Potentilla

Potentilla

Piccolo arbusto a foglia caduca, originario dell'America settentrionale e dell'Asia; esistono circa cinquecento specie di potentilla, diffuse in tutto il globo, soltanto alcune vengono coltivate come piante ornamentali. Ha portamento eretto, leggermente tondeggiante, con fusti semilegnosi, eretti, rigidi, molto sottili e densamente ramificati; le foglie sono di colore verde chiaro, sono rugose, con venature profondamente marcate, il margine è dentellato e alcune varietà hanno foglie profondamente divise. Da maggio sino ai primi freddi producono numerosissimi fiorellini a coppa, di colore giallo, rosso o rosa. Molto utilizzate come piante da bordura o nei giardini rocciosi, in genere si mantengono di dimensioni inferiori 50-60 cm.

Le potentille sono raramente delle piante appariscenti, ma risultano molto utili per la loro resistenza, per la lunga stagione di fioritura e per l’ampia gamma colori e portamenti disponibili. Ciò le rende ideali per le aiuole, la bordura mista e anche per il giardino roccioso, sempre che le condizioni di luce e di terreno siano compatibili con le sue esigenze.

potentilla fructicosa red ace

Hot Collection Seeds

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,11€
(Risparmi 9,9€)


Caratteristiche Potentilla

Si tratta di erbacee perenni appartenenti alla famiglia delle Rosaceae. Il genere comprende più di 500 specie tra annuali, biennali e perenni. Sono diffuse in quasi tutto l’emisfero boreale, dai monti ai prati. Prediligono in linea generale i terreni alcalini.

Alcune specie sono diffuse anche in Italia allo stato spontaneo (alcune sono tra l’altro infestanti piuttosto difficili da estirpare, cui bisogna sempre prestare grande attenzione). Quelle vendute nei vivai per essere inserite nei giardini sono invece quasi tutte di origine asiatica. In particolare quasi tutte provengono dall’area himalayana, dalla Cina e dalla Siberia.

Risultano molto rustiche e possono in alcuni casi venire confuse con le fragole: le foglie e i fiori, infatti, si assomigliano notevolmente.

Le specie perenni sono cespitose e si sviluppano da radici fibrose, spesso stolonanti. Le foglie sono alterne e possono essere divise in coppie di lobi opposti e suddivise in 3-7 segmenti digitati, per lo più dentati, dalle nervature molto accentuate.

I fiori sono semplici, di solito composti da 5 petali, a piattino, a coppa o stellati e si schiudono dalla primavera fino all’autunno.

Famiglia e genere  Fam. Rosaceae gen. potentilla più di 500 specie
Tipo di pianta Erbacea perenne
Rusticità Molto rustico
Esposizione Pieno sole, mezz’ombra
Terreno Povero, ben drenato
Irrigazione Solo in caso di siccità prolungata
Concimazione Non necessaria
Colori Giallo, rosso, rosa, bianco
Fioritura A seconda della specie, da metà primavera fino all’autunno
Propagazione Seme, divisione, talea, propaggine
Cure colturali Pulizia primaverile, eventuale contenimento, divisione del cespo

  • potentilla Il nome Potentilla è di origine latina ed è composto dalla radicepotentia, cioè potenza e forza, e dalla desinenza -illa, che è un diminutivo; letteralmente, dunque, significa grande forza in un pic...
  • Iperico in valle d'aosta a 1550 metri di altezza abbiamo una siepe di potentilla che in 15 anni è diventata alta un metro e mezzo. purtroppo, in seguito a dei lavori, due piante sono seccate. con quale altra ...
  • Lotus Il Lotus berthelotii è una pianta erbacea perenne originaria delle isole Canarie, semi sempreverde; ha portamento rampicante o prostrato, raggiunge i 25-30 cm di altezza, ma tende ad allargarsi molto ...
  • piante perenni Con il termine generico Perenni si intendono quelle piante erbacee che hanno uno sviluppo pluriennale, quindi rimangono nel nostro giardino per anni, contrariamente a quanto accade alle annuali, che i...


Esposizione

potentilla aurea Porre in luogo soleggiato, o parzialmente ombreggiato; nelle zone con clima molto caldo è bene ombreggiare le piante nel periodo estivo. Le potentille non temono il freddo e possono sopportare temperature vicine ai -20°C senza problemi. Di solito l’esposizione più adatta alle potentille è il pieno sole. Alcune specie però possono crescere bene anche a mezz’ombra o con un’ombra leggera.


Coltivazione

La coltivazione delle potentille è molto semplice e generalmente non comporta alcun tipo di problema, soprattutto una volta che si sono ben affrancate.


Annaffiature

Annaffiature potentilla In genere si accontentano delle piogge, potendo sopportare periodi anche lunghi di siccità; da marzo è settembre è comunque bene annaffiare sporadicamente, attendendo che il terreno sia ben asciutto tra un'annaffiatura e l'altra. All'inizio del periodo vegetativo, in febbraio-marzo, interrare del concime organico alla base della pianta, oppure spargere intorno al fusto del concime granulare a lenta cessione.

In piena terra la distribuzione di acqua è raramente necessaria. Possiamo intervenire qualche volta dopo la messa a dimora e nei casi di siccità prolungata e gran caldo (specialmente sulle coste e nel Centro-Sud).


Terreno

Le potentille crescono benissimo in qualsiasi terreno, necessitando però di un perfetto drenaggio; non amano i terreni eccessivamente acidi. Sono adatti quasi tutti i suoli, anche se le singole specie hanno esigenze specifiche per crescere e fiorire al meglio. In linea generale si può dire che sono da evitare i terreni troppo ricchi perché saranno di stimolo alla produzione fogliare, a discapito, però, della fioritura.

Generalmente crescono bene su terreni ben drenati, umidi e moderatamente fertili. Quelle provenienti da aree in alta quota hanno bisogno invece di un terreno ghiaioso, molto ben drenato e piuttosto povero.


Moltiplicazione

potentilla scarlatta In primavera si possono dividere i cespi dell'anno precedente, le porzioni praticate vanno subito poste a dimora; in estate è possibile prelevare talee semilegnose, da far radicare in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali; in autunno si seminano i semi maturi, direttamente a dimora.


Parassiti e malattie

In genere le potentille non vengono attaccate da parassiti o da malattie.


Rusticità

rusticità potentilla Come abbiamo detto le potentille tollerano molto bene il freddo e la maggior parte è in grado di sopportare temperature anche al di sotto dei -20°C. Sono quindi adatte a tutta la nostra penisola, in special modo alle aree montane o semimontane, anche fino a 1500 metri di altitudine.

Alcune specie potrebbero invece avere problemi nel Sud e sulle coste perché non amano i terreni troppo drenanti e aridi. Se viviamo in queste aree scegliamo quindi con oculatezza.


Coltivazione in vaso potentilla

La coltivazione in vaso (soprattutto per le specie di piccola o media dimensione) è possibile e anche piuttosto semplice. La composta ideale è formata da due parti di terriccio per piante fiorite e una parte di sabbia. Per le specie che vogliono più umidità possiamo invece creare un miscuglio con 1/3 di terriccio, 1/3 di terra da giardino leggermente calcarea e 1/3 di sabbia.

Chiaramente deve sempre essere approntano uno spesso strato drenante a base di ghiaia, argilla espansa o cocci.

Le irrigazioni vanno regolate a seconda della tipologia e comunque non è mai consigliabile lasciar asciugare completamente il terreno. Vanno però evitati i ristagni.

Per stimolare la crescita e la fioritura si può somministrare ogni 15 giorni un concime liquido per piante fiorite assicurandosi che l’azoto sia presente solo in minima parte e che sia invece assolutamente preponderante il potassio.


Concimazione

Queste piante difficilmente necessitano un apporto di nutrienti: il più delle volte fioriscono e si sviluppano meglio su terreni poveri.


Messa a dimora

Il periodo migliore per effettuare l’impianto è la fine dell’inverno, quando non siano più previste gelate. Le piantine di solito vengono vendute in vasetti da 8 cm di diametro (o più grandi). Si scaverà una buca e, dopo aver estratto l’esemplare e aver controllato che le radici siano libere di crescere in tutte le direzioni, lo si inserirà badando che il livello del colletto resti invariato. Compattiamo il terreno e irrighiamo abbondantemente.


Potatura e cure colturali

potatura potentilla I fiori della potentilla compaiono sugli steli dell’annata. È quindi importante potare piuttosto drasticamente per stimolare la produzione di nuovi getti. L’operazione si effettua all’inizio della primavera, prima della ripresa vegetativa. Le potentille arbustive vanno potate in maniera che restino sempre compatte: questo evita che la base risulti col tempo troppo spoglia, favorendo invece la nascita di nuovi getti. Bisogna quindi eliminare ogni anno le branche più vecchie. Le altre vanno accorciate della metà della loro lunghezza. La nuova vegetazione, inoltre, porterà molti più fiori.

Le varietà con portamento prostrato e coprisuolo hanno la tendenza ad allargarsi grazie alle loro radici stolonanti. Se si vuole evitare che diventino invadenti bisogna impegnarsi e tenere sempre pulita la zona, contenendone la diffusione.


Propagazione

Le potentille si moltiplicano molto facilmente tramite seme, ma altrettanto semplicemente si possono ottenere risultanti grazie alla divisione o alla talea.

Semina si può procedere quando le temperature minime abbiamo raggiunto i 10°C.

Si possono utilizzare vasetti singoli, cassette o vassoi alveolari, in serra fredda o anche all’esterno. Distribuiamo i semi e copriamoli con del terriccio o della vermiculite, mantenendo sempre alta l’umidità. La germinazione avviene in 2-4 settimane. Si procede poi a diverse cimature. Generalmente sono pronte per il trapianto dal’autunno o dalla primavera successiva.

Divisione è consigliabile effettuare regolarmente la divisione dei nostri cespugli perché le piantine tendono dopo qualche anno a deperire e il ringiovanimento è l’unica soluzione.

Si estraggono, in autunno, le piante dal terreno e si dividono gli esemplari lasciando ad ognuna radici e almeno un occhio.

Talea è utile per preservare quelle cultivar che tendono, col tempo, a perdere il rosso tornando verso il giallo. Si prelevano dei rametti che producano fiori con colore che ci soddisfa. Il periodo migliore è l’estate. Poniamole in un contenitore con un miscuglio di terra e sabbia (o perlite). Manteniamo leggermente umido fino a quando non noteremo la ripresa vegetativa. A quel punto potremo ripicchettarle in contenitori singoli.


VARIETA’

Potentilla fruticosa proveniente da Europa, Asia e America settentrionale. È un arbusto eretto, compatto e molto ramificato. Può raggiungere anche i 2 metri di altezza, fiorendo continuativamente da maggio a settembre.

Produce abbondanti corolle nei toni del giallo. È di facile coltura e richiede esposizioni aperte e soleggiate. È stato impiegato per ottenere numerosi ibridi da giardino

Potentilla reptans originaria dell’Italia e presente quasi ovunque allo stato spontaneo. Va tenuta sotto controllo perché diventa facilmente infestante.

Potentilla recta europea, con foglie simili alla fruticosa, raggiunge anche i 70 cm di altezza. I fusti sono eretti e molto ramificati. Le infiorescenze formano getti di fiori gialli con dimetro di circa 3 cm.

Potentilla duvarica è un arbusto con portamento compatto a foglia caduca con altezza di circa 50 cm. Proviene dalla Cina e dalla Siberia. I rami sono semipenduli, i fiori bianchi, semplici di circa 3 cm di diametro. Molto adatta al giardino roccioso. Vuole posizioni calde e asciutte.

Potentilla atrosanguinea proviene dall’area himalayana. È una perenne erbacea, alta 60 cm, con foglie simili a quella della fragola, profondamente dentate, di color verde scuro. La specie ha fiori semplici, rosso porpora di circa 3 cm di diametro. Fiorisce da giugno ad agosto. Ampiamente impiegata per la creazione di ibridi.

Potentilla nepalensis simile alla precedente, ma con fogliame più glauco e portamento più aperto. I fiori sono rosso accesi. Gli steli sono molto ramificati.


Potentilla: Altre varietà

Nomealtezzacaratteristichefiore
 alba 10 cm Foglie argentate, espansione rapida, alle volte invasiva giallo
 Alba “golden treasure”  10 cm Foglie variegate con macchie oro

Vuole molto sole e terreno asciutto

 giallo
 Arc en ciel 30 cm Steli arcuati Giallo arancio, doppi, lunga produzione
 argentea 50 cm Foglie verde scuro con retro argentato

Vuole sole e terreno drenato

 Gialli, piccoli
 Emilie 40 cm Foglie simili a quelle delle fragole Doppi, marrone-rossastro
 Etna 5 cm Fogliame argenteo

Terreno soleggiato, ma fresco

 Fiori semidoppi, 3 cm di diametro, rossi con bordo oro
 Gibson’s scarlet 45 cm Cespo ordinato, foglie lobate morbide.

Molto bella

 Semidoppi a coppa, diam. 3 cm, rosso scuro
 Helen Jane 45 cm Steli robusti e foglie larghe Rosa intenso, 3 cm diam.
 Melton fire 30 cm compatto rosa spruzzati di giallo, dalla primavera all’autunno
 Miss Willmott 40 cm Cultivar di nepalensis Rosa ciliegia
 Shogran 30 cm Cultivar di nepalensis Rosa per tutta l’estate
 Volcan 30 cm Vuole terreno ricco, ma ben drenato Rosso intenso a coppa
 White Queen Fino a 50 cm Aree soleggiate e ben drenate Molto grandi, bianco puro con centro giallo
 Yellow Queen Fino a 40 cm Aree soleggiate e ben drenate Doppi, giallo chiaro per tutta l’estate


  • potentilla La potentilla è una pianta conosciuta fin dall'antichità per le sue doti curative . Il suo nome deriva dal vocabolo lati
    visita : potentilla



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a ottobre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO