Berberidopsis corallina

Generalità

Questo tipo di pianta è un arbusto rampicante sempreverde originario del Cile; in condizioni ottimali può raggiungere i 5-6 metri d' altezza. I fusti sono sottili e flessibili, di colore verde scuro, molto ramificati; portano ampie foglie scure, lucide, tondeggianti, con il margine dentellato o leggermente spinoso; per tutta l'estate produce mazzetti penduli costituiti da piccoli fiori di colore rosso intenso, a forma di lanterna; in tarda estate sono seguiti da piccole bacche di colore rosa, contenenti i semi. Queste piante necessitano di un sostegno e sono ideali per ricoprire un muro o un pergolato. Per mantenere un aspetto più compatto e denso è consigliabile accorciare leggermente i rami alla fine dell'inverno.
berberidopsis

1 PIANTA DI EDERA HELIX VASO 11CM hedera rampicanti muro pergola

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Esposizione

Pianta corallo Parlando di berberidopsis corallina ed esposizione, ricordatevi di porre in posizione semiombreggiata e riparata; in genere questi esemplari possono sopportare temperature vicine ai -5°C, vanno però tenute in luogo riparato dal vento e dal freddo eccessivo; in luoghi con inverni molto rigidi necessitano di una copertura di tnt per poter sopravvivere al meglio altrimenti possono seccare durante la stagione fredda a causa delle temperature troppo basse.

    Vivai Le Georgiche Akebia Quinata

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 15€


    Annaffiature

    berberidopsis corallina Annaffiare regolarmente la berberidopsis corallina, ma con moderazione, attendendo che il terreno sia ben asciutto tra un'annaffiatura e l'altra; se la primavera presenta molte precipitazioni queste piante si possono accontentare delle piogge.

    Durante i mesi invernali annaffiare soltanto in caso di lunghi periodi di siccità, durante giornate con clima tiepido. La berberidopsis corallina soffre i terreni ristagnanti ed umidi e bisogna prestare attenzione a non esagerare con le quantità di acqua nel terreno per evitare la formazione di pericolosi ristagni idrici che comprometterebbero la salute della pianta.


    Terreno

    Come già anticipato,gli arbusti di questo varietà necessitano di terreno molto ricco e profondo, ben drenato e privo di ristagni idrici; il terreno deve essere anche leggermente acido, completamente privo di calcare per fare in modo che questa pianta cresca nel migliore dei modi.


    Moltiplicazione

    berberidopsis La moltiplicazione di queste piante avviene per seme, alla fine dell'inverno, conservando i semenzai in luogo caldo, umido e ombreggiato per consentire ai nuovi germogli di svilupparsi al meglio, senza pericolo che possano rovinarsi per degli improvvisi sbalzi termici. In estate è possibile praticare talee prelevate dai fusti degli esemplari adulti, che andranno fatti radicare in un terreno ricco e ben drenato.


    Berberidopsis corallina: Parassiti e malattie

    Per quanto riguarda le malattie di queste specie, in caso di terreno scarsamente acido possono venire colpite da clorosi ferrica; talvolta le foglie vengono colpite dall'oidio o dalla cocciniglia., malattie comuni di molte piante ornamentali. E' bene, per questo motivo, prima della ripresa vegetativa, intervenire con dei prodotti fitosanitari ad ampio spettro, che garantiscano la giusta protezione alle piante. Per contrastare i sintomi della clorosi ferrica, in commercio, sono disponibili appositi integratori da fornire alla pianta, per eliminare il problema.

    Se la pianta viene coltivata in modo errato deperisce e c'è una maggiore probabilità che delle malattie anche banali facciano seri danni alle nostre piante di berberidopsis corallina.





    Esposizione
    Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

     
    Posizione mezz'ombra
    Annaffiature
    Durante i mesi freddi annaffiare saltuariamente, inumidendo il terreno ogni 25-30 giorni, evitando di bagnare eccessivamente il substrato.


    Tenere asciutto
    concimazione
    Si consiglia di sospendere le concimazioni durante il periodo invernale; un eccessivo apporto di nutrienti infatti favorirebbe lo sviluppo di nuova vegetazione, troppo sensibile alle basse temperature.


    Esigenze della piante a dicembre in un clima continentale.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO