Tabernaemontana divaricata

Generalità

La Tabernaemontana divaricata è un genere di arbusto sempreverde di medie dimensioni, originario dell’Asia tropicale; ha portamento tondeggiante, e raggiunge agevolmente i 2-3 metri di altezza; il fogliame è di colore verde scuro, di forma ovale o lanceolata, abbastanza spesso e rigido; durante la primavera e l’estate produce piccoli fiori a cinque petali, di colore bianco, leggermente carnosi, che emanano un gradevole profumo e sbocciano all’apice dei rami. L’arbusto si sviluppa abbastanza velocemente, producendo numerose ramificazioni disordinate, che producono una chioma molto densa e fitta. Pianta adatta alla coltivazione in vaso, ma anche per creare siepi schermanti. La varietà ‘Flore Pleno’ ha fiori con corolla doppia, molto vistosi.


Esposizione

tabernaemontana divaricata Le piante di Tabernaemontana divaricata si coltivano in luogo soleggiato o semiombreggiato; queste piante possono sopportare brevi periodi di gelo non troppo intenso, nelle regioni con inverni molto rigidi è consigliabile coltivarle in vaso, in modo da poterle spostare al riparo in serra fredda in inverno. La pianta ha bisogno di alcune ore di luce di diretta per poter crescere al meglio. Se viene coltivata in piena terra e si prevedono temperature rigide, allora è opportuno ripararla con gli appositi teli disponibili in commercio e ponendo alla base del materiale pacciamante o foglie secche, che consentano di proteggere l'apparato radicale dall'azione del gelo.

  • piante da giardino In questa sezione parliamo di arbusti.Una raccolta di schede dettagliate sulle diverse specie coltivate nei nostri giardini.I consigli per una giusta scelta in base alle esigenze della vostra aiuo...
  • Mimosa  La mimosa (acacia dealbata) è un albero originario della Tasmania, ma che, giunto nel nostro paese verso la metà del 1800, si è adattato benissimo al clima della Riviera Ligure e a quello delle region...
  • Corbezzolo Albero o arbusto sempreverde originario dell'Irlanda e dei paesi che si affacciano sul mediterraneo, che può raggiungere i 9-10 metri di altezza, ma che più comunemente rimane di dimensioni intorno ai...
  • Cornus alba Questi arbusto presenta foglie caduche originario dell'Asia centro-meridionale, che raggiunge i 150-200 cm di altezza. I fusti sottili hanno portamento eretto, ramificano abbondantemente con il pass...


Annaffiature

tabernaemontana Le piante di Tabernaemontana divaricata sono abbastanza resistenti e sopportano senza problemi periodi anche prolungati di siccità, tanto che, in genere, si accontentano delle piogge. Se il periodo di siccità si protrae per lungo tempo è opportuno intervenire fornendo acqua, con l'accortezza di aspettare che il terreno si asciughi tra un'annaffiatura e l'altra, dato che l'insorgenza di ristagni idrici può provocare una sofferenza alla pianta e può portare a marciumi radicali, che ne comprometterebbero la salute.

Se la pianta viene coltivata in vaso è necessario fornire una quantità maggiore di acqua.


Terreno

tabernamontana Le Tabernaemontana divaricata si coltivano in un buon terreno soffice e profondo, ricco di materia organica, molto ben drenato.

Queste piante sono rustiche e resistenti e si adattano senza problemi a qualsiasi terreno, anche compatto e povero, purché il drenaggio sia buono; infatti un problema pericoloso per la pianta è rappresentato dalla formazione di ristagni, che provocano l'ingiallimento delle foglie e, addirittura, la pianta potrebbe marcire.

Durante la fioritura è bene fornire periodicamente del concime granulare a lenta cessione per piante fiorite, al fine di fornire il giusto nutrimento a questo tipo di arbusto.


Moltiplicazione

La moltiplicazione delle piante di Tabernaemontana divaricata avviene per seme, in primavera, oppure per talea semilegnosa in primavera inoltrata, ponendo le talee in un terreno soffice e ricco di materia organica, in modo da consentire lo sviluppo dei nuovi germogli.


Tabernaemontana divaricata: Parassiti e malattie

tabernamontana Le piante di questa varietà temono l’attacco degli afidi e della cocciniglia. Per questo motivo è consigliabile intervenire prima della fioritura con dei prodotti ad ampio spettro, che contrasteranno efficacemente l'insorgenza di problemi. E' bene anche controllare la formazione di ristagni idrici che potrebbero portare allo sviluppo di malattie fungine pericolose per la salute degli arbusti.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO