Trichocereus bridgesii

Generalità

Generalità: Originario del Sud America, comprende venticinque specie di cactus a colonna.

Trichocereus Spachiana Il Trichocereus Spachiana è originario dell'Argentina settentrionale. Ha portamento colonnare e può raggiungere i due metri di altezza. Si ramifica in direzione verticale a partire dalla base.

Il fusto è formato da dieci - quindici costole sulle quali si innestano delle areole che portano circa otto aculei radiali ed uno - due aculei centrali più lunghi.

Fioritura: avviene solo nelle piante adulte. I fiori hanno corolla imbutiforme, con i petali esterni verdastri e quelli interni bianchi. Sbocciano in estate durante la notte e si chiudono verso la metà del mattino.

Esposizione: in piena luce al sole durante l'estate.

Temperatura: in estate tra i quindici e i ventiquattro gradi; in inverno la pianta deve essre tenuta all'interno, in un luogo non molto riscaldato e non umido..

Annaffiature: moderate ma frequenti per tutta l'estate e durante la fioritura.

Da sospendere in inverno se la pianta si trova in ambiente riscaldato.

Fertilizzazione: da aprile a settembre si somministra un fertilizzante liquido con l'acqua delle irrigazioni ogni tre quattro settimane.

piante grasse


Propagazione

Propagazione: la semina avviene in marzo aprile in un composto per cactacee che va tenuto all'umido e all'ombra fino alla germinazione. Possono essere usati i germogli basali tagliati dalla pianta madre. Si lasciano asciugare solo se non presentano radici, quindi si ripiantano tenendo il terriccio asciutto per due tre settimane.

Terreno: miscuglio di terriccio con sabbia grossa o composta per catacee.

Parassiti e malattie: temono le cocciniglie farinose.

Trichocereus bridgesii

Origine: Bolivia.

Fusto: a portamento colonnare può raggiungere più di due metri di altezza, ha un colore verde - grigio chiaro, ed è ricoperto da una pruina cerosa bluastra. I fusti hanno da quattro a otto costolature, su cui sono presenti areole grigio - lanose che hanno due - sei spine radiali giallastre, l'inferiore delle quali lunga circa quattro centimetri e ricurva verso il basso. L'apice dei rami è rotonda.

I fiori: sono bianchi a forma di campanula, sbocciano durante la notte nella parte superiore del fusto. Fiorisce d'estate.

  • In accessori da esterno trovi moltissimi articoli di approfondimento su tutti gli oggetti ed i complementi d'arredo per il giardino che possono tornare utili per arricchire il proprio garden e rendere...
  • irrigazione L'irrigazione del giardino è diventata con gli anni una componente sempre più importante e diffusa. Dapprima presente solo nei grandi spazi e nei parchi pubblici, si è velocemente diffusa anche in cas...
  • yucca Le yucche sono piante erbacee succulente provenienti da ambienti caldi e secchi dell’America Settentrionale e Centrale. Appartengono alla famiglia delle Agavaceae e il loro genere comprende non meno ...
  • La zamioculcas è una pianta tropicale molto apprezzata per la sua facilità di coltivazione e per la sua resistenza a parassiti e malattie. La pianta si mostra resistente anche in condizioni difficili,...


Trichocereus bridgesii: Informazioni utili

Esposizione: in pieno sole.

Innafiature: moderate ma frequenti per tutta l'estate e durante la fioritura.

Da sospendere in inverno se la pianta si trova in ambiente riscaldato.

Fertilizzazione: da aprile a settembre si somministra un fertilizzante liquido con l'acqua delle irrigazioni ogni tre quattro settimane.

Propagazione: la semina avviene in marzo aprile in un composto per cactacee che va tenuto all'umido e all'ombra fino alla germinazione. Possono essere usati i germogli basali tagliati dalla pianta madre. Si lasciano asciugare solo se non presentano radici, quindi si ripiantano tenendo il terriccio asciutto per due tre settimane.

Terreno: miscuglio di terriccio con sabbia grossa o composta per catacee.

Parassiti e malattie: temono le cocciniglie farinose.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO