Protea cynaroides

Generalità

La Protea cynaroides riunisce un centinaio di arbusti sempreverdi, originari dell'Africa; producono lunghi fusti eretti, scarsamente ramificati, rigidi e spessi, che possono raggiungere i 100-150 cm negli esemplari adulti; le foglie sono allungate, ovali o lanceolate, di colore verde scuro, cerose.

In estate producono alcune infiorescenze larghe 10-25 cm, costituite da molti piccoli fiori riuniti al centro, contornati da lunghe brattee colorate; le infiorescenze di protea hanno le forme più varie, talune sembrano grandi carciofi, oppure pigne di conifera. I fiori vengono prodotti in numero contenuto da ogni pianta, ma rimangono fioriti per settimane. Le brattee possono essere bianche, rosa, rosse, arancioni. P. neriifolia ha le foglie simili all'oleandro, e presenta una curiosa peluria scura sul margine delle brattee rigide; P. cynaroides produce infiorescenze tondeggianti, simili a grossi carciofi, di colore rosato o bianco.

Queste piante non sono molto diffuse nei nostri giardini, ma vengono molto utilizzate per i fiori recisi, anche perchè nei paesi di origine i fiori sbocciano quando nella nostra penisola è pieno inverno. Con il passare degli anni gli arbusti tendono a "svuotarsi" nella parte inferiore, e a produrre meno fiori, è quindi consigliabile potare la pianta fino al terreno per favorire lo sviluppo di ramificazioni nuove e più vigorose.

Protea


Esposizione

Protea Le Protea cynaroides preferiscono posizioni soleggiate, o semiombreggiate; generalmente possono sopportare temperature vicine allo zero per brevi periodi; nelle zone con inverni rigidi queste piante vanno coltivate in grandi contenitori, e riparate in serra fredda durante l'inverno. P. neriifolia sembra essere più resistente rispetto alle altre specie, sopportando senza problemi anche brevi periodi di gelo.

  • Banksia La Banksia ericifolia è un arbusto di dimensioni medio grandi, originario dell’Australia; da alcuni anni questa specie è stata divisa in due varietà: B.e. var. ericifolia e B. e. var. macrantha, che h...
  • Protea Le proteacee sono un genere diffuso in Africa e Australia, a ricordo dell'antica vicinanza tra i due territori; le protee in particolare provengono dal sud Africa, da dove vennero importate in Europa ...
  • proteaceae Le proteacee sono un'ampia famiglia di piante sempreverdi, in genere alberi o arbusti, originari dell'emisfero Australe; esistono centinaia di specie, tutte adattatesi alla vita in ambienti con stagio...
  • piante da giardino In questa sezione parliamo di arbusti.Una raccolta di schede dettagliate sulle diverse specie coltivate nei nostri giardini.I consigli per una giusta scelta in base alle esigenze della vostra aiuo...


Annaffiature

protea cynaroides Per quanto riguarda la tipologia di annaffiatura più adatta per la Protea cynaroides da marzo a ottobre è opportuno annaffiare regolarmente, attendendo sempre che il terreno sia ben asciutto tra un'annaffiatura e l'altra; durante i mesi freddi le piante si accontentano delle piogge.

E' importante evitare che si formino ristagni d'acqua che potrebbero danneggiare la pianta.

A fine inverno si fornisce alla pianta del concime a lenta cessione, per piante da fiore.


Terreno

protea Le Protea cynaroides in natura si sviluppano in terreni asciutti, poveri di nutrienti, incoerenti. Queste piante sviluppano un cospicuo apparato radicale, che, per uno sviluppo corretto, necessitano di terreni sciolti e ben drenati. Si può utilizzare del terriccio universale, mescolato ad alte percentuali di sabbia e di pietra pomice. Per la coltivazione in vaso è bene scegliere un contenitore molto capiente, per lasciare libero sviluppo alle radici carnose.


Moltiplicazione

La moltiplicazione di questa pianta avviene per seme, che la pianta produce in grande quantità; in estate è anche possibile praticare talee, prelevandole dai fusti prodotti nell'anno. Le piante prodotte da seme impiegano circa 4-5 anni prima di fiorire.


Protea cynaroides: Parassiti e malattie

protea Queste piante sono piuttosto resistenti e, di solito, non vengono attaccate da parassiti o da malattie.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO