Banksia ericifolia

Generalità

La Banksia ericifolia è un arbusto di dimensioni medio grandi, originario dell’Australia; da alcuni anni questa specie è stata divisa in due varietà: B.e. var. ericifolia e B. e. var. macrantha, che ha infiorescenze leggermente più grandi della precedente. Si tratta di arbusti vigorosi e rustici, a crescita rapida, che raggiungono in pochi anni i 3-4 metri di altezza, infatti in Australia vengono spesso utilizzati nelle siepi. Il fogliame è di piccole dimensioni, sempreverde, di colore verde grigiastro, a forma di piccoli aghi, ricoperto da una sottile peluria. Dalla primavera inoltrata fino all’estate produce innumerevoli infiorescenze di grandi dimensioni, a forma di pannocchie erette, alte fino a 25-30 cm, di colore giallo o arancione; le infiorescenze di banksia hanno una caratteristica forma, simile a quella dei fiori del callistemon. Una volta appassiti i fiori sulla pianta rimangono i frutti, delle specie di pigne dure, di colore vere, che contengono i semi. Questi grandi arbusti hanno un aspetto molto decorativo ed esotico, e nonostante questo ben si adattano ai giardini europei.
Banksia


Esposizione

Banksia Le piante di Banksia ericifolia si pongono a dimora in luogo soleggiato o semiombreggiato; non temono il gelo, anche se intenso, ma è consigliabile posizionarle in luogo non troppo soggetto ai venti invernali. Sopportano senza problemi le alte temperature estive e i venti salmastri, ma non quelli troppo freddi. Hanno anche la capacità di ricrescere dopo un incendio.

  • proteaceae Le proteacee sono un'ampia famiglia di piante sempreverdi, in genere alberi o arbusti, originari dell'emisfero Australe; esistono centinaia di specie, tutte adattatesi alla vita in ambienti con stagio...
  • Eleagno L'Olivagno o Eleagnus è un genere che comprende circa 50 specie di alberi o arbusti sempreverdi o caduchi, originari dell'Asia. I fusti sono eretti, di colore scuro, densamente ramificati, difficilmen...
  • Azara L Azara microphylla è un arbusto o piccolo albero sempreverde originario dell'America meridionale che però si è diffuso anche nel nostro territorio. Se le condizioni di crescita sono favorevoli può ...
  • Pitosforo Il pittosporo appartiene alla famiglia delle pittosporaceae. E’ una pianta originaria dell’Asia orientale, dell’Africa e dell’Australia, da cui provengono la maggior parte delle specie, che sono cir...


Annaffiature

Banksia Da marzo ad ottobre le piante di Banksia ericifolia vanno annaffiate sporadicamente, lasciando il terreno asciutto per alcuni giorni prima di annaffiare ancora. Durante i mesi freddi possiamo sospendere le annaffiature, intervenendo solo in caso di prolungata siccità, soprattutto nel caso di esemplari coltivati in vaso. E' bene controllare che non si formino ristagni d'acqua alla base della pianta, che potrebbero comprometterne la salute.

Nel periodo vegetativo è bene fornire un concime per piante acidofile una volta al mese per dare alla pianta tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno.


Terreno

Banksia La Banksia ericifolia predilige un terreno acido, molto ben drenato e con scarsa ritenzione idrica. In genere si utilizza terriccio specifico per piante acidofile, costituito da una buona parte di torba, mescolato con pari quantità di sabbia di fiume. Gli esemplari coltivati in vaso vanno rinvasati ogni 2-3 anni per fornire loro terreno fresco e ricco di sostanze nutritive e per consentire un migliore sviluppo dell'apparato radicale.


Moltiplicazione

La moltiplicazione di questo tipo di pianta avviene in genere per seme; la propagazione per talea non dà sempre buoni risultati, è quindi consigliabile preparare un alto numero di talee, da interrare in un terreno mescolato a torba e sabbia, per garantire il giusto drenaggio.


Banksia ericifolia: Parassiti e malattie

banksia in genere le piante di Banksia ericifolia sono resistenti e non vengono attaccate da parassiti. In caso di terreno con ph molto elevato possono soffrire di clorosi ferrica e, per questo motivo, è bene intervenire con integratori specifici che contrasteranno il fenomeno, o se la pianta è coltivata in vaso, predisporre un rinvaso in un terreno più adatto alle esigenze della pianta.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Durante i mesi autunnali le piante si preparano all'inverno; le esigenze sono quindi diverse rispetto a quelle dei mesi caldi: le concimazioni saranno meno ricche in azoto, per evitare che le piante producano eccessiva vegetazione tenera, molto sensibile al freddo; il concime si fornisce una volta al mese, scegliendone uno specifico per acidofile, ricco in potassio e fosforo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO