Garofano

Generalità

Numerosi sono i significati attribuiti a questo fiore nel corso dei secoli. La mitologia lega il garofano alla Dea della caccia, Diana; si tramanda infatti che un giovane pastore innamorato follemente della Dea, sia stato dalla stessa prima sedotto e poi crudelmente abbandonato; dalle lacrime versate del giovane che morì per la passione si narra nacquero dei bellissimi fiori: i garofani. Nello stesso verso anche la tradizione cristiana riporta che dalle lacrime di Maria addolorata ai piedi della croce del Cristo nacquero dei garofani. Numerosi sono anche i poteri attribuiti agli infusi ricavati con l'essenza del fiore: toccasana contro i malanni e la febbre, sollievo per le sofferenze d'amore. Nel linguaggio dei fiori il significato del garofano varia a seconda colore dello stesso: rosso=amore passionale ed impetuoso, bianco=fedeltà, giallo=sdegno.
garofano

Il garofano rosso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,93€
(Risparmi 1,57€)


Origine e descrizione

Famiglia e genere  Fam. carophyllaceae, gen dianthus con più di 300 specie
Tipo di pianta Perenni , biennali o annuali erbacee. Sempreverdi
Esposizione sole
Rusticità Rustica o semirustica
Terreno Calcareo e ricco
Colori Bianco, rosa, rosso, giallo
Coltura semplice
Fioritura Primavera-estate
Altezza 25-60 cm
Propagazione Seme, talea, divisione

Si tratta di un genere molto vasto e assolutamente vario. Conta infatti almeno 300 specie e le varietà sono tantissime. Inoltre ha una grande capacità di ibridarsi e quindi vi sono innumerevoli cultivar. Si possono trovare in quasi tutte le zone temperate del globo. Molti sono spontanei in Europa, altri vengono dall’Asia e dall’Africa. L’altezza può andare da 10 cm fino ai 50 e più (soprattutto nelle cultivar da taglio). I fiori sono nei più svariati colori: dal rosso al rosa, al bianco, al giallo. I petali possono essere anche variegati o bordati di un colore diverso. Le corolle possono essere singole, doppie o stradoppie. Le foglie sono opposte, lineari o lanceolate e possono essere verde medio o, in alcune specie, glauche. Su fusti nodosi, spesso con base legnosa, portano fiori per lo più singoli (in alcuni però anche a piccoli mazzi o ombrelle) con cinque petali (nelle forme semplici) sfrangiati e alle volte dal profumo intenso. A fine estate formano nel calice delle capsule contenenti numerosissimi semi. Si procederà comunque con una descrizione più specifica per ogni singola varietà.

  • Dianthus Il Dianthus barbatus è una pianta erbacea perenne originaria dell'Europa centrale e meridionale, spesso coltivato come annuale o biennale. Viene comunemente chiamato garofano dei poeti.Ha fusti rigi...
  • dianthus Il garofano piumoso è una pianta erbacea perenne di dimensioni medie originaria dell'Europa centrale e dell'Asia. Questi garofani costituiscono densi cespi di fusticini sottili, eretti, che portano nu...
  • Garofano  Al genere dei garofani appartengono decine di specie, diffuse in Europa, Asia e nord America; possono essere annuali, perenni o biennali.Il fiore sboccia in primavera, in estate o anche in autunno p...
  • chiodi di garofano I chiodi di garofano sono una spezia; si tratta dei boccioli essiccati di una pianta tropicale, e non dai garofani; la pianta che ci fornisce i chiodi di garofano si chiama Eugenia caryophyllata, anch...

La prepotenza invisibile. Bulli e cyberbulli: chi sono, come difendersi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,75€
(Risparmi 2,25€)


Messa a dimora garofano

Parlando delle specie perenni possiamo dire che si trovano comunemente in commercio in primavera in vasetti di solito da 8 cm di lato o più grandi. Per inserirli in giardino è sufficiente scavare buche leggermente più grandi del vaso, mettere sul fondo poco concime granulare e inserire la piantina pressando bene per compattare il terreno. La distanza da tenere tra una piantina e l’altra dipende da molti fattori. Principalmente di deve valutare in quanto tempo vogliamo ottenere un risultato definitivo, cioè la completa copertura della zona. Se vogliamo un effetto immediato sarà necessario mettere le piante molto vicine le une alle altre. Se abbiamo più tempo possiamo invece tranquillamente lasciare più spazio e permettere alle piante di occuparlo lentamente. Il Caryophyllus viene tendenzialmente coltivato in vaso, mentre le altre trovano il loro ambiente ideale in piena terra (ma ciò non ci impedisce di tenerli in contenitore).


Terreno garofano

I garofani sono tendenzialmente poco esigenti, per vegetare al meglio però richiedono un terreno calcareo, gessoso. Anche un suolo sassoso è per loro molto adatto.


Esposizione garofano

garofano Sono piante che amano il sole pieno, ma tollerano anche abbastanza bene la mezz’ombra. L’importante è che la zona risulti secca, assolutamente non umida.


Irrigazioni

Vi sono differenze tra una varietà e l’altra. Possiamo però dire che in generale non sono piante particolarmente esigenti e necessitano di irrigazioni poco frequenti. Bisogna invece evitare assolutamente ogni tipo di ristagno idrico. Se coltivati in vaso quindi bisogna approntare sul fondo uno spesso strato drenante.


Concimazione garofano

Si possono concimare all’inizio del periodo vegetativo con un prodotto granulare a lenta cessione. È necessario però essere sempre piuttosto attenti perché non rispondono bene ad un eccessivo nutrimento.


Propagazione

Propagazione garofano Si possono moltiplicare piuttosto facilmente in diverse maniere. Prima di tutto si possono seminare all’inizio della primavera (o anche in autunno, se disponiamo di una serra fredda dove farli svernare) in un misto di torba e coprendo i semi con vermiculite agricola. Andranno tenuti costantemente umidi con vaporizzazioni e coprendo il lettorino con un film plastico. Dovrebbero germinare nel giro di due settimane. Quando hanno raggiunto la quinta foglia possono essere trapiantati in vasetti più grandi e cimati regolarmente per stimolarne l’accestimento. Il metodo comunque più comune è la talea. Di solito viene prelevata da getti non fiorali, in estate. L’ideale è staccarla all’altezza di un’ascella fogliare. Vanno poi poste in un misto di sabbia , torba e perlite e tenute moderatamente umide. Di solito nel giro di un mese si cominciano a vedere i primi segni di vegetazione.


Parassiti e malattie

Parassiti e malattie garofano Le varietà perenni sono di solito molto resistenti e vengono raramente attaccate da insetti e patogeni. Può però capitare che alcune varietà (soprattutto le annuali) vengano colpite da oidio, specie nelle annate in cui le piogge si alternano al caldo umido. Una posizione poco aerata può anche essere una delle cause. In questo caso è bene prevenire con l’aiuto di zolfo bagnabile o intervenire (nel caso di forte affezione) con un prodotto specifico curativo. Se venissero colpiti da insetti (afidi, mosca bianca, tendredini) si può controllare il problema con un insetticida da contatto e ingestione da distribuire nelle ore meno calde.


Dianthus carophyllus

È una pianta originaria dell’Europa e in natura cresce nei luoghi rocciosi e aridi. Ha fusti legnosi e foglie quasi aghiformi di solito glauche o grigie. Viene coltivato come fiore da taglio nelle serre. Nei giardini è scarsamente utilizzato, se non come fiore da vaso. È abbastanza sensibile al freddo e quindi necessita di essere ritirato durante la stagione invernale. Ha il vantaggio però di essere rifiorente e di poter vantare un’ampissima gamma di colori e di fogge del fiore. Essendo piuttosto alto necessita il più delle volte di tutori.


Dianthus x allwoodii

È un ibrido tra il carophyllus e il plumarius. Si tratta di una specie perenne, alta al massimo 25 cm. Di solito si ottiene tramite semina visto che è molto facile trovarne in commercio delle bustine. È molto utile sia nelle bordure sia per il giardino roccioso dato il suo portamento compatto. Vi sono anche varie cultivar rifiorenti.


Dianthus barbatus

Detto anche garofano dei poeti è in coltivazione dalla metà del 1500. Si tratta di una specie perenne che purtroppo, dopo il secondo anno non dà più buoni risultati. Viene quindi in genere trattata da biennale procedendo spesso a semine e taleaggio. Diversamente dalle altre ha foglie larghe e lucide e porta infiorescenze a mazzetti. Fioriscono da maggio a luglio e l’altezza è molto variabile. I più alti (circa 60 cm) possono essere utilizzati nelle bordure. I più bassi (15 cm) sono utili come coprisuolo o nel giardino roccioso. Ottimo anche in vaso.


Dianthus plumarius

Dianthus plumarius È originario dell’Europa settentrionale. Le foglie, aghiformi e glauco-argentate, formano un bel cuscino sempreverde. Sono per questo molto utili come coprisuolo e nel giardino roccioso. Portano all’inizio dell’estate dei fiori singoli dal diametro di 3-4 cm con petali sfrangiati, dal bianco al rosa al rosso, molto profumati. La fioritura è unica e dura circa un mese. Sono piante piuttosto resistenti che si espandono in fretta. È quindi molto semplice ottenere nuove piantine tramite divisione del cespo. Producono anche abbondantissimi semi.


Dianthus deltoides

È un garofano perfetto come coprisuolo o nel giardino roccioso. Si trova anche allo stato spontaneo, di solito nel color rosa. Ha portamento strisciante e le foglie verde scuro. Si moltiplica per divisione e, se si trova in un terreno adatto (quindi povero, sassoso o sabbioso), si dissemina con facilità.


Dianthus neglectus

Di piccole dimensioni, con steli sottili e molto eleganti. La vegetazione è grigiastra ed è ottimo come tappezzante.


Dianthus alpinus

Anche questo spontaneo nel nostro paese, soprattutto nelle zone alpine, risulta essere in assoluto il più contenuto come dimensioni. Di solito non raggiunge i 10 cm di altezza. Ha foglie verde scuro mentre il fiore è semplice, piatto e rosa fucsia.


Dianthus knappii

Una specie davvero particolare caratterizzata dal colore giallo delle corolle. La pianta raggiunge i 25 cm e ha steli rigidi e fiori a gruppi.


Dianthus chinensis

Originario dell’Asia viene coltivato per lo più come annuale. È alto circa 20 cm con fiori singoli. Ha il vantaggio di avere una lunga fioritura, specie se viene pulito regolarmente. Si moltiplica facilmente tramite semina autunale.


Garofano: Dianthus superbus

Può arrivare a 50 cm di altezza ed è spontaneo dell’Europa. Si può trovare normalmente nella composizione dei prati alpini. I petali sono particolarmente ariosi e sfrangiati e spandono un profumo molto gradevole ed intenso. È molto bello se inserito nelle bordure o nel giardino informale. Necessita però di essere tenuto ordinato tramite pulizia periodica e eliminazione dei ceppi secchi o troppo irregolari nella crescita.


Guarda il Video
  • garofani rossi Apprezzato da secoli per la luminosità dei colori e per la lunga durata, il garofano dalla bellezza classica è un fiore
    visita : garofani rossi
  • garofano bianco Il fiore del garofano è uno dei più apprezzati in ambito floro-vivaistico, perché è una pianta che non necessita di cure
    visita : garofano bianco



Esposizione
Pianta che necessita di almeno alcune ore al giorno di irradiamento solare.

 
Sole pieno
Annaffiature
Intervenire con le annaffiature ogni 2-3 giorni, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni; evitare gli eccessi. In ogni caso è bene bagnare a fondo il substrato in caso di siccità prolungata.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno è consigliabile fornire una buona dose di concime per piante da fiore, ricco in azoto e potassio, per favorire lo sviluppo del fogliame ed una abbondante fioritura; utilizzando un concime a lenta cessione una sola applicazione sarà sufficiente; con altri tipi di concime è necessario ripetere l'applicazione ogni 8-10 giorni, utilizzando una dose dimezzata rispetto a quella consigliata in etichetta.


Esigenze della piante a luglio in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO