Finta rosellina - Raphiolepis

Raphiolepis in giardino

Il nome un po' particolare (Finta rosellina o Raphiolepis) indica un bellissimo arbusto sempreverde, originario della Cina, del Giappone e della Corea, strettamente imparentato con le rose. Si tratta di una pianta a crescita lenta, che può tranquillamente raggiungere, nel corso degli anni, i due metri di altezza, anche se in genere impiega molti anni per superare i 100-150 cm. Il fogliame è lucido e coriaceo, di forma ovale e di colore verde scuro; per tutta la primavera all'apice dei rami sbocciano numerosi piccoli fiori a stella, riuniti in corimbi, di colore rosa o bianco. Ai fiori seguono i piccoli frutti, delle meline nere, che in alcune specie sono commestibili.
Raphiolepis

Vivai Le Georgiche ILEX AQUIFOLIUM ARGENTEA MARGINATA (AGRIFOGLIO) [Vaso Ø18cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,2€


Coltivare la raphiolepis

Raphiolepis Questi arbusti di finta rosellina trovano spazio in un luogo ben luminoso del giardino, al sole o a mezz'ombra; amano un terreno ricco e fertile, possibilmente non eccessivamente calcareo o alcalino, e molto ben drenato. I ristagni idrici tendono a rovinare con facilità la pianta, che soffre per eccessiva umidità. Sopporta abbastanza bene la siccità, ma è consigliabile annaffiare in caso di clima asciutto, soprattutto durante la fioritura e nel periodo estivo molto caldo.

Nonostante l'aspetto "mediterraneo" la raphiolepis sopporta senza problemi il gelo, e può permanere in giardino anche se le temperature scendono al di sotto dei -10:-15°C.

Si possono coltivare anche in vaso, viste le dimensioni abbastanza compatte.

Sopportano bene le potature, anche vigorose, e ben si prestano a comporre piccole siepi.

Il segreto con le raphiolepis è evitare gli eccessi; quindi se viviamo in una zona con inverni molto rigidi ed estati fresche, posizioniamo l'arbusto al sole. Se invece viviamo in un luogo con inverni miti ed estati molto calde, posizioniamo la nostra raphiolepis in un luogo posto a mezz'ombra, annaffiandola abbondantemente in estate, soprattutto se le piogge sono scarse, o eccessivamente sporadiche.

  • Chionanthus Il Chionanthus virginianus è un arbusto, o piccolo albero, a foglie caduche, originario dell'America settentrionale, che può raggiungere i 6-7 metri di altezza. Il tronco è eretto, spesso leggerme...
  • Garrya La Garrya elliptica è un arbusto originario dell'America settentrionale e in età adulta raggiunge i 4-5 metri di altezza. Ha tronco di colore marrone scuro, con corteccia leggermente fessurata, la c...
  • Caryopteris Il Caryopteris clandonensis è un piccolo arbusto a foglie caduche originario dell'Asia centrale. Ha portamento eretto, generalmente tondeggiante, e raggiunge il metro di altezza; le foglie sono piccol...
  • Cycas La cycas revoluta è una pianta sempreverde adatta al giardino o all'appartamento, originaria dell'Asia; si tratta di una delle piante più antiche della terra, anticamente era diffusa su tutto il globo...

Semi di glicine, bonsai Wisteria sinensis albero 100% vero seme fucilazione in contanti, 100 pc / sacchetto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


Un bonsai inusuale

Raphiolepis Spesso il bonsaista alle prime armi si fa intimorire dall'atteggiamento tutto orientale a seguire dei canoni ben precisi, e tende a coltivare come bonsai solo le piante che ha visto in una mostra o su un testo in fotografia.

Quindi in Italia siamo abituati a vedere bonsai più o meno fotocopia l'uno dell'altro, del tutto simili a quelli che possiamo vedere sul catalogo di bonsai di un qualsiasi negozio.

Raramente vediamo bonsai di piante diverse dalle solite piante asiatiche, che osino poi magari sfoggiare fiori o frutti.


Finta rosellina - Raphiolepis: Bonsai in Asia

bonsai di raphiolepis In Asia i bonsai si preparano con tutte le piante presenti in natura, e quindi anche con le specie di raphiolepis (finta rosellina), che ben si prestano, ad essere bonsaizzate, vista la crescita molto lenta e i frutti di dimensioni minuscole.

Sicuramente non si tratta di un bonsai per principianti, però se vogliamo provarci sicuramente potremo cercare la soddisfazione di una piccola pianta che si ricopre completamente di fiori rosa, seguiti da piccole mele.

Un bonsai da esterno, sempreverde, che non teme il gelo e sopporta abbastanza bene la siccità. Sicuramente ci vogliono molti anni ed un gran lavoro per rimpicciolire le dimensioni del fogliame, ma ritengo che sia uno sforzo che ne vale decisamente la pena.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Durante i mesi freddi annaffiare saltuariamente, inumidendo il terreno ogni 25-30 giorni, evitando di bagnare eccessivamente il substrato.


Tenere asciutto
concimazione
In inverno è consigliabile sospendere, o ridurre drasticamente, le concimazioni; infatti un eccessivo sviluppo di vegetazione tenera e di nuovi germogli esporrebbe eccessivamente le piante al rischio di gelate.


Esigenze della piante a dicembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO