Pachycereus pringlei

Generalità

genere che comprende 10-12 specie di cactus colonnari originari dell'America centrale. Sono molto longevi e gli esemplari centenari, in natura, possono raggiungere dimensioni notevoli, anche prossime ai venti metri di altezza, pur essendo la crescita molto lenta. Il fusto è verde scuro, talvolta bluastro o grigiastro; hanno 10-15 costolature, ricoperte da areole che portano numerose spine grigie; con l'età tendono a ramificare molto, assumendo l'aspetto di un "cespuglio", mentre gli esemplari giovani hanno di solito un singolo fusto. In primavera inoltrata producono numerosi fiori di colore bianco o verde, ai quali fanno seguito frutti carnosi, ricoperti da spine; nella polpa rossastra o rosata si possono trovare numerosi piccoli semi neri. Con gli anni le piante tendono a perdere le spine e a significare nella parte inferiore del tronco. La specie più diffusa è il P. pringlei.
Pachycereus


Esposizione

Pachycereusla posizione migliore per crescere un pachycereus e senz'altro il pieno sole, anche se la pianta non presenta problemi anche in posizioni leggermente ombreggiate per alcune ore della giornata. Teme il freddo, quindi in inverno va ricoverato in casa o in serra fredda, o comunque in luoghi in cui la temperatura non scenda al di sotto dei 7-10°C. Gli esemplari molto grandi possono sopportare brevi periodi di gelo.

  • Opunzia piante succulente originarie dell'America meridionale; sono molto simile alle opuntie, ma i fusti sono divisi in segmenti di forma cilindrica o ovoidale, mentre nelle opuntie i segmenti sono schiaccia...
  • Opunzia Al genere opuntia appartengono numerosissime specie di cactus, tutte originarie dell'America meridionale; si tratta di piante robuste e vigorose, che nel corso dei secoli sono state esportate in molte...
  • Cleistocactus Appartengono a questo genere cinquanta specie arbustive, fiorifere, che possono raggiungere i due metri di altezza.Originaria del versante orientale delle Ande,è una pianta grassa da coltivare in ...
  • Piccolo cactus colonnare originario delle isole Galapagos. I fusti raggiungono i 50-60 cm di altezza, con un diametro di 4-5 cm; tendono ad accestire con grande facilità, formando dei larghi cespi, co...


Annaffiature

da marzo a ottobre annaffiare sporadicamente, lasciando asciugare perfettamente il terreno tra un'annaffiatura e l'altra. In inverno evitare di annaffiare, soprattutto se la pianta viene tenuta a temperature basse. Nel periodo vegetativo fornire del concime ricco in potassio ogni 25-30 giorni, sciolto nell'acqua delle annaffiature.


Altri consigli

Terreno: preferisce terreni ricchi, profondi e sciolti, molti ben drenati. Utilizzare del terriccio universale mescolato con sabbia e lapillo. Queste piante sviluppano un apparato radicale abbastanza vasto, e spesso raggiungono un peso considerevole, vanno quindi tenute in vasi abbastanza grandi, rinvasandole ogni anno.

Moltiplicazione: avviene per seme, utilizzando i semi freschi; prima di seminarli è bene passarli delicatamente con della carta vetrata a grana finissima, per favorire la germinazione; il semenzaio va tenuto in luogo ombreggiato e umido, ma molto caldo.

Parassiti e malattie: la cocciniglia può provocare danni di entità variabile.


Pachycereus pringlei: Altri consigli

Terreno: preferisce terreni ricchi, profondi e sciolti, molti ben drenati. Utilizzare del terriccio universale mescolato con sabbia e lapillo. Queste piante sviluppano un apparato radicale abbastanza vasto, e spesso raggiungono un peso considerevole, vanno quindi tenute in vasi abbastanza grandi, rinvasandole ogni anno.

Moltiplicazione: avviene per seme, utilizzando i semi freschi; prima di seminarli è bene passarli delicatamente con della carta vetrata a grana finissima, per favorire la germinazione; il semenzaio va tenuto in luogo ombreggiato e umido, ma molto caldo.

Parassiti e malattie: la cocciniglia può provocare danni di entità variabile.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO