Crassula - Crassula

Generalità

Al genere crassula appartengono decine di specie di piante succulente, originarie dell'Africa centrale e meridionale; si tratta di pianta con foglie succulente, spesse e carnose, disposte in spesse rosette o sviluppantisi su tozzi fusti ramificati, anch'essi succulenti. Buona parte delle specie teme il freddo e non è adatta ad essere coltivata in giardino, viene perciò coltivata in vaso, in serra fredda o in casa; alcune specie, in particolare alcune tra le specie a portamento strisciante, sopporta senza problemi brevi periodi di gelo.

Vivai Le Georgiche CRASSULA OVATA (ALBERO DI GIADA) Vaso 12 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,8€


La Crassula ovata

Una tra le specie più coltivate è la crassula ovata, anche nella varietà hobbyt con foglie particolari; si tratta di un piccolo arbusto completamente succulento, con tozzi fusti ben ramificati, carnosi, di colore marrone, su cui si sviluppano piccole foglie carnose, ovali, di colore verde, che tendono facilmente ad arrossarsi in caso di prolungata esposizione al sole o al gelo.

Si tratta di una pianta molto diffusa, sia tra gli amanti delle succulente, sia tra coloro che si cimentano nella coltivazione dei bonsai.

A fine inverno queste piante producono sottili fusti, che si elevano dal fogliame, e che portano infiorescenze costituite da innumerevoli piccoli fiori bianchi a forma di stella, molto gradevoli.

Si tratta di piante dallo sviluppo rapido nei primi anni di vita, in seguito tendono a svilupparsi lentamente, se coltivate nelle giuste condizioni; esemplari di molti anni possono raggiungere anche i 100-120 cm di altezza; con il tempo tendono a costituire un corto fusto, simile al tronco di un albero vetusto, ed una fitta chioma tondeggiante, ben ramificata; è questo aspetto da "albero" che rende le crassule ovate molto adatte ad essere coltivate come bonsai.

Si coltivano in contenitori non eccessivamente grandi, poichè il loro apparato radicale tende con gli anni a mantenersi di dimensioni modeste; il substrato di coltivazione deve essere molto ben drenato, non particolarmente ricco; si usa in genere la terra specifica per piante succulente, o per agrumi,con aggiunta dis abbia, per aumentarne il drenaggio.Non necessitano di essere rinvasate ogni anno, anche se non è male rinvasarle ogni 2-3 anni, soprattutto per quanto riguarda gli esemplari giovani.

Le annaffiature sono soltanto sporadiche, quando il terreno rimane secco ed il clima è siccitoso, in estate; più o meno da maggio a settembre ogni 8-10 giorni. Ogni 20-25 giorni, in questo periodo dell'anno, ricordiamo di aggiungere all'acqua delle annaffiature una piccola quantità di concime per piante succulente, evitiamo però gli eccessi.

Nei mesi freddi evitiamo di annaffiare le piante.

Queste crassule possono sopportare temperature vicine ai -5°C, quindi in inverno possiamo lasciarle in serra fredda, o sul terrazzo, in luogo abbastanza soleggiato, evitando che ricevano l'acqua delle annaffiature. Possiamo anche ricoverarle in casa, anche se il clima asciutto dell'appartamento causa il proliferare dalla cocciniglia, ed inoltre gli esemplari mantenuti costantemente in un clima di primavera simulata tendono a non fiorire praticamente mai, privandoci di questa caratteristica molto gradevole.

Anche la specie arborescens gode di qualità simili alla crassula ovata, ed è altrettanto semplice da coltivare.

  • Cacto peloso genere che riunisce una ventina di cacti colonnari originari dell'America meridionale. In antura raggiungono dimensioni superiori ai 2-3 m di altezza, mentre in vaso si mantengono al di sotto del met...
  • piccola pianta perenne con fusto succulento, originaria dell’Africa centrale; il fusto produce un caudex allargato. Ha fusto eretto, allargato verso il basso, che può raggiungere i 30-35 cm di altezza...
  • piccola succulenta di origine sud africana; sviluppa grandi radici carnose, da cui si dipartono alcuni sottili fusti, generalmente striscianti o eretti, lunghi alcuni centimetri, che portano numerose ...
  • desidero sapere il nome di una pianta grassa,formata da piccole rose verdi che diventano poi rossi.potrei mandare una fotograzia...

Crassula ovata (portulacea) - 15-20 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,5€


Crassula - Crassula: Le crassule da collezionisti

Esistono alcune varietà e specie di crassule certamente da collezionisti, poichè hanno esigenze di clima e di terreno difficilmente realizzabili da coloro che amano semplicemente tenere un paio di vasi in soggiorno. Le specie più diffuse sono gli ibridi dai nomi particolari, come Morgan's beauty o Buddha's temple; sono piante di dimensioni minuscole, che non superano i 10-12 cm di altezza, con un bel fogliame molto compatto, in rosette strette, che se ben coltivate in primavera producono bellissime infiorescenze rosate.

La coltivazione non è semplice, perchè necessitano del giusto terreno, della giusta umidità e della giusta insolazione per tutto l'arco dell'anno; se le condizioni di coltivazione non sono ideali le piante tendono a mumificare, ovvero a smettere di svilupparsi quasi completamente, oppure sono preda di parassiti che rapidamente le rovinano.


Guarda il Video
  • crassula La Crassula ovata, meglio nota con il nome di albero di giada, è una succulenta originaria dell’Africa meridionale e app
    visita : crassula
  • nomi di piante grasse Le piante grasse sono diffusissime negli appartamenti e nelle case, forse per le poche cure che richiedono, forse per il
    visita : nomi di piante grasse



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO