Baldellia ranunculoides

Generalità

La Baldellia ranunculoides è una pianta acquatica a foglie caduche, originaria dell'Europa e dell'Asia. Costituisce ciuffi di foglie verdi, alcune si sviluppano sott'acqua e hanno forma allungata, altre crescono alla base dei fusti, hanno forma ovale, allungata, con brevi piccioli, e sono segnate da tre profonde venature.

I fusti di questa pianta sono sottili e carnosi e crescono fino a 45-50 cm, e per tutta l'estate portano numerose infiorescenze costituite da piccoli fiori a tre petali, di colore rosa con gola gialla. Ai fiori seguono i frutti, 15-20 acheni galleggianti contenenti i semi che si disperdono in maniera molto facile tramite il vento.

La baldellia è una pianta molto diffusa in tutto il mondo, dall'Atlantico al Baltico sino alla zona del Mar Mediterraneo.

Baldellia

Echinodorus Aflame - Piante d'acquario

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,06€


Esposizione

Baldellia Si tratta di una pianta che preferisce le posizioni luminose, anche con luce solare diretta; nei mesi più caldi dell'anno è bene ombreggiarla. Le baldellia ranunculoides crescono ancorate al fondale di fiumi e torrenti, ma si sviluppano anche in stagni e laghetti con acqua tranquilla.

Nel complesso è una pianta rustica e facile da coltivare che si adatta facilmente a molte condizioni di stagni e laghetti.

Le temperature ideali per la coltivazione di questa specie oscillano fra i 20 ed i 25°C.

    Antika Officina Botanika - K-Equiseto Biologico 250gr

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


    Terreno

    Baldellia ranunculoides Le radici delle baldellia crescono in qualsiasi terreno, purché sia soffice e ricco di materia organica; può accadere che i fusti della pianta si pieghino toccando terra, in questo caso solitamente radicano dando origine ad una nuova pianta.

    Nei fiumi e torrenti, dove la corrente è meno forte e veloce, questa pianta cresce in maniera spontanea sul fondale. Scegliendo il giusto terreno e annaffiandola in maniera corretta questa pianta può essere coltivata anche in casa.

    In caso di periodi prolungati di siccità questa pianta soffre molto lo stress idrico e deperisce abbastanza in fretta.

    In caso di coltivazione in giardino o in caso, la potatura è un ottimo metodo per salvaguardare la salute della pianta e donarle un ottimo aspetto. Con la potatura vanno eliminate le parti malate, sfiorite e rinsecchite. Si tratta quindi principalmente di una potatura di forma e di pulizia per asportare le parti della pianta che non sono più funzionali.


    Moltiplicazione

    La moltiplicazione della Baldellia ranunculoides avviene per seme, in primavera, utilizzando i semi dell'anno precedente. Questi vanno fatti germinare in un contenitore riempito con torba e sabbia in parti uguali, che va mantenuto sommerso fino a completa germinazione; le nuove piantine vanno coltivate in contenitore per almeno un anno prima di essere messe a dimora. Solitamente le baldellie tendono ad autoseminarsi, colonizzando ampie aree. Il fiore delle baldellie è uno degli aspetti più apprezzati di questa pianta; con i suoi colori leggeri e tenui ravviva i laghetti in estate con una fioritura che inizia a giugno e finisce ad agosto a seconda delle zone, con tonalità che spaziano dal bianco al rosa.


    Baldellia ranunculoides: Parassiti e malattie

    baldellia La cocciniglia e gli afidi possono rovinare completamente i fiori e i nuovi boccioli. Entrambe le malattie possono essere combattute utilizzando appositi prodotti per eliminare i parassiti. Per il resto non si segnalano malattie specifiche che attaccano in modo prevalente questa pianta.





    Esposizione
    Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, illuminato direttamente dai raggi solari per alcune ore al giorno.

     
    Posizione mezz'ombra
    Annaffiature
    Cerchiamo di annaffiare abbastanza regolarmente, in modo da avere un terriccio sempre leggermente umido; in genere può essere sufficiente annaffiare circa una volta a settimana.


    Tenere bagnato
    concimazione
    In inverno è consigliabile sospendere, o ridurre drasticamente, le concimazioni; infatti un eccessivo sviluppo di vegetazione tenera e di nuovi germogli esporrebbe eccessivamente le piante al rischio di gelate.


    Esigenze della piante a dicembre in un clima mediterraneo.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO