Celastro - Celastrus orbiculatus

Generalità

Il Celastrus orbiculatus o celastro è una vigorosa pianta rampicante decidua originaria dell'Asia orientale. Questo rampicante cresce rapidamente, avvinghiandosi ai sostegni e crescendo fino a 5-6 metri di lunghezza. I fusti sono scuri, semilegnosi o legnosi; le foglie sono verde scuro, arrotondate, con margine finemente seghettato, cerose.

In primavera produce numerosi grappoli di fiori verdastri, che sbocciano all'ascella fogliare; in estate i fiori lasciano il posto a decorative bacche legnose di colore verde o giallo, che maturando tendono a spaccarsi lasciando intravedere le bacche carnose che contengono, di colore rosso brillante.

Di solito, questo tipo di pianta cresce anche allo stato spontaneo, ma può essere coltivata con soddisfazione viene spesso impiegata nelle composizioni floreali, grazie alla sua resa estetica.

E' consigliabile ricorrere alla potatura per evitare che possa crescere eccessivamente, dato che si tratta di un rampicante piuttosto invasivo.

celastro


Esposizione

celastrus orbiculatus Il Celastrus orbiculatus è un arbusto rustico e resistente che preferisce posizioni soleggiate, ma che riesce a crescere anche in zone ombreggiate o di mezzo'ombra. Il celastro è una pianta resistente e sopporta molto bene il freddo invernale, ma non l'azione del vento, quindi è consigliabile porlo a dimora in un luogo riparato dai forti venti.

Anche durante gli inverni più rigidi riesce a resistere senza bisogno di particolari protezioni.

  • piante da giardino In questa sezione parliamo di arbusti.Una raccolta di schede dettagliate sulle diverse specie coltivate nei nostri giardini.I consigli per una giusta scelta in base alle esigenze della vostra aiuo...
  • Mimosa  La mimosa (acacia dealbata) è un albero originario della Tasmania, ma che, giunto nel nostro paese verso la metà del 1800, si è adattato benissimo al clima della Riviera Ligure e a quello delle region...
  • Corbezzolo Albero o arbusto sempreverde originario dell'Irlanda e dei paesi che si affacciano sul mediterraneo, che può raggiungere i 9-10 metri di altezza, ma che più comunemente rimane di dimensioni intorno ai...
  • Cornus alba Questi arbusto presenta foglie caduche originario dell'Asia centro-meridionale, che raggiunge i 150-200 cm di altezza. I fusti sottili hanno portamento eretto, ramificano abbondantemente con il pass...


Annaffiature

celastrus Per quanto riguarda la fornitura d'acqua, è consigliabile annaffiare il celastro sporadicamente, soltanto in periodi di prolungata siccità; normalmente la pianta si accontenta delle piogge stagionali e riesce a trovare l'acqua necessaria grazie al suo sviluppato apparato radicale.

Controllare che alla base della pianta non si formino pericolosi ristagni idrici, che potrebbero comprometterne la salute.

In primavera interrare del concime organico ben maturo ai piedi della pianta.


Terreno

celastro Il Celastrus orbiculatus preferisce terreni sciolti, ben drenati, ricchi di materia organica, ma, essendo una pianta rustica, spesso cresce anche in terreni sfavorevoli, poveri e siccitosi. Il terreno ideale per il suo sviluppo è quello di tipo non calcareo.


Moltiplicazione

La moltiplicazione del Celastrus orbiculatus avviene con facilità per seme in primavera e la pianta di celastro tende anche ad autoseminarsi. Volendo si può propagare anche tagliando una porzione delle radici: stoloni carnosi da cui spesso crescono polloni. Le porzioni praticate possono essere messe direttamente a dimora. Nel periodo autunnale si può propagare per propaggine, facendo radicare bene le nuove piantine, prima di piantarle definitivamente.

I semi possono essere utilizzati anche a novembre, ponendoli a dimora in appositi contenitori posti in serra fredda, dove potranno germinare in tranquillità. La germinazione avviene dopo quattro mesi.


Celastro - Celastrus orbiculatus: Parassiti e malattie

celastro Il celastro è una pianta rustica e resistente che ben si difende da parassiti e malattie, però, l'oidio e la ruggine possono causare danni alle foglie, senza farci preoccupare per la sopravvivenza della pianta. Gli afidi attaccano i fiori e i frutti, rovinando le parti più decorative della pianta. Tripidi e larve defogliatrici possono rovinare le foglie.

In caso di presenza di parassiti è bene intervenire con l'utilizzo di prodotti specifici che risolveranno in breve tempo il problema.





Esposizione
Pianta che predilige le posizioni ombreggiate, evitare l'esposizione ai raggi diretti del sole.

 
Posizione ombreggiata
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO