Scirpo - Scirpus

Generalità scirpus

A questo particolare genere appartengono circa duecento specie di piante acquatiche perenni, sempreverdi, diffuse nelle zone umide di tutto il globo; solo 10-15 specie vengono coltivate come piante ornamentali. Hanno fusti eretti, sottili, alti fino a 100-150 cm, con sottili foglie, generalmente poste alla base dei fusti; fusti e foglie sono di colore verde scuro, talvolta variegato di giallo, come in S. zebrinus. Dalla primavera all'estate all'apice dei fusti producono alcune spighe arcuate e ramificate, costituite da piccoli fiori di una colorazione marrone; ai fiori poi seguono i frutti: acheni, che a maturazione vengono diffusi dai corsi d'acqua.
Scirpo


Esposizione

Scirpo E' opportuno porre a dimora in luogo molto luminoso e soleggiato la pianta di scirpo; l'ombra eccessiva causa una scarsa crescita della pianta, e talvolta l'assenza di infiorescenze. Non temono il freddo. Per una coltivazione ottimale, le temperature devono essere comprese tra i 16 e i 24 °C. Per far si che la pianta si sviluppi e cresca durante l'intero anno, posizionarla in un luogo con temperatura non inferiore ai 13 °C. In questo modo non entrerà in riposo vegetativo e questo consentirà la crescita continua del nostro scirpo. Quando la temperatura è inferiore ai 7°, è preferibile spostarla in zone più calde per evitare danni fatali alla pianta.

  • salicaria La Lythrum salicaria, o salcerella, è una pianta erbacea perenne originaria dell'Europa e dell'Asia. Produce folti ciuffi, alti 100-150 cm, costituiti da sottili fusti eretti, semilegnosi alla base, a...
  • fiori di Trifoglio fibrino La Menyanthes trifoliata, conosciuta anche come trifoglio fibrino o trifoglione d'acqua, è una pianta acquatica perenne originaria del nord America. E' costituita da sottili fusti prostrati ricoperti ...
  • Morso di rana L'Hydrocharis morsus - ranae, comunemente conosciuta come morso di rana, è una pianta acquatica perenne, originaria dell'Europa centro-meridionale e dell'Asia. E' costituita da una piccola rosetta di ...
  • Sagittaria gigante La sagittaria latifolia o gigante è una pianta acquatica perenne originaria del nord America. Questa varietà di pianta acquatica produce tuberi bianchi o bluastri, delle dimensioni di un uovo, commest...


Terreno

scirpo Gli scirpus si sviluppano con le radici affondate nei terreni sommersi, vicino alle rive di fiumi e laghi; preferiscono terreni ricchi e non eccessivamente acidi; l'acidità del terreno e la salinità dello specchi d'acqua possono compromettere lo sviluppo della pianta. Se si desidera coltivare queste piante in vaso è bene sapere che le dimensioni di questo non devono superare i 12 cm di diamentro. Questo perchè la pianta, grazie alla sua capacità di rinnovamento e al suo rapido sviluppo, non ha bisogno di dimensioni più estese.


Moltiplicazione scirpo

La moltiplicazione della pianta di scirpo avviene per seme, alla fine dell'inverno; è anche possibile dividere i ciuffi, prelevando dei fusti già radicati, che vanno subito posti a dimora. Una delle tecniche di riproduzione più usate è la moltiplicazione per divisione. Vediamo di cosa si tratta.

La pianta con il passare del tempo tende a perdere la sua bellezza originaria, in particolar modo la parte centrale dello scirpo è quella che ne risente di più. Per questo motivo, ogni anno durante la stagione primaverile è opportuno scartare la parte centrale dello scirpus e mantenere solo la parte esterna. Per far si che la riproduzione avvenga nel migliore dei modi, la parte esterna deve avere almeno 20 foglie. Una volta scartata la parte più danneggiata, sistemare le porzioni prescelte in un vaso con altre tre per avere un vaso rigoglioso.


Scirpo - Scirpus: Parassiti e malattie

scirpo In generale, le piante di scirpus non sono particolarmente soggette all'attacco di parassiti e allo sviluppo di malattie se coltivate e curate bene. Gli afidi possono però ricoprire completamente le infiorescenze. Inoltre, una zona particolarmente illuminata e colpita dai raggi del sole potrebbe essere un luogo non adatto per la nostra pianta in quanto i raggi del sole seccherebbero le foglie causando malattie.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Si consiglia di annaffiare abbastanza frequentemente, ogni 3-4 giorni. In questo modo il terreno verrà mantenuto abbastanza umido, senza però essere eccessivamente inzuppato d'acqua.


Tenere bagnato
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO