Flox

Flox: Generalità

flox

Il nome della pianta deriva dal termine latino phlox, che significa fiamma e che ricorda la forma ed i colori dei suoi fiori. Nell'epoca medioevale i cavalieri, in occasione di feste e ricevimenti,

erano soliti ornare i propri vestiti con fiori di Phlox, fiori la cui bellezza e profumo risultavano essere particolarmente apprezzati dalle Dame. I cantastorie dell'epoca parlavano dell'usanza dei cavalieri di lasciare il fiore alla donna con cui avevano ballato e festeggiato per tutta la serata. Per questo motivo, la pianta è l'emblema della complicità e dell'intesa.

flox





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO