura costante.


  • Halesia carolina arbusto di dimensioni medio grandi, a foglia caduca, originario dell'America settentrionale; ha portamento eretto, caratterizzato da alcuni fusti che partono dal terreno, densamente ramificati, con ch...
  • CAroline Al genere Impatiens appartengono circa cinquecento specie di piante annuali e perenni, originarie dell'Africa e dell'Asia; I. walleriana è una specie africana, perenne, ma coltivata come annuale a cau...
  • Impatiens L'impatiens, pur potendo essere coltivato anche in serra o in appartamento, viene spesso utilizzato all'aperto come pianta annuale per le aiuole e le bordure. Questa pianta produce moltissimi fiori sp...
  • peperoncino Carolina Reape Il peperoncino Carolina Reaper è diventato recentemente uno dei più ambiti dai collezionisti perché nel 2013 è entrato a far parte del Guinness dei primati per la sua piccantezza: quindi i suoi semi e...


Semina

lisetta bianca Ai fiori seguono piccole capsule semilegnose, colme di semi; per chi desidera sperimentarsi con la semina, è possibile conservare di anno in anno i piccoli semi, per seminarli già in febbraio in semenzaio protetto, oppure in maggio direttamente a dimora.

Ricordiamo che queste piante sono frutto di numerose ibridazioni, quindi le piante che otterremo da seme potrebbero essere molto diverse dalle piante da cui abbiamo prelevato le sementi: non stupiamoci se dai semi delle nostre piante di lisetta vengono prodotte piantine con fiori viola o rosso fuoco.


Carolina, Lisetta - Impatiens: Delle caroline per il sole

Impatiens Nei vivai troviamo sempre più spesso degli impatiens con fiore identico agli I. walleriana, ma con foglie più grandi e scure, solcate da vistose venature; si tratta dell'I. hawkeri "nuova guinea", un ibrido molto vigoroso di una specie di origine africana; queste piante sono decisamente più vigorose delle classiche carolina, e sviluppano arbusti più grandi e fioriferi; oltre a queste caratteristiche, tendono a sopportare meglio il caldo, il sole diretto e la siccità, pur producendo fiori praticamente identici a quelli della specie più coltivata. Queste piante in genere sono anche leggermente più costose, ma la differenza di prezzo viene rapidamente ripagata dalla maggiore resistenza e vigoria delle piante. In effetti se volessimo cimentarci con la coltivazione invernale delle piante di carolina, forse sarebbe meglio pensare a una pianta di questa specie.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Consigliamo di annaffiare la pianta solo se il terreno è completamente asciutto, evitando gli eccessi.


Tenere Umido
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO