Jatropha podagrica

Generalità

pianta succulenta semi-sempreverde caudiciforme originaria dell'America centrale, coltivata in Africa e in Asia come pianta officinale; nei luoghi in cui è diffusa come pianta da esterno gli esemplari adulti possono raggiungere i due metri circa di altezza. Presenta caudice largo fino a 20 cm alla base, scarsamente ramificato, di colore marrone chiaro, ricoperto da sottili scaglie. All'apice dei rami spuntano lunghi fusti verdi e carnosi che portano grandi foglie verde brillante, lucide, profondamente lobate, a 3 o 5 lobi; in primavera e in estate i fusti possono portare anche delle infiorescenze a ombrello costituite da fiorellini color corallo intenso. Ai fiori succedono i frutti, capsule legnose tondeggianti che a maturazione si rompono liberando 3-8 piccoli semi scuri. Nei luoghi d'origine la jatropha fiorisce per tutto l'arco dell'anno, producendo costantemente nuove infiorescenze. Il genere jatropha comprende numerose altre specie, ad esempio J. curcas ha fiori gialli, è molto coltivata per sfruttare come combustibile l'oilio contenuto nei semi; J. gossyppifolia ha foglie trilobate, appuntite e produce fiori gialli e rossi.
Jatropha podagrica


Esposizione

Jatropha podagrica queste piante amano le posizioni molto luminose, preferendo le zone a mezz'ombra, ma esposte ai raggi diretti del sole per alcune ore al giorno. Le jatropha temono il freddo e la temperatura minima che possono sopportare si aggira intorno ai 10°C, quindi in inverno vanno ricoverate in casa o in serra temperata. Evitare di esporre la pianta a correnti d'aria, che potrebbero provocare l'ingiallimento e l'avvizzimento delle foglie.


    Annaffiature

    nel periodo vegetativo, da marzo a ottobre, annaffiare regolarmente, lasciando asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra; in inverno annaffiare sporadicamente, vaporizzando le foglie almeno una volta a settimana. Queste piante sopportano senza problemi brevi periodi di siccità. Fornire del concime per piante succulente mescolato all'acqua delle annaffiature ogni 15-20 giorni.


    Terreno

    queste piante amano terreni abbastanza ricchi, sciolti e molto ben drenati; utilizzare un miscuglio costituito da terriccio bilanciato, torba e sabbia in parti uguali, con aggiunta di lapillo o pozzolana per aumentare il drenaggio. Per un corretto sviluppo del caudice si consiglia di rinvasare ogni 2-3 anni.


    Moltiplicazione

    in primavera è possibile seminare i semi dell'anno precedente, mantenendo i semenzai in luogo fresco, umido e ombreggiato fino a completa germinazione; le piantine hanno crescita molto lenta. In primavera è anche possibile praticare delle talee di foglia, o di rami semilegnosi, ma le piante così ottenute solitamente non presentano caudice.


    Jatropha podagrica: Parassiti e malattie

    le jatropha vengono talvolta attaccate dalla cocciniglia e dall'oidio.


    • jatropha Le Jatrophe sono arbusti di dimensioni medie o piccole, originari dell'America meridionale, ormai diffusi anche in Asia
      visita : jatropha



    Esposizione
    Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

     
    Sole pieno
    Annaffiature
    Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


    Tenere asciutto
    concimazione
    Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


    Esigenze della piante a ottobre in un clima alpino.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO