Azara microphylla

Generalità

L Azara microphylla è un arbusto o piccolo albero sempreverde originario dell'America meridionale che però si è diffuso anche nel nostro territorio.

Se le condizioni di crescita sono favorevoli può raggiungere dimensioni considerevoli, fino a 3-4 m di altezza e 1,5-2 m di larghezza.

La chioma è tondeggiante, molto ramificata, densa; le foglie sono piccole, ovali, scure, lucide e cuoiose. all'inizio della primavera produce una grande quantità di piccoli fiorellini color crema, intensamente profumati di vaniglia, di aspetto piumoso, costituiti da mazzetti di stami.

A. serrata ha foglie più grandi, produce fiorellini giallo-arancio e piccole bacche bianche in autunno.

A. M. variegata ha foglie più chiare variegate di giallo crema. Le foglie della azara sono molto decorative e i rami recisi vengono spesso utilizzati nelle composizioni floreali.

Se la pianta tende ad avere un portamento troppo allungato può venire potata anche in modo drastico, per darle la forma e il portamento desiderati.

Azara


Esposizione

Azara L'Azara microphylla preferisce posizioni parzialmente ombreggiate, che godano dei raggi del sole per almeno 2-5 ore nell'arco della giornata, possibilmente nel pomeriggio.

Sopporta senza problemi brevi periodi di gelo, ma non è indicata per i luoghi con inverni molto rigidi; le giovani piante vanno protette con tnt nel periodo invernale, per evitare che le gelate rovinino le foglie.

Infine, il terreno intorno al fusto può essere ricoperto con foglie e paglia, o con del materiale pacciamante in modo tale che la pianta rimanga più protetta dai rigori invernali.

  • Eleagno L'Olivagno o Eleagnus è un genere che comprende circa 50 specie di alberi o arbusti sempreverdi o caduchi, originari dell'Asia. I fusti sono eretti, di colore scuro, densamente ramificati, difficilmen...
  • Pitosforo Il pittosporo appartiene alla famiglia delle pittosporaceae. E’ una pianta originaria dell’Asia orientale, dell’Africa e dell’Australia, da cui provengono la maggior parte delle specie, che sono cir...
  • pyracantha coccineum red column L'agazzino o pyracantha è un arbusto sempreverde, originario dell'Asia e dell'Europa, che ha una crescita piuttosto veloce e raggiunge abbastanza rapidamente i 2-3 m di altezza. Ha portamento eretto...
  • Aucuba variegata L'Aucuba japonica è un piccolo arbusto sempreverde a portamento eretto originario del Giappone. Gli esemplari adulti raggiungono i due metri circa di altezza, anche se spesso le dimensioni di queste p...


Annaffiature

azara dentata L'Azara microphylla va annaffiata regolarmente da febbraio a ottobre, cioè nel suo periodo vegetativo, soprattutto nei periodi più caldi dell'anno in quanto teme il caldo afoso e i terreni asciutti; in inverno evitare di sospendere completamente le annaffiature, poichè periodi di siccità prolungati potrebbero compromettere lo sviluppo della pianta. E' bene però evitare gli eccessivi ristagni d'acqua.

Se la pianta è coltivata in vaso, anche se è piuttosto difficile visto l'altezza che può raggiungere, avrà necessità di una maggiore quantità di acqua in quanto il terreno intorno ad essa tenderà ad asciugarsi più rapidamente e non potrà godere dell'umidità presente in piena terra.


Terreno

Questa pianta ama terreni sciolti, ben drenati, ricchi di materia organica. Se il terreno del nostro giardino è molto pesante, si consiglia di preparare una buca molto ampia e di porre sul fondo argilla espansa o lapillo per migliorare il drenaggio, e terriccio da compostaggio.


Moltiplicazione

azara serrata In estate è possibile praticare delle talee semilegnose, utilizzando porzioni di 7-10 cm degli apici dei rami; far radicare in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali, quindi coltivare in contenitore in luogo protetto per almeno 2-3 anni prima di porre a dimora in giardino per dare modo alle nuove piante di acquisire maggiore forza e consistenza.


Azara microphylla: Parassiti e malattie

L'Azara microphylla può venire attaccata da afidi e da cocciniglie; per questo motivo è consigliabile intervenire con un trattamento preventivo con sostanze insetticide, prima, naturalmente, della comparsa dei fiori.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO