Plumbago blu - Ceratostigma plumbaginoides

Generalità

Il plumbago blu è un arbusto perenne deciduo, originario della Cina e dell'Asia centrale. I fusti sono sottili, arcuati o ricadenti, si sviluppano a partire da rizomi carnosi, che tendono ad alargarsi, rendendo la pianta tappezzante; le foglie sono ovali, di colore verde scuro, spesse e cuoiose, diventano color bronzo in autunno , prima di cadere dalla pianta.

La parte aerea di questi esemplari dissecca completamente durante i mesi più freddi dell'anno, ricominciando a svilupparsi in tarda primavera; a partire da giugno inoltrato, fino alla fine di settembre, produce numerosi fiorellini ad imbuto, riuniti in grappoli, di colore blu intenso, simili ai fiori del plumbago, rispetto al quale è molto più rustico.

Molto utilizzato nei giardini rocciosi, il ceratostigma plumbaginoides può essere posto a dimora anche in contenitore.

Ceratostigma

Fiore - Sedum album - Bianco Borracina - 25000 Seme - Confezione Maxi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,03€


Esposizione

Ceratostigma Gli esemplari di ceratostigma plumbaginoides prediligono le posizioni collocate in zone soleggiate dove possano ricevere alcune ore di luce diretta al giorno; si sviluppano molto bene anche a mezz'ombra, soprattutto nei luoghi con estati molto calde dove le temperature molto elevate e i raggi solari diretti potrebbero rovinare gli esemplari di plumbago blu.

Le piante di questo genere non temono il freddo, anche se inverni particolarmente rigidi possono rovinare molto la pianta, che difficilmente produrrà fiori durante l'estate successiva.

Di solito, nella stagione invernale questo genere di pianta entra in riposo vegetativo e la parte aerea disseca completamente, per poi riformarsi nella stagione primaverile.

  • Lotus Il Lotus berthelotii è una pianta erbacea perenne originaria delle isole Canarie, semi sempreverde; ha portamento rampicante o prostrato, raggiunge i 25-30 cm di altezza, ma tende ad allargarsi molto ...
  • piante perenni Con il termine generico Perenni si intendono quelle piante erbacee che hanno uno sviluppo pluriennale, quindi rimangono nel nostro giardino per anni, contrariamente a quanto accade alle annuali, che i...
  • Eliotropio al genere heliotropium appartengono circa duecentocinquanta specie di piante, diffuse in gran parte delle zone temperate del pianeta; Heliotropium arborescens è una pianta erbacea, perenne, sempreverd...
  • potentilla fructicosa red ace Piccolo arbusto a foglia caduca, originario dell'America settentrionale e dell'Asia; esistono circa cinquecento specie di potentilla, diffuse in tutto il globo, soltanto alcune vengono coltivate come ...

NITROPHOSKA SPECIAL CONCIME UNIVERSALE IN SACCO DA 25 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,5€


Annaffiature

plumbago blu Per quel che concerne la corretta fornitura di acqua, è bene procedere con annaffiature regolari, soprattutto nei mesi più caldi dell'anno; queste piante sopportano senza problemi brevi periodi di siccità e temono i ristagni idrici, che possono causare danni anche gravi all'apparato radicale.

Da giugno a settembre fornire del concime per piante fiorite mescolato all'acqua delle annaffiature, ogni 10-15 giorni così che la pianta possa ricevere tutte le sostanse nutritive di cui a bisogno per svilupparsi al meglio.


Terreno

plumbago blu Per avere una buona crescita dei plumbago blu è bene porre a dimora le piante di questa varietà in terreno molto ben drenato; queste piante si sviluppano senza problemi in qualsiasi terreno, anche povero e sassoso, purchè esente da ristagni idrici che risultano essere particolarmente dannosi per i plumbago blu.


Moltiplicazione

La riproduzione di queste piante per ottenere nuovi esemplari avviene per talea in autunno, oppure per divisione dei cespi, all'inizio della primavera. I ceratostigma plumbaginoides si possono anche seminare, in marzo-aprile, in semenzaio o direttamente a dimora quando le temperature esterne risultano gradevoli e non c'è più il rischio di gelate tardive che potrebbero compromettere la germinazione.


Plumbago blu - Ceratostigma plumbaginoides: Parassiti e malattie

plumbago blu queste piante, che presentano grandi doti di rusticità e resistenza, in genere non vengono attaccate da parassiti o da malattie. Possono però presentare grossi problemi e l'insorgenza di marciumi radicali pericolosi se il terreno in cui sono sistemate non permette il drenaggio dell'acqua e si formano alla base della pianta dei ristagni d'acqua.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta direttamente ai raggi del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare eccessivamente; in genere è sufficiente fornire acqua ogni 15-20 giorni, o anche meno; più il clima è freddo e meno la pianta necessita di annaffiature; si consiglia di sospendere le annaffiature durante i periodi con temperature molto rigide.


Tenere asciutto
concimazione
In inverno è consigliabile sospendere, o ridurre drasticamente, le concimazioni; infatti un eccessivo sviluppo di vegetazione tenera e di nuovi germogli esporrebbe eccessivamente le piante al rischio di gelate.


Esigenze della piante a dicembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO