Litodora - Lithodora

Lithodora

Le piante del genere lithodora sono diffuse in tutta Europa e nell'area del mediterraneo; si tratta di piccoli arbusti sempreverdi, alti in genere non più di 35-45 cm; la specie più diffusa è la rosmarinifolia, assieme alla diffusa, che racchiudono i caratteri tipici della specie: il fogliame è lineare, leggermente coriaceo, di colore verde scuro, i fiori sono tubolari, con il bordo suddiviso in cinque lobi, che lo fanno apparire quasi un fiore a stella; il colore della specie è in genere bianco o blu, anche se le varietà presenti in vivaio sono quasi sempre blu, del colore tipico della famiglia a cui appartiene la lithodora, ovvero le boraginacee; hanno quindi il tipico colore della borraggine, un blu inteso e molto particolare; le piccole piante di lithodora vengono utilizzate come tappezzanti, e a partire dalla primavera inoltrata si ricoprono di piccoli tromboncini blu cielo.
Litodora


Come si coltiva

Litodora  Queste piante non sono particolarmente esigenti, purché trovino un buon terreno molto ben drenato, temono infatti i ristagni idrici, e sopportano senza problemi la siccità, non eccessivamente prolungata. Trovano quindi posto in giardino, in un terreno sabbioso, non necessariamente ricco; per ottenere arbusti sempre rigogliosi è però bene spargere attorno ad essi del concime granulare a lenta cessione, ogni 2-3 mesi, in modo da mantenere costante la quantità di sali minerali nel terreno, senza eccedere con le dosi.

Posizioniamo le lithodore in un luogo ben soleggiato; possono sopportare la mezz'ombra ma meno sole diretto ricevono e meno fioriscono, è quindi bene ricordarsi di evitare l'ombra completa.

Le giovani piante danno origine a dei piccoli arbusti ben densi e ramificati, che si ricoprono di fiori; con il passare degli anni però le piante divengono sempre più sparpagliate e allungate, perdendo parte della loro bellezza; per mantenerle sempre compatte è consigliabile accorciare gli arbusti di circa la metà , in autunno, prima che arrivi il freddo; in questo modo rinnoveremo ogni anno le piante, ottenendo sempre una bella macchia di colore.

Sono piante sempreverdi, ma può capitare che durante inverni particolarmente rigidi perdano parte del fogliame, senza che questo comprometta lo stato di salute delle piante.

  • Lotus berthelotii

    Lotus pianta erbacea perenne originaria delle isole Canarie, semi sempreverde; ha portamento rampicante o prostrato, raggiunge i 25-30 cm di altezza, ma tende ad allargarsi molto rapidamente, costituendo un
  • Eliotropio, Fior di Vaniglia. Salvia blu - Heliotropium arborescens

    Eliotropio al genere heliotropium appartengono circa duecentocinquanta specie di piante, diffuse in gran parte delle zone temperate del pianeta; H. arborescens è una pianta erbacea, perenne, sempreverde, origina
  • Potentilla

    potentilla fructicosa red ace piccolo arbusto a foglia caduca, originario dell'America settentrionale e dell'Asia; esistono circa cinquecento specie di potentilla, diffuse in tutto il globo, soltanto alcune vengono coltivate come
  • Iperico - Hypericum

    Iperico  pianta perenne semisempreverde, originaria dell'Europa e dell'Asia; sviluppa lunghe ramificazioni striscianti o prostrate, che si allargano notevolmente, dando origine a larghi tappeti compatti, alti


Litodora - Lithodora: I fiori blu

Litodora  Il colore blu nei fiori non è così diffuso, quindi il colore dei loro fiori rende le lithodore delle piante molto richieste; se vogliamo creare una macchia di fiori blu possiamo coltivare le nostre lithodore vicino alle chinonodoxe ed alle epatiche, che producono piccoli fiori di un blu simile a quello della lithodora, ma in anticipo, quindi alla fine dell'inverno; durante l'estate le lithodora è accompagnata da plumbago e convolvolo, che producono fiori simili di colore ed anche di forma. Verso la fine dell'estate la nostra lithodora smetterà di fiorire, per prepararsi all'inverno; posizioniamola vicino a degli esemplari di ceratostigma, che comincerà a fiorire con il caldo, per continuare fino ad autunno inoltrato.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Durante i mesi freddi annaffiare saltuariamente, inumidendo il terreno ogni 25-30 giorni, evitando di bagnare eccessivamente il substrato.


Tenere asciutto
concimazione
Durante i mesi invernali in genere le concimazioni vengono sospese, o comunque ridotte, per evitare di stimolare lo sviluppo di nuovi germogli, che potrebbero venire danneggiati dal freddo.


Esigenze della piante a febbraio in un clima continentale.

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: