Eupatoria - Eupatorium cannabinum

Generalità eupatoria

L'Eupatoria o canapa d'acqua è un arbusto acquatico sempreverde, tondeggiante, originario dell'Europa, dell'Africa settentrionale e dell'Asia. In Italia l'Eupatorium cannabinum si trova abbastanza facilmente in moltissime zone di tutto il Paese, in zone umide con molta acqua e ombra com zone riparie e boschi di latifoglie, dal livello del mare sino ai 1000-1200 metri di altitudine. Produce fusti eretti, alti 100-150 cm, rossastri, densamente ramificati, che portano grandi foglie costituite da 3-5 foglioline dentellate, di colore verde scuro.

In estate all'apice dei fusti sbocciano grandi infiorescenze ad ombrello, di colore rosa acceso, costituite da piccoli fiori. Nello specifico si tratta di una infiorescenza composta da diversi capolini raggruppati in corimbi con fiori molto densi, che raggiungono i 10 cm di larghezza. I fiori, leggermente profumati, producono un frutto ad achenio di forma ovale, grande 3-4 mm, molto leggero, che può essere trasportato dal vento anche molto lontano.

Si tratta di una pianta che ha crescita abbastanza rapida e vigorosa e tende a colonizzare il terreno per mezzo di rizomi molto ramificati.

Dal rizoma sotterraneo si dipartono diversi fusti verso l'alto, che hanno un altezza variabile dai 50 cm ai 2 metri, consistenza legnosa e che possono occupare uno spazio in larghezza fino a 1,2 metri. L'eupatoria viene utilizzata nei giardini acquatici, pur essendo presente anche in forma spontanea lungo i corsi d'acqua e nelle zone umide. Fra i diversi utilizzi che si possono fare di questa pianta, si segnala che le foglie essiccate vengono utilizzate in erboristeria.

Eupatoria


Esposizione

Eupatoria Gli eupatorium cannabinum preferiscono posizioni soleggiate, ma crescono senza problemi anche a mezz'ombra; in luoghi completamente ombreggiati producono un numero esiguo di infiorescenze. Questo arbusto si può porre a dimora anche lontano da corsi d'acqua o in vaso, a patto di annaffiare abbondantemente e con regolarità, mantenendo il terreno umido.

  • eupatoria L'Eupatoria è rinomata fin dall'antichità per le proprietà medicali e curative che la caratterizzano. Con infusi e unguenti ricavati con i fiori e le radici della pianta in passato in Europa ed in Afr...


Terreno

Per quanto riguarda il terreno di coltivazione, i rizomi carnosi vanno interrati in terreni umidi, ricchi e sciolti, dove possano avere a disposizione il terreno necessario per allargarsi; L'Eupatorium cannabinum ha dimostrato di essere in grado di svilupparsi armoniosamente in qualsiasi tipo di terreno, purché umido, va quindi posta a dimora nei pressi di laghetti o corsi d'acqua poco profondi, in modo che il terreno circostante la pianta sia bagnato o anche sommerso da alcuni centimetri d'acqua.


Moltiplicazione

Parlando di canapa d'acqua e riproduzione, l'eupatoria non produce semi fertili, quindi la propagazione avviene per talea, oppure per divisione dei rizomi; le porzioni praticate vanno poste a radicare direttamente a dimora avendo cura di scegliere il terreno giusto e preparare il corretto miscuglio per la zona nella quale si pianterà la specie.


Eupatoria - Eupatorium cannabinum: Parassiti e malattie

Parlando di Eupatorium cannabinum e malattie, gli afidi spesso attaccano le infiorescenze, ricoprendole completamente; in seguito alle punture degli afidi spesso si possono verificare attacchi di fumaggine come conseguenza della produzione di melata da parte degli insetti.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Consigliamo di annaffiare la pianta solo se il terreno è completamente asciutto, evitando gli eccessi.


Tenere Umido
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO