Escallonia

Generalità

Non sempre è facile trovare un arbusto che si addica perfettamente al nostro giardino; un problema comune sono le siepi, che molto spesso vengono costituite con le stesse, solite piante; molto belle e facili da coltivare, sicuramente, ma anche così comuni e diffuse da farci spesso perdere di interesse nei loro confronti. Se vogliamo preparare una siepe, ma non desideriamo porre a dimora le “solite” Fotinie, o forse desideriamo qualcosa con dei fiori più vistosi, possiamo decidere di cercare in vivaio una bella varietà di Escallonia.

Queste piante, la cui coltivazione ci da decisamente poche preoccupazioni, hanno una lunga serie di vantaggi; sono originarie del continente americano, e ne esistono varie specie e varietà.

Si tratta di arbusti sempreverdi, abbastanza vigorosi, che non temono eccessivamente il gelo e si sviluppano bene al sole delle estati italiane; il fogliame è scuro e lucido, molto gradevole; per tutta l’estate, all’apice dei rami, producono piccoli racemi, che riuniscono tanti piccoli fiori a stella, di colore bianco, rosa o fucsia, spesso molto profumati. L’escallonia è perfetta per chi desidera una bella siepe impenetrabile, con fiori per lunghi mesi; ma sono ideali anche da coltivare come esemplari singoli, soprattutto per quanto riguarda le varietà con foglia più grande o con fiori dai colori molto accesi.

Per chi possiede solo un terrazzo, o ama in modo particolare le piante in vaso, esistono anche varietà nane di escallonia, piccole palle che si ricoprono completamente di fiorellini a stella.

Escallonia

Vivai Le Georgiche Escallonia Donard Radiance

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,4€


Coltivare l’escallonia

Escallonia Questi arbusti prediligono posizioni soleggiate o semi-ombreggiate, anche perché, se posti a dimora in una zona molto ombreggiata o buia, tendono a non fiorire, perdendo la gran parte della loro gradevolezza.

La fioritura è estiva, e avviene sui rami nuovi, quindi se vogliamo piante piane di fiori è opportuno praticare una bella potatura a inizio primavera, quando le minime notturne cominciano già ad alzarsi; in questo modo stimoleremo lo sviluppo di molti nuovi rami, e quindi una fioritura molto più abbondante. Oltre a questo, un potatura regolare aiuta a mantenere la siepe più ordinata e favorisce lo sviluppo di arbusti più densi e fitti, di forma più gradevole. Sviluppandosi liberamente infatti spesso l’escallonia tende ad assumere un aspetto abbastanza disordinato e poco compatto, non sempre elegante.

Il terreno dovrà essere ricco e molto ben lavorato, possibilmente caratterizzato da un buon drenaggio, in modo che non avvengano ristagni idrici, che potrebbero dimostrarsi molto dannosi per l’arbusto. Le annaffiature si forniscono solo durante la bella stagione, e solo quando il terreno è ben asciutto, in quanto queste piante non amano gli eccessi di annaffiature, e sopportano abbastanza bene la siccità. L’escallonia è una pianta abbastanza rustica, che può sopportare brevi gelate; se viviamo in una zona caratterizzata da inverni decisamene molto freddi, è opportuno posizionare le piante vicino ad un muro o comunque ini luogo ben riparato dal vento; altrimenti è probabile che a fine inverno la pianta possa subire dei danni causati dal freddo. In genere, occasionali bruciature causate dal gelo possono venire semplicemente asportate con la potatura, per stimolare lo sviluppo di nuova vegetazione sana.

La concimazione è abbastanza importante, ma, come avviene per la gran parte degli arbusti da giardini, è consigliabile fornirla con un concime a lenta cessione, che andrà fornito a fine inverno, e si scioglierà progressivamente con il passare delle settimane.

  • escallonia Buongiorno, la mia domanda è: la Escallonia potrebbe essere piantata come divisorio in una strada ad alta concentrazione di traffico? Aldo...
  • Fiori di escallonia Salve Giardinaggio.it, vi seguo sempre sul sito, sono un pollice verde molto dilettante e ho usufruito spesso dei vostri consigli per le mie piantine da balcone. ultimamente però non ho trovato una so...
  • escallonia vorrei sapere se l'escallonia posso piantarla in vasi 80x50 h 60 posizionati a ridosso di un muroabito zona Chianti con sole forte d'estate e gelo d'inverno. la pianta fa molte radici?voi cosa mi ...

Vivai Le Georgiche Escallonia Red Dream

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,6€


Potare le siepi

Escallonia In genere per preparare delle siepi si utilizzano arbusti vigorosi e resistenti, che sopportino bene il freddo e che abbiano un buono sviluppo ogni anno. Purtroppo non è sempre facile trovare l’arbusto più adatto, in quanto se si sceglie un arbusto decisamente molto vigoroso, come avviene per il lauroceraso, la piracanta o il bambù, si sarà poi costretti a praticare più potature nell’arco dell’anno, per contenere lo sviluppo esuberante delle piante; se invece si sceglie una pianta a crescita lenta, come il bosso o alcune varietà di ilex, si rischia di attendere molti anni prima di avere una vera e propria siepe, oppure di dover tenere una siepe piena di “buchi” in seguito a intemperie o ad inverni molto freddi, che ci costringono a potature drastiche dei rami rovinati del freddo. Quando scegliamo una siepe quindi, informiamoci dal nostro vivaista delle caratteristiche di sviluppo peculiari di ogni singola specie e varietà, per non dover poi subire passivamente lo sviluppo per noi non consono della pianta che ci piaceva tanto.

Oltre a questo, particolare attenzione deve essere posta quando si pota una siepe che è stata scelta per i suoi fiori. Infatti non tutte le piante hanno lo stesso comportamento, e non tutte necessitano di potature nello stesso identico periodo dell’anno. Alcune siepi infatti producono fiori solo sui rami nuovi, quelli germogliati nella primavera corrente; è questo il caso dell’escallonia, ma anche delle rose e degli oleandri; su questo tipo di siepi, una vigorosa potatura a fine autunno o a fine inverno, porta quasi certamente ad una abbondante fioritura durante la bella stagione successiva. Altre piante invece preparano i boccioli già in primavera o in autunno, e quindi i loro fiori sbocceranno sui rami vecchi, che hanno già almeno qualche mesi di vita; è questo il caso di forsizia, albero di giuda, viburno; se quindi decidiamo di potare vigorosamente la nostra siepe di forsizia, a fine inverno, avremo il risultato di rimuovere la gran parte delle gemme a fiore, rimuovendo anche gran parte dell’attrattiva della siepe.

Ricordiamoci sempre che le gli arbusti hanno comportamenti molto diversi tra loro, è quindi difficile generalizzare, nonostante spesso si trovino guide che danno consigli del tipo; in febbraio si potano le piante da siepe. Vero è che, una potatura a fine inverno, ci aiuta a tenere in ordine il giardino, ma se ci priva anche dei fiori, forse è il caso di attendere un momento più propizio, e guardare ancora per qualche settimana il giardino “in disordine”.


Escallonia Rubra

Escallonia Arbusto eretto molto vigoroso, altezza fino a 4,5 m diametro 6 cm, sempreverde con foglie lucide e aromatiche. Specie a crescita e portamento non compatto con foglie lucide, ovate o lanceolate.

I fiori:

tubulosi rossi riuniti in pannocchie terminali, sbocciano in luglio agosto.

Moltiplicazione: in agosto - settembre si prelevano talee lunghe 8-10 cm dai rami non fioriti semilegnosi, con una porzione del ramo portato, e si mettono a radicare in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali, in cassone freddo, alla temperatura massima di 13-16 °C. Le talee radicate s'invasano singolarmente in contenitori di 7 cm, riempiti con la composta da vasi; durante l'inverno si tengono in cassone freddo. In maggio s'interrano i contenitori all'aperto; la messa a dimora si effettua in aprile dell'anno successivo.

Esposizione: soleggiata o parzialmente ombreggiata

Temperatura: non tollera il freddo; è consigliabile coltivarla al riparo di un muro e fornire protezioni durante l'inverno.

Annaffiatura: piuttosto moderata per tutto il corso dell'anno; l'importante è che il terreno non sia mai completamente asciutto.

Fertilizzazione: all'inizio della primavera, si consiglia di somministrare un fertilizzante polivalente.

Terreno: cresce bene in terricci universali da vaso ben drenati e fertili, che trattengono l'umidità.

Parassiti e malattie: mal del piombo che causa la morte dei rami; le foglie delle piante attaccate presentano sfumature metallica-argentee, quindi si accartocciano e cadono.






Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO