Pandorea jasminoides

Generalità

pianta rampicante sempreverde, originaria dell'Australia e della Malesia; ha crescita vigorosa, e si sviluppa rapidamente fino ad un'altezza di 4-5 metri; i fusti sono sottili e molto ramificati, di colore verde brillante, tendono a lignificare alla base. Le foglie sono imparipennate, costituite da 5-7 piccole foglie lanceolate, abbastanza spesse e cuoiose, di colore verde scuro. Dalla primavera inoltrata fino a fine estate producono numerosi fiori a forma campanulata, con corolla allargata, che presenta cinque lobi; i fiori sono di colore rosa chiaro, con gola fucsia, ed emanano un delicato profumo, esistono anche varietà con fiore bianco candido. Ai fiori seguono piccoli frutti ovali, che liberano in autunno moltissimi semi scuri. P. andorrana ha fiori più piccoli, riuniti in grappoli, di colore rosa, bianco ed esistono anche cultivar a fiore giallo oro.
Pandorea


Esposizione

Pandorea Per far svillupare al meglio la Pandorea jasminoides è bene porre a dimora in luogo soleggiato, o anche semiombreggiato; un'esposizione eccessivamente ombreggiata può causare scarse fioriture; le pandoree possono sopportare temperature di alcuni gradi inferiori allo zero, ma gelate intense di lunga durata causano danni ingenti alle piante, che possono anche perdere l'intera parte aerea. Per mantenere le piante al meglio è quindi consigliabile porle a dimora in posizione riparata dal vento, altro fattore che può compromettere la salute della Pandorea jasminoides e, nelle regioni con inverni molto rigidi, anche dal freddo. Per questo motivo, nelle zone con inverni freddi, è consigliabile coltivare le piante in contenitore, e porle in serra fredda da novembre a febbraio.

  • Pandorea Rampicante abbastanza vigoroso, sempreverde, originario dell'Australia; nonostante quello che ci suggerisce il nome, questa pianta non somiglia per niente al gelsomino, in questo caso jasminoides deri...
  • Asarina La Asarina è una pianta erbacea rampicante originaria dell'America centrale; produce lunghi fusti sottili, volubili, abbastanza ramificati, che portano piccole foglie trilobate o cuoriformi, appuntite...
  • Dipladenia rosa ciao a tutti la mia dipladenia acquistata circa 1 mese fa.... ha delle foglie bruciacchiate e anche i nuovi rametti teneri con le foglioline sembrano bruciati i rametti nuovi sono rossastri mentre le ...


Annaffiature

fiori pandorea Per quanto riguarda la corretta fornitura d'acqua, durante i mesi primaverili ed estivi, è bene annaffiare regolarmente, soprattutto gli esemplari giovani; questi rampicanti possono sopportare periodi anche lunghi di siccità, ed è consigliabile attendere che il terreno asciughi perfettamente tra un'annaffiatura e l'altra; durante i mesi freddi si annaffia sporadicamente, inumidendo il terreno durante le giornate temperate. In autunno interrare ai piedi della pianta del concime organico maturo; da marzo a settembre fornire del concime per piante da fiore, ogni 15-20 giorni, sciolto nell'acqua delle annaffiature.


Terreno

pandorea Le piante di Pandorea jasminoides,generalmente, si sviluppano senza problemi in qualsiasi terreno, purché questo sia molto ben drenato; si può utilizzare del terriccio da compostaggio, mescolato con terriccio universale, poca sabbia e poco lapillo o pietra pomice. Gli esemplari in vaso in genere necessitano di essere rinvasati ogni anno, in autunno o a fine inverno per consentire un migliore sviluppo dell'apparato radicale.


Moltiplicazione

La moltiplicazione della Pandorea jasminoides avviene per seme, in primavera, oppure per talea in primavera o in autunno.


Pandorea jasminoides: Parassiti e Malattie

pandorea I fiori di questo genere di pianta vengono spesso attaccati dagli afidi. Per questo motivo, è bene, intervenire con prodotti antiparassitari specifici che consentano di proteggere gli esemplari dagli effetti di questi parassiti. E' anche possibile adottare dei metodi naturali, con un preparato a base di acqua, in cui si saranno fatte bollire delle teste di aglio. L'acqua andrà vaporizzata sugli esemplari attaccati dagli afidi, per eliminare in fretta il problema.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO