Melograno - Punica granatum

Il Melograno

Il Melograno è una delle piante da frutto coltivata da più tempo nell'area mediterranea; ha origini asiatiche, ma già svariati secoli orsono se ne diffuse la coltivazione nelle aree più calde ed aride del mediterraneo, dove si sviluppa al meglio. Si tratta di un grosso arbusto, che produce numerosi polloni basali, generalmente in coltivazione si sceglie il fusto centrale e si asportano i polloni, in modo da permettere lo sviluppo di un piccolo albero, a foglia caduca; ha corteccia ruvida e rugosa, di colore chiaro, le foglie sono piccole lanceolate, di colore verde chiaro, divengono aranciate prima di cadere, in autunno. In primavera produce piccoli fiori di colore rosso, racchiusi in boccioli carnosi, leggermente coriacei, anch'esso di colore rosso vivo. Ai fiori seguono grosse bacche, dette balauste, di colore giallo arancio o rosso, o anche in un mix dei tre colori; le bacche hanno una scorza tenace e spessa, molto fibrosa, al cui interno sono presenti innumerevoli piccoli semi polposi, racchiusi in sottili membrane gialle, ricche in tannini. I semi si consumano crudi, o se ne ottiene il succo, ed hanno sapore vario a seconda della varietà della pianta, si va dai semi molto acidi, a quelli semidolci a quelli dolcissimi, più adatti al consumo fresco.
Melograno

Vivai Le Georgiche Punica Granatum Nanum (Melograno Nano)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,6€


Coltivazione melograno

Melograno Il melograno, in latino Punica granatum, trova posto in pieno sole, o comunque nella zona più soleggiata del giardino, teme l'ombra, che favorisce l'attacco da parte di parassiti e funghi. Non necessita di particolare terreno, purché sia ben drenato; questa pianta è molto tenace e ben si sviluppa anche in terreni compatti o sassosi. Non ama gli eccessi di precipitazioni, ed è sicuramente più adatta per un clima mediterraneo, con estati molto calde ed asciutte e inverni miti, anche se in zone con scarse precipitazioni invernali può sopportare senza problemi anche le gelate persistenti. Non necessita di grandi cure colturali, anche se le piante dei frutteti per la produzione commerciale di melograni vengono concimate con concime a lenta cessione in primavera, ed annaffiate nel periodo di maturazione dei frutti, ma solo se le precipitazioni sono scarse o nulle.

  • fiori melograno Il melograno è una pianta antichissima che proviene dalle regioni del sud-ovest asiatico, è diffusa e coltivata sia in Italia che in Spagna, nelle zone dove il clima è più caldo. È di crescita piuttos...
  • melograno Linneo, botanico e naturalista, lo aveva chiamato Punica granatum, pensando fosse di origineafricana; pare che i romani avessero scoperto il melograno a Cartagine e non avevano esitato adefinirlo ...
  • bonsai melograno piccolo albero originario dell'Asia e del Mediterraneo, con piccole foglie verde chiaro, corteccia grigio-marrone e tronco contorto; i fiori sono arancioni e spiccano sul fogliame; frutti tondi, gandi...
  • fiore melograno Albero di dimensioni modeste, coltivato da millenni nell'area mediterranea; in realtà si tratta di una pianta originaria del medio oriente e dell'asia meridionale, da dove le popolazioni arabe lo port...

Melograno, Bonsai, 8 anni, 26cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 54,7€


Un melograno in giardino

melograno Nel giardino di casa il melograno è una pianta a bassissima manutenzione; occasionalmente in primavera se ne accorciano i rami più lunghi e sottili, e periodicamente si asportano i molti polloni basali che la pianta produce in continuazione.

Esistono anche varietà nane di punica granatum, che si mantengono al di sotto dei 60-70 cm di altezza; producono anche piccoli fiori e minuscoli frutti non commestibili. Generalmente questi piccoli melograni vengono utilizzati come bordure basse o per l'allevamento di bonsai.


Melograno - Punica granatum: Melograni da fiore

Melograno Esistono in commercio numerose varietà di punica granatum, che si distinguono per il sapore dei frutti, ma anche per i fiori; infatti negli anni si sono prodotte cultivar con fiori rosati o bianchi, molto doppi, o di grandi dimensioni, che rendono la pianta decisamente molto decorativa. Purtroppo nella gran parte delle varietà da fiore, i frutti sono di dimensioni modeste, oppure dal sapore decisamente molto aspro, tanto da renderli non commestibili.

I frutti di melograno vengono utilizzati anche in cucina, per preparare salse o come accompagnamento insolito a carni o pesci; il loro particolare sapore, con un fondo acidulo, li rende infatti adatti anche in abbinamento con piatti salati.

COn il melograno si prepara lo sciroppo di granatina, anche se difficilmente lo si trova in commercio, vista la difficoltà con cui si estrae il succo dai semi, che lo rende un prodotto molto costoso.

Il melograno si utilizza anche in erboristeria, soprattutto la corteccia e la buccia della balausta.


  • melograno albero Albero di dimensioni modeste, coltivato da millenni nell'area mediterranea; in realtà si tratta di una pianta originaria
    visita : melograno albero
  • punica granatum Il melograno da fiore o Punica granatum è un arbusto o piccolo albero, originario dell’Asia, diffuso da millenni in tut
    visita : punica granatum
  • albero melograno Pianta di melograno bella rigogliosa con fiori belli, ma quando incomincia a formarsi il frutto cade. Non un melograno n
    visita : albero melograno
  • pianta sempreverde Molto adatte in ogni stagione a decorare i giardini, permettono di mantenere uno spazio verde e rigoglioso esattamente c
    visita : pianta sempreverde



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Prepariamo le nostre piante all'arrivo dell'inverno; possiamo praticare una concimazione a base di concime organico, da interrare nei pressi della pianta, in questa maniera miglioreremo l'impasto del terreno stesso e forniremo alla pianta una fonte a lunga durata di azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO