Coleocephalocereus

Generalità

genere che comprende alcune specie di cactus colonnari, originari dell'America meridionale, in particolar modo del Brasile. In natura raggiungono i 2-3 metri di altezza, mentre in contenitore si mantengono di dimensioni vicine ai 60-80 cm. Hanno crescita lenta e inizialmente si sviluppano per alcuni anni come cactus globosi; hanno fusto color verde scuro, attraversato di 5-15 costolature, che portano numerose areole spinose; le spine sono giallastre, ma divengono grigie con il passare del tempo. Gli esemplari adutli sviluppano alla sommità un cephalio, costituito da peli e spine di colore bruno o nero; queste piante, contrariamente ai melocactus, crescono in altezza anche dopo aver sviluppato il cephalio, che con il passare del tempo quindi tende a divenire laterale. In estate dal cephalio sbocciano numerosi fiori, lunghi 7-10 centimetri, di colore bianco, rosso o rosa; i fiori sono aperti soltanto di notte. Ai fiori seguono piccoli frutti ovali, contenenti numerosi semi, che in genere spuntano di pochi millimetri dal cephalio.
Coleocephalocereus goebelianus


Esposizione

porre in pieno sole, queste piante amano le posizion luminose e calde; i coleocephalocereus temono il freddo, in inverno vanno mentenuti a temperature superiori ai 10-15°C.

  • buganville bonsai arbusto rampicante semisempreverde a crescita rapida, originario del Brasile, con foglie verde chiaro, piccoli fiorellini color crema, contornati da vistose brattee fucsia, arancioni o rosa; La corte...
  • Neoregelia La Neoregelia è una bromeliacea, originaria dell’America meridionale, moltissime specie sono originarie delle foreste pluviali brasiliane; ne esistono alcune decine di specie, ma la facilità di coltiv...
  • Cacto peloso genere che riunisce una ventina di cacti colonnari originari dell'America meridionale. In antura raggiungono dimensioni superiori ai 2-3 m di altezza, mentre in vaso si mantengono al di sotto del met...
  • Rhipsalis famiglia composta da circa 60 specie di piante cactacee, alcune delle quali epifite, originarie dell'America meridionale, dell'Africa e dell'Asia. Hanno portamento ricadente, con fusti carnosi, spesso...


Anaffiature

da marzo a ottobre annaffiare sporadicamente, lasciando ben asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra; nei mesi freddi annaffiare solo sporadicamente, una volta ogni 30-40 giorni, con piccole quantità d'acqua. Nel periodo vegetativo mescolare all'acqua delle annaffiature un concime specifico per piante succulente, ogni 20-30 giorni.


Terreno

utilizzare un substrato ben drenato, preparato mescoaldno del terriccio uiversale con sabbia di fiume lavata e pozzolana o pomice a granulometria fine.


Moltiplicazione

avviene per seme in primavera, il semenzaio va mantenuto umido fino a che le piantine abbiano raggiuno alcuni cm di altezza. In genere le piccole piante succulente non sopportano il sole diretto, i semi germogliati da poco vanno tenuti in luogo ombreggiato. Talvolta i coleocephalocereus tendono ad accestire, producendo nuovi esemplari alla base delle piante adulte: queste piccole piante si possono asportare e rinvasare in contenitore singolo.


Coleocephalocereus: Parassiti e malattie

eccessi di annaffiature possono favorire l'insorgenza di marciumi radicali; queste piante vengono talvolta attaccate dalla cocciniglia e dagli acari.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO