Ottonia di palude, Scopa d'acqua - Houttuynia palustris

Generalità

L'Houttuynia palustris, o ottonia di palude, è una pianta acquatica tappezzante vivace originaria del Giappone e della Cina. Viene anche chiamata scopa d ' acqua. Forma densi ciuffi di fusti rossastri ricoperti da foglie a forma di cuore, verde-bluastro; in tarda primavera o all'inizio dell'estate produce lunghe infiorescenze costituite da grandi brattee bianche al cui centro spicca una spiga di fiorellini bianchi; ha sviluppo rapido e vigoroso, allargandosi per mezzo di stoloni carnosi. In autunno la parte aerea della foglia secca completamente, per poi rispuntare in estate. Raggiunge un'altezza di 25-30 centimetri. H. cordata Variegata ha grandi foglie con variegature crema; H. cordata Camaleon ha variegature crema, verde chiaro e rosso; queste due varietà hanno crescita più lenta e sviluppo più compatto rispetto alla specie.
Ottonia di palude


Esposizione

Ottonia L'Houttuynia palustris si sviluppa bene sia al sole che in mezz'ombra; al sole le foglie della scopa d ' acqua assumono colorazione più decorativa, soprattutto quelle delle specie variegate, mentre al riparo dai raggi diretti del sole la pianta di ottonia di palude ha una crescita più vigorosa.

Queste piante acquatiche amano particolarmente le sponde di laghi e corsi d'acqua, va interrata dove l'acqua raggiunge 7-10 centimetri di profondità. La temperatura dell'acqua in cui vengono coltivate le piante di questa varietà non dovrebbe superare i 25 °C per evitare che gli esemplari presentino segni di sofferenza.

Naturalmente, essendo una varietà acquatica, non sopporta nemmeno brevi periodi di siccità in quanto il terreno in cui viene coltivata deve essere sempre ricco di acqua.

  • salicaria La Lythrum salicaria, o salcerella, è una pianta erbacea perenne originaria dell'Europa e dell'Asia. Produce folti ciuffi, alti 100-150 cm, costituiti da sottili fusti eretti, semilegnosi alla base, a...
  • fiori di Trifoglio fibrino La Menyanthes trifoliata, conosciuta anche come trifoglio fibrino o trifoglione d'acqua, è una pianta acquatica perenne originaria del nord America. E' costituita da sottili fusti prostrati ricoperti ...
  • Morso di rana L'Hydrocharis morsus - ranae, comunemente conosciuta come morso di rana, è una pianta acquatica perenne, originaria dell'Europa centro-meridionale e dell'Asia. E' costituita da una piccola rosetta di ...
  • Sagittaria gigante La sagittaria latifolia o gigante è una pianta acquatica perenne originaria del nord America. Questa varietà di pianta acquatica produce tuberi bianchi o bluastri, delle dimensioni di un uovo, commest...


Terreno

scopa d'acqua L'Houttuynia palustris necessita di terreno ricco, sciolto, ben drenato; per allestire il substrato ideale, utilizzare del terriccio universale mescolato con sabbia e perlite.

Le piante di ottonia di palude possono essere coltivate anche in vaso, avendo cura, naturalmente, di controllare che il terreno possa mantenere la giusta umidità e non si asciughi. L'acqua del contenitore va cambiata almeno ogni 15 giorni.

Se si nota che gli esemplari di scopa d ' acqua hanno una crescita stentata e poco vigorosa potrebbe essere che l'acqua in cui sono sistemati presenti al suo interno poco nutrimento e sali minerali; in questi casi è possibile aggiungere all'acqua delle sostanze nutritive liquide, che aiuteranno lo sviluppo delle piante.


Moltiplicazione

fiori hottonia La moltiplicazione di questo genere di piante per ottenere nuovi esemplari avviene per talea, da far radicare in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali in modo tale che i nuovi germogli abbiano il tempo per svilupparsi e acquisire la necessaria forza che consentirà loro di crescere in modo rigoglioso; in primavera è possibile dividere i cespi più voluminosi, ponendo subito a dimora nel luogo in cui si intende coltivarle le piante nuove.


Ottonia di palude, Scopa d'acqua - Houttuynia palustris: Parassiti e malattie

foglie ottonia Questa pianta risulta essere piuttosto rustica e vigorosa; per questo motivo, non viene quasi mai attaccata da parassiti e malattie. Risulta quindi non necessario procedere con interventi preventivi a base di prodotti insetticidi, dato che queste piante possono provvedere in autonomia alla loro protezione.


Guarda il Video



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Le annaffiature devono essere abbastanza frequenti e regolari, ma senza eccedere: ricordiamo di bagnare il terreno in profondità e di lasciarlo asciugare prima di fornire altre annaffiature.


Tenere bagnato
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO