Loto, L. Indiano, Nelumbio - Nelumbo nucifera

Generalità

Il genere nelumbio comprende numerose specie di piante acquatiche perenni, conosciute soprattutto perchè risultano essere molto decorative.

Le piante di loto indiano, nome comune per le piante di nelumbo nucifera, producono grandi foglie grigio-bluastre, che salgono dal fondo e si aprono sulla superficie dell'acqua, galleggianti.

In estate il loto indiano produce numerosi fiori molto grandi, che restano aperti pochi giorni, cambiando colore di giorno in giorno. Alla crescita e allo sviluppo dei fiori segue la formazione di una grossa capsula legnosa che contiene i semi, molto bella anch'essa, infatti speso viene essiccata per essere utilizzata nelle decorazioni.

Questo genere di pianta è conosciuta comunemente come fior di loto, famoso per la bellezza dei suoi fiori che decorano al meglio qualsiasi specchio d'acqua.

nelumbio

Echinodorus Aflame - Piante d'acquario

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,14€


Esposizione

nelumbo Le piante di nelumbo nucifera vanno coltivate sul fondo di un laghetto posto in posizione soleggiata. Prima di piantare i bulbi di nelumbio è opportuno porli in un contenitore ampio, riempito parzialmente con terriccio, il bulbo di l. indiano si appoggia sul terriccio e si copre con una pietra; tenere i contenitori pieni d'acqua, in luogo caldo e soleggiato.

Quando i bulbi di nelumbio hanno prodotto almeno 4-5 foglie i contenitori si possono riempire di terra e quindi affondare in un laghetto o in uno stagno.

Se solitamente gli inverni della zona in cui si intende coltivare questo genere di pianta sono molto rigidi è opportuno levare i bulbi dall'acqua, quando le foglie sono seccate, e tenerli al buio in luogo fresco, avvolti nello sfagno fino alla primavera successiva per evitare che le temperature troppo rigide possono comprometterne la salute e la crescita. Possono anche essere conservate in un contenitore in cui si pone della sabbia umida.

  • Fior di Loto Si chiama fior di loto il fiore di una pianta acquatica originaria dell’Asia e dell’America, chiamata Nelumbo; al genere nelumbo appartengono solo due specie: nelumbo nucifera, di origine asiatica, de...
  • Fior di Loto vorrei sapere quale sono i fiori piu adatti da regalare ad un uomo elegante e in carriera per il suo compleanno. Grazie...

35 Live Aquarium Plants Collection Of Aquatic Plants For Your Fish Tank - Piante d'acquario

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,02€


Moltiplicazione

Loto in autunno è possibile tagliare i bulbi di melumbio a pezzi, per ottenere nuove piante da porre a dimora, cercando di mantenere una radice vigorosa e una nuova per ogni porzione praticata.

Le parti di bulbo di l. indiano vanno tenute in luogo abbastanza caldo, in un contenitore pieno di terriccio e acqua, fino alla primavera successiva. Solitamente i nuovi bulbi non producono fiori per il primo anno di coltivazione.

Volendo si possono anche utilizzare i semi delle nelumbo nucifera, che vanno estratti dalla capsula legnosa che li contiene, senza manipolarli troppo; in autunno e inverno si tengono in un luogo luminoso, immersi in acqua in un contenitore di vetro. L'anno successivo le piantine si affondano in un laghetto, fioriranno dopo alcuni anni.


Loto, L. Indiano, Nelumbio - Nelumbo nucifera: Parassiti a malattie

fior di loto i fior di loto sono una varietà piuttosto rustica e resistente, che ben si adatta alla facile coltivazione; sono piante che non temono molto l'attacco di parassiti o malattie, mentre risulta fondamentale fare attenzione all'esposizione a temperature troppo rigide che potrebbero compromettere la salute di questa varietà

Per avere una crescita ottimale è consigliabile concimare gli esemplari di questo genere una volta al mese in primavera e in estate.

Fare attenzione ad evitare eccessi di fertilizzante che provocano bruciature sulle foglie.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Si consiglia di annaffiarela pianta con regolarità, ma non troppo spesso, mantenendo il terreno umido; in questo periodo dell'anno può essere sufficiente annaffiare ogni 12-15 giorni.


Tenere bagnato
concimazione
In inverno è consigliabile sospendere, o ridurre drasticamente, le concimazioni; infatti un eccessivo sviluppo di vegetazione tenera e di nuovi germogli esporrebbe eccessivamente le piante al rischio di gelate.


Esigenze della piante a dicembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO