Browningia

Generalità

fanno parte di questo genere alcuni cacti colonnari, originari dell'America meridionale, presenti anche in zone di alta quota. Hanno fusti eretti, alti in natura anche 6-7 m, di colore verde scuro o bluastro, con numerose costolature poco pronunciate; tendono a ramificare nella parte alta del fusto, talvolta producendo una densa chioma di rami intrecciati. I fusti giovani hanno areole munite di numerose spine, che la pianta tende a perdere con il passare degli anni. In estate produce grandi fiori tubolari, di colore bianco o rosa, che sbocciano nelle ore notturne; il calice e l'ovario sono ricoperti da scaglie cuoiose. In tarda estate ai fiori succedono grossi frutti ovali, polposi, contenenti molti semi di dimensioni ridotte.
browningia


Esposizione

browningiaqueste piante necessitano di essere poste a dimora in posizioni molto soleggiate, che ricevano almeno 5-6 ore al giorno di sole diretto; le browningie temono temperature inferiori aglo 0°C, per evitare danni causati dal freddo vengono coltivate a temperature invernali non inferiori agli 8-10°C.

  • Acanthocalicium cactacea globosa, colonnare con l'età, originaria del versante argentino delle Ande. Il fusto è grigio-verde, talvolta tendente al giallastro, con 15-20 costolature; le areole sono glabre alla base, l...
  • Arrojadoa cacti colonnari originari del Brasile e dell'America meridionale. Hanno fusti abbastanza sottili, poco ramificati, eretti, di colore verde brillante, talvolta bluastro, e portano numerose spine chiare...
  • Echinopsis Se d'estate tengo all'interno delle piante grasse tipo cactus, nel posto in cui tenevo d'inverno quelle d'appartamento, moriranno? Non c'è luce diretta, ma un'illuminazione discreta. Grazie...
  • Ferocactus accestito salve! il mio cactus (penso sia un ferocactus - rotondo con 14 coste e fiori gialli sulla parte alta), ha gettato piccoli su tutto il corpo. Ho letto che i polloni crescono alla base....questi piccoli...


Annaffiature

da marzo a ottobre annaffiare regolarmente, senza eccedere in quantità, e attendendo che il terreno sia completamente asciutto tra un'annaffiatura e l'altra; nei mesi freddi è bene diradare le annaffiature, fino quasi a sospenderle in pieno inverno, soprattutto se la pianta viene ricoverata in luoghi con temperature inferiori ai 15°C. Nel periodo vegetativo fornire del concime per piante succulente, povero in azoto e ricco in potassio, ogni 10-12 giorni, mescolato all'acqua delle annaffiature.


Terreno

questi cacti preferiscono terreni sabbiosi, sciolti e molto ben drenati; utilizzare un miscuglio costituito da un terzo di terra da giardino, un terzo di terriccio bilanciato e un terzo di sabbia, aggiungendo anche una piccola quantità di pomice a grana medio-fine; amano in particolar modo i terreni ricchi di calcare. Per permettere uno sviluppo armonico della pianta, che in contenitore può raggiungere i 90-100 cm in altezza, è bene rinvasare ogni 2-3 anni.


Moltiplicazione

in primavera è possibile asportare i rami dell'anno precedente, che vanno interrati in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali, dopo aver lasciato asciugare la ferita per almeno 14-16 ore; i piccoli semi possono essere seminati a fine inverno, in semenzaio, mantenendo il terreno costantemente umido fino a germinazione avvenuta.


Browningia: Parassiti e malattie

fare attenzione alla cocciniglia e al marciume radicale e del fusto; se coltivate in luoghi poco luminosi queste piante tendono a prendere conformazioni sinuose e ad allungarsi eccessivamente.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO