Asparago - Asparagus officinalis

Generalità

Si tratta di una tra le verdure più insolite e dal sapore molto particolare, l'abitudine al consumo degli asparagi giunge dal tempo dei romani, che ne coltivavano in grandi quantità. L'asparago è costituito dai germogli ben sviluppati di un pianta erbacea semisempreverde, originaria delle zone costiere mediterranee ed europee; essendo una pianta perenne le aiole in cui si coltivano gli asparagi saranno a questo destinate per lungo tempo: una asparagiaia ben coltivata può produrre per almeno una decina di anni. Il nome botanico della varietà conosciuta da tutti per la sua coltivazione come pianta commestibile è Asparagus officinalis.
Asparagi

Vivai Le Georgiche Asparagus Officinalis (Asparago Selvatico)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,5€


Caratteristiche morfologiche

pianta asparago Le piante di asparago sviluppano grandi rizomi striscianti, molto vigorosi, da cui si sviluppano fusti eretti, detti turioni; da questi germogli hanno origine piante di Asparagus officinalis anche molto voluminose, che possono raggiungere i 45-75 cm di altezza, costituite da sottilissimi steli, molto ramificati, che portano foglioline sottili, quasi aghiformi. Il risultato visivo è quello di piccoli arbusti disordinati, che spesso rimangono nell'orto per tutto l'anno.

L'asparago è una pianta dioica, ovvero i fiori maschili e i fiori femminili si sviluppano su piante differenti; le piante femminili in estate producono anche i frutti: piccole bacche rosse o arancio.

I turioni di Asparagus officinalis più apprezzati sono quelli spessi e corposi, che vengono consumati dopo essere stati cotti. Esistono asparagi verdi, e sono quelli più comuni, originati normalmente dalle piante di asparago; gli asparagi bianchi invece sono turioni coltivati rincalzando le piante non appena cominciano a germogliare, in modo da non permettere ai turioni di ricevere la luce solare; gli asparagi violetti invece sono asparagi bianchi i cui apici sono stati posti alla luce solare nelle ultime fasi di maturazione prima della raccolta.

  • Asparagus densiflorus Questo genere riunisce alcune decine di specie di piante, alcune delle quali vengono utilizzate come ortaggi visto che producono un frutto commestibile, l'asparago, altre invece sono coltivate come pi...
  • asparagi L'asparagus è una pianta erbacea perenne provvista di un rizoma sotterraneo che in orticoltura prende il nome di zampa. Dalla zampa ogni anno spuntano i germogli chiamati turioni, che sono la parte co...
  • Asparagi salve, mi appresto a piantare degli asparagi a livello famigliare, e prima di prendere le zampe vorrei informarmi su tutti gli aspetti.. ho visto un vostro video e mi sorge una domanda:"ma le zampe va...
  • asparagi La coltivazione degli asparagi richiedere l’individuazione di uno spazio specifico dedicato: in altre parole, occorre destinare una parte dell’orto esclusivamente a questo alimento, escludendolo dal r...


Coltivazione

asparagus officinalis Sviluppandosi prevalentemente a livello poco profondo, gli asparagi necessitano di un terreno appositamente preparato; infatti necessitano di un terreno mediamente fertile, molto ben drenato e molto soffice. In genere si prepara una asparagiaia lavorando a fondo il terreno, mescolandovi del concime organico ed una buona quantità dis abbia, che manterrà soffice ed aerato il terreno. In questo terreno si pongono a dimora direttamente i rizomi, acquistandoli già pronti, oppure trapiantandoli da un semenzaio preparato in precedenza; l'impianto delle asparagiaie avviene a fine inverno, prima che le temperature diventino primaverili e le giornate si allunghino troppo. Ogni anno il terreno viene arricchito con concime organico o con concime granulare a lenta cessione; fondamentale è controllare costantemente lo sviluppo di infestanti, rimuovendole prontamente non appena cominciano a svilupparsi. Le annaffiature vengono fornite solo quando il terreno è ben asciutto, infatti gli asparagi ben sopportano la siccità e non amano terreni pesanti ed umidi; è comunque bene evitare di lasciare le piante a lungo senza annaffiature, cosa che potrebbe causare uno sviluppo di turioni eccessivamente coriacei. Partendo da rizomi ben sviluppati una asparagiaia comincerà a produrre nell'arco di un paio di anni.


Asparago - Asparagus officinalis: Caratteristiche

asparagi Gli asparagi sono molto apprezzati per il loro sapore intenso ed aromatico; vengono utilizzati anche in erboristeria ed in medicina omeopatica, a causa dei molteplici principi attivi in essi contenuti; in particolare sono il vegetale commestibile con la maggior quantità di acido folico, utilizzato particolarmente durante la gravidanza, per prevenire lo sviluppo di alcune malattie nel feto.


Guarda il Video



Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno si concimano soltanto le orticole che stanno ancora fruttificando; gli appezzamenti precedentemente occupati da orticole annuali si lavoreranno a fondo, prima dell'inverno, aggiungendo al terreno del concime organico ben maturo.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO