Calocephalus brownii

Generalità

Il Calocephalus brownii è un arbusto perenne sempreverde di medie dimensioni, originario dell'Australia; i sottili fusti, molto ramificati, sono di colore verde-grigiastro, quasi argenteo, così come le foglie lineari, che rendono l'arbusto decorativo per tutto l'arco dell'anno.

Si pone a dimora in autunno, ricordando che la pianta può raggiungere i 120-150 cm di altezza e circa 60 cm di diametro. In primavera produce piccole infiorescenze sferiche, costituite da fiori di colore giallo verdastro, molto particolari, all'apice dei fusti; in estate i fiori vengono sostituiti dai frutti, piccole bacche grigio- biancastre.

I calocephalus sono molto adatti nelle aiole di perenni, ed anche tra le aromatiche; in effetti questi arbusti non hanno vita molto lunga, ma sono molto decorativi; talvolta vengono coltivati come piante annuali, nelle bordure basse, o nei vasi di annuali, e vengono estirpati all'arrivo dell'inverno.

Calocephalus


Esposizione

Calocephalus I Calocephalus brownii vanno posti a dimora in luogo soleggiato, o anche semi ombreggiato; in genere possono sopportare temperature vicine ai -5°C anche se preferiscono temperature più miti, intorno ai 10-15 °C.

E'consigliabile posizionare questa varietà di piante in luogo riparato dal vento e, durante la stagione invernale, coprire il terreno circostante con foglie secche o materiale pacciamante in modo da proteggere le radici dalle rigide temperature.

Le piante di questa varietà ben si prestano alla coltivazione in vaso, date le ridotte dimensioni che raggiungono; in questo modo è possibile ripararle al meglio durante il periodo più freddo.

  • piante da giardino In questa sezione parliamo di arbusti.Una raccolta di schede dettagliate sulle diverse specie coltivate nei nostri giardini.I consigli per una giusta scelta in base alle esigenze della vostra aiuo...
  • Mimosa  La mimosa (acacia dealbata) è un albero originario della Tasmania, ma che, giunto nel nostro paese verso la metà del 1800, si è adattato benissimo al clima della Riviera Ligure e a quello delle region...
  • Corbezzolo Albero o arbusto sempreverde originario dell'Irlanda e dei paesi che si affacciano sul mediterraneo, che può raggiungere i 9-10 metri di altezza, ma che più comunemente rimane di dimensioni intorno ai...
  • Cornus alba Questi arbusto presenta foglie caduche originario dell'Asia centro-meridionale, che raggiunge i 150-200 cm di altezza. I fusti sottili hanno portamento eretto, ramificano abbondantemente con il pass...


Annaffiature

Calocephalus Le piante di Calocephalus brownii sono abbastanza rustiche e resistenti e per quel che riguarda l'annaffiatura non hanno particolari esigenze, accontentandosi spesso delle sole piogge.

Ovviamente, da marzo a ottobre, è consigliato annaffiare in caso di prolungati periodi di siccità, attendendo comunque che il terreno sia perfettamente asciutto tra un'annaffiatura e l'altra per evitare ristagni d'acqua che possono compromettere la salute della pianta o provocare dei marciumi radicali. Durante il periodo vegetativo fornire del concime per piante da fiore, ogni 20-25 giorni, sciolto nell'acqua delle annaffiature.


Terreno

Calocephalus I calocephalus si coltivano in terreno soffice, ricco e molto ben drenato per evitare i fastidiosi e pericolosi ristagni d'acqua. E' possibile predisporre anche la coltivazione in vaso, necessaria soprattutto per gli esemplari più giovani e delicati.


Moltiplicazione

La moltiplicazione dei calocephalus può avvenire per seme e per talea. La moltiplicazione per seme può essere applicata in primavera o a fine estate; in estate è anche possibile praticare talee semilegnose, prelevando dei rametti di 8-10 cm da sistemare nel terreno in una zona luminosa ma non ai raggi diretti del sole, dopo aver favorito la crescita delle radici immergendo il taglio nell'ormone in polvere per radici, che può essere reperito da un buon vivaista.


Calocephalus brownii: Parassiti e malattie

calocephalus brownii Le piante di Calocephalus brownii possono venire colpiti dall'oidio, dal marciume radicale e dagli afidi. In caso di sintomi che segnalino la presenza di un parassita o una malattia è indispensabile agire in fretta per risolvere definitivamente il problema, utilizzando i prodotti specifici presenti in commercio.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO