Exochorda x macrantha

Generalità

La Exochorda x macrantha è un arbusto deciduo di medie dimensioni originario dell'Asia centro-settentrionale. Ha fusti sottili, arcuati, di colore bruno o rosso-bruno; il portamento è tondeggiante e gli arbusti adulti raggiungono i 3-4 m di altezza. In tarda primavera questa pianta produce numerosissimi fiorellini a stella, di colore bianco candido; in estate inoltrata ai fiori succedono i frutti, capsule legnose pentalobate, che rimangono sulla pianta per mesi.

Le foglie di questa varietà sono oblunghe o arrotondate, di colore verde scuro, lucide; generalmente non assumono colore decorativo prima di cadere, mentre i frutti sono molto decorativi nei mesi autunnali.

Per un migliore sviluppo dell'arbusto e per garantirgli sempre una crescita rigogliosa è bene potarlo dopo la fioritura, asportando i rami poco sviluppati o disordinati.

Exocorda

LE corda LED, 5m 50 LEDs 1.2 V bianco Diurno, pannello Solare, Natale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€
(Risparmi 13€)


Esposizione

Exocorda La Exochorda x macrantha andrebbe posta in posizione soleggiata, preferibilmente ben arieggiata, e con la base dell'arbusto al fresco, anche all'ombra. E' comunque una varietà di pianta molto rustica e resistente; infatti questi arbusti non temono il freddo, e possono sopportare temperature vicine ai -15°C.

In caso di estati eccessivamente calde potrebbero necessitare di una leggera ombreggiatura per evitare che i raggi solari diretti possano rovinare la salute della pianta.

Essendo una pianta rustica è possibile coltivarla in giardino nel corso di tutto l'anno.

  • Corbezzolo Albero o arbusto sempreverde originario dell'Irlanda e dei paesi che si affacciano sul mediterraneo, che può raggiungere i 9-10 metri di altezza, ma che più comunemente rimane di dimensioni intorno ai...
  • Biancospino Il genere crataegus comprende circa duecento specie di alberi ed arbusti a foglia caduca, originari dell'Europa, dell'Asia e del nord America; hanno portamento eretto e producono una chioma disordinat...
  • Corniolo pianta florida rubra Il Corniolo, Cornus florida è un arbusto o piccolo albero caduco originario del nord america. Ha crescita lenta e si presenta come un alberello di taglia medio-piccola, con tronco abbastanza corto e c...
  • Chionanthus Il Chionanthus virginianus è un arbusto, o piccolo albero, a foglie caduche, originario dell'America settentrionale, che può raggiungere i 6-7 metri di altezza. Il tronco è eretto, spesso leggerme...

Vivai Le Georgiche JUNIPERUS COMMUNIS OBLONGA PENDULA (GINEPRO)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,3€


Annaffiature

exochorda x macrantha the bride eb Da marzo a settembre annaffiare regolarmente, soprattutto nei mesi più caldi e siccitosi. La Exochorda x macrantha preferisce i terreni umidi e freschi quindi quando le temperature sono molto elevate è importante fornire una maggiore quantità di acqua.

Nel periodo vegetativo è bene fornire del concime per piante da fiore, almeno ogni 15-20 giorni, mescolato all'acqua delle annaffiature. Nel caso di un nuovo trapianto è bene sistemare nel terreno del concime granulare a lenta cessione oppure dello stallatico ben maturo che fornisca gli elementi nutritivi necessari.


Terreno

exochorda La Exochorda x macrantha preferisce i terreni sciolti, ben drenati, ricchi di materia organica, leggermente acidi e che garantiscano un corretto grado di umidità. Per questo motivo, nei periodi più caldi è necessario fornire una maggiore quantità di acqua così da impedire un'eccessiva aridità. Al contempo è utile evitare i ristagni che potrebbero rivelarsi dannosi per la salute di questo arbusto.


Moltiplicazione

La moltiplicazione di questa varietà di pianta avviene per seme, in primavera, dopo aver stratificato i semi nella sabbia ed averli tenuti in frigorifero per 2-3 settimane.

Volendo in luglio-agosto è anche possibile prelevare talee dai nuovi germogli per impiantare poi in un vaso dove consentire loro di attecchire.


Exochorda x macrantha: Parassiti e malattie

exchorda La presenza di terreni eccessivamente ricchi di calcio o poveri di ferro bio disponibile possono favorire l'insorgenza di clorosi ferrica.

Verso la fine dell'inverno può essere utile intervenire con dei prodotti mirati che prevengano le possibili malattie fungine. L'utilizzo di prodotti insetticidi è consigliato solo quando non è già in atto la fioritura per evitare di compromettere l'azione degli insetti impollinatori.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta direttamente ai raggi del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare eccessivamente; in genere è sufficiente fornire acqua ogni 15-20 giorni, o anche meno; più il clima è freddo e meno la pianta necessita di annaffiature; si consiglia di sospendere le annaffiature durante i periodi con temperature molto rigide.


Tenere asciutto
concimazione
In inverno è consigliabile sospendere, o ridurre drasticamente, le concimazioni; infatti un eccessivo sviluppo di vegetazione tenera e di nuovi germogli esporrebbe eccessivamente le piante al rischio di gelate.


Esigenze della piante a dicembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO