Aglaia odorata

Generalità

La Aglaia odorata è un arbusto o piccolo albero, originario dell’Asia centrale; le piante coltivate in piena terra possono raggiungere i 2-3 metri di altezza, ma si tratta di piante dalla crescita molto lenta, che spesso si mantengono al di sotto del metro di altezza.

Hanno fusto eretto, spesso abbastanza contorto, molto ramificato, la corteccia è grigiastra, con il passare degli anni diviene ruvida e fessurata; le foglie sono ovali, spatolate od appuntite, ricordano vagamente le foglie del ficus; sono di colore verde scuro, lucide e leggermente cuoiose, sempreverdi.

La fioritura avviene per tutto l’arco dell’anno; produce piccoli fiori, che ricordano i chicchi di riso, di colore giallo, riuniti in grappoli, dal profumo molto intenso e gradevole. Queste piante possono essere coltivate anche in contenitore, rinvasandole durante il periodo autunnale, ogni 3-5 anni.

Aglaia

Vivai Le Georgiche Callistemon Citrinus Splendens

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,2€


Esposizione

Aglaia Le piante di Aglaia odorata prediligono posizioni soleggiate, o anche semiombreggiate.

Le giovani piante temono il freddo e devono essere coltivate in serra fredda durante i mesi invernali, evitando di esporle al gelo;

gli esemplari di alcuni anni possono invece sopportare brevi gelate, ma è comunque consigliabile porle a dimora in luogo riparato dal vento oppure coprirle con agritessuto durante le settimane più rigide. Sono comunque piante abbastanza resistenti, ovviamente, bisogna valutare quando il clima è troppo rigido.

  • Eleagno L'Olivagno o Eleagnus è un genere che comprende circa 50 specie di alberi o arbusti sempreverdi o caduchi, originari dell'Asia. I fusti sono eretti, di colore scuro, densamente ramificati, difficilmen...
  • Azara L Azara microphylla è un arbusto o piccolo albero sempreverde originario dell'America meridionale che però si è diffuso anche nel nostro territorio. Se le condizioni di crescita sono favorevoli può ...
  • Pitosforo Il pittosporo appartiene alla famiglia delle pittosporaceae. E’ una pianta originaria dell’Asia orientale, dell’Africa e dell’Australia, da cui provengono la maggior parte delle specie, che sono cir...
  • pyracantha coccineum red column L'agazzino o pyracantha è un arbusto sempreverde, originario dell'Asia e dell'Europa, che ha una crescita piuttosto veloce e raggiunge abbastanza rapidamente i 2-3 m di altezza. Ha portamento eretto...

Vivai Le Georgiche Escallonia Macrantha Rubra

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,8€


Annaffiature

aglaia odorata Per quanto riguarda le esigenze di acqua di Aglaia odorata è consigliabile annaffiare con regolarità, attendendo però sempre che il terreno sia ben asciutto tra un’annaffiatura e l’altra, così da evitare che si possano formare dei pericolosi ristagni idrici che possono compromettere la salute della pianta.

Durante l’inverno annaffiare solo in caso di siccità prolungata, scegliendo le giornate più miti per fornire l’acqua alle piante.

Da marzo ad ottobre è consigliabile fornire del concime per piante da fiore, sciolto nell’acqua delle annaffiature, ogni 15-20 giorni.


Terreno

aglaia odorata Le piante di Aglaia odorata prediligono terreni ricchi, sciolti e profondi, ricchi di materia organica; si utilizza in genere un buon terriccio universale, mescolato con una piccola parte di stallatico ed un poco di sabbia, o altro materiale incoerente, atto a migliorare il drenaggio dell’acqua, per evitare dannosi ristagni idrici che compromettono la salute della pianta. Per quanto riguarda il rinvaso, è bene sapere che le piante adulte vanno rinvasate ogni 4 o 5 anni.


Moltiplicazione

La moltiplicazioni di questa varietà di piante avviene per seme, in primavera; in estate è possibile preparare talee semilegnose, utilizzando porzioni dell’apice dei fusti, che vanno fatte radicare in un miscuglio costituito da sabbia e torba in parti uguali; il contenitore con le talee va mantenuto umido fino alla radicazione delle talee stesse, ed in posizione semiombreggiata per permettere alle nuove piante di svilupparsi al meglio.


Aglaia odorata: Parassiti e malattie

aglaia odorata Talvolta i giovani germogli di questa tipologia di pianta vengono attaccati dagli afidi; la cocciniglia si annida spesso sulla pagina inferiore delle foglie.

Quando si nota la presenza di parassiti è bene intervenire in modo rapido, così da contrastare efficacemente i danni che questo tipo di problema può causare alla pianta. In commercio esistono numerosi prodotti che possono risolvere in modo definitivo l'attacco, tenendo presente che è bene intervenire prima della fioritura.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a novembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO