Epithelanta

Generalità

cactacea nana a crescita lenta originaria degli stati uniti meridionali e del Messico. Ha forma tondeggiante, brevemente colonnare, con particolare strozzatura a circa metà dell'altezza. Il fusto è verde chiaro, completamente ricoperto da piccole spine bianche, in primavera e in estate produce piccoli fiori bianco-rosati lungo la corona, che durano pochissimi giorni. Sono seguiti da piccoli frutti rosa scuro, contenenti numerosi semi, difficilmente fertili. Talvolta costituisce larghi gruppi costituiti da numerosi esemplari, più spesso cresce singola. E. m .unguispina ha caratteristiche spine centrali con la punta tinta di nero e fiori più grandi e più scuri.
Epithelanta


Esposizione

Epithelanta ama le posizioni soleggiate, anche se nei giorni più caldi di luglio e agosto è bene ombreggiarla per alcune ore, nei momenti più caldi della giornata. Teme il freddo, in inverno va riposta in serra temperata o in casa, mantenendo una temperatura minima al di sopra dei 10-15 gradi.


    Annaffiature

    per tutto il periodo vegetativo, da marzo a ottobre, è bene fornire acqua ogni 7-10 giorni, lasciando comunque asciugare bene il terreno tra un'annaffiatura e l'altra. In autunno e in inverno ridurre le annaffiature, per evitare marciumi. In primavera e in estate aggiungere all'acqua delle annaffiature del concime per piante grasse ogni 15-20 giorni.


    Terreno

    gradisce terreni calcarei molto ben drenati; scegliere un vaso abbastanza capiente e profondo per garantire sufficiente spazio all'apparato radicale di questa pianta, che spesso è molto vigoroso. Aggiungere materiale grossolano al terriccio, come argilla espansa, pozzolana o pietra pomice, per garantire un ottimo drenaggio.


    Moltiplicazione

    in primavera e in estate seminare i piccoli semi neri in un composto costituito da sabbia e torba in parti uguali, mantenere il substrato umido, in luogo riparato dall'aria e dal sole eccessivo.


    Epithelanta: Parassiti e malattie

    se l'irrigazione è eccessiva può essere colpita da marciume radicale. Spesso viene attaccata da afidi e cocciniglia.





    Esposizione
    Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

     
    Sole pieno
    Annaffiature
    Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


    Tenere asciutto
    concimazione
    Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


    Esigenze della piante a ottobre in un clima mediterraneo.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO