Cactus della lava, Cereo strisciante - Brachycereus

Generalità

Piccolo cactus colonnare originario delle isole Galapagos. I fusti raggiungono i 50-60 cm di altezza, con un diametro di 4-5 cm; tendono ad accestire con grande facilità, formando dei larghi cespi, con alcuni fusti eretti, altri semiprostrati; il fusto è di colore verde scuro, con numerose costolature, e quasi completamente ricoperto da lunghe spine appuntite, di colore giallo negli esemplari giovani, diviengono grigie o nere con il passare degli anni: per questo motivo i cespi di brachycereus sono costituiti da piante di varie tonalità di colore, dal giallo oro, fino al nero. In estate lungo i fusti sbocciano alcuni fiori di colore bianco-crema, di forma tubolare, lunghi fino a 10 cm; sbocciano nelle prime ore del mattino e si chiudono con l'oscurità. Queste piante sono tra le prime a colonizzare le aree devastate dalle eruzioni vulcaniche, risaltando moltissimo tra le rocce scure.


Esposizione e Annaffiatura

Esposizione: porre in posizione molto luminosa, possibilmente in pieno sole; queste piante temono molto il freddo, visto il luogo d'origine, quindi in inverno vanno tenute in luogo ben riparato, ad esempio in serra riscaldata, con almeno 15-18°C di temperatura.

Annaffiature: da marzo a settembre annaffiare solo quando il terreno è completamente asciutto; nei mesi freddi annaffiare sporadicamente, circa una volta al mese. Nel periodo vegetativo fornire del concime specifico per piante succulente, ogni 25-30 giorni, mescolato all'acqua delle annaffiature.

  • Cleistocactus Appartengono a questo genere cinquanta specie arbustive, fiorifere, che possono raggiungere i due metri di altezza.Originaria del versante orientale delle Ande,è una pianta grassa da coltivare in ...
  • Pachycereus genere che comprende 10-12 specie di cactus colonnari originari dell'America centrale. Sono molto longevi e gli esemplari centenari, in natura, possono raggiungere dimensioni notevoli, anche prossime ...
  • Opunzia Al genere opuntia appartengono numerosissime specie di cactus, tutte originarie dell'America meridionale; si tratta di piante robuste e vigorose, che nel corso dei secoli sono state esportate in molte...
  • Con il nome trichocereus venivano indicate alcune decine di specie di cactacee tubolari, a sviluppo colonnare, di origine centro americana e sud americana; praticamente tutti i trichocereus sono stati...


Terreno

I brachycereus in natura crescono su terreni vulcanici, possiamo quindi preparare un terreno ideale utilizzando del lapillo a grana fine, mescolato a poco terriccio o torba per dargli un poco di coesione. In generale è importante che il terreno di coltura dei brachycereus sia molto ben drenato, per evitare dannosissimi ristagni idrici.


Moltiplicazione

Può avvenire per seme, ma in genere si propagano queste piante asportando con un coltellino ben affilato uno degli esemplari che costituiscono il cespo; dopo averlo fatto asciugare per 15-25 ore si procede interrandolo per alcuni centimetri in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali, che va mantenuto leggermente umido per alcune settimane, senza comunque eccedere con le annaffiature.


Cactus della lava, Cereo strisciante - Brachycereus: Parassiti e malattie

queste cacacee possono venire infestate dalla cocciniglia e dai ragnetti rossi.


Guarda il Video



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO