Biancospino - Crataegus

vedi anche: Biancospino

Biancospino: Generalità

biancospino

Il biancospino (crataegus oxyacantha) è un arbusto appartenente alla famiglia delle Rosacee, il cui nome deriva dal greco “kratos” che significa forza, “oxus” acuminato ed “anthos” fiore.

Fiorisce in aprile-maggio, abbellendosi di fiorellini bianco-rosa dal profumo delicato e gradevole; i frutti invece si raccolgono a settembre-ottobre.

Dal fiore si possono ottenere preparazioni che esercitano un’azione vasodilatatrice, ipotensiva, sedativa e diuretica.

Nell’antica Roma a questo fiore si attribuiva il potere di allontanare gli spiriti del male e per questo motivo veniva scelto durante la celebrazione di matrimoni e come simbolo di protezione per i neonati.

Ancora oggi a causa delle sue spine aguzze si considera in grado di allontanare i malefizi dalle case.

L’invio di fiori del biancospino è considerato segno di dolce speranza.

biancospino

Come il ramo di biancospino. Antologia della poesia provenzale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,3€
(Risparmi 2,7€)





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO