Cavolo - Brassica

Generalità

Queste verdure sono tutte ibridi della stessa pianta, la Brassica oleracea; nell'arco dei millenni l'uomo ha selezionato ed ibridato le specie di brassica, che tendono anche naturalmente ad ibridarsi, in questo modo ora abbiamo a disposizione svariati ibridi di piante, la maggio parte delle quali viene utilizzata per l'alimentazione; alla famiglia della brassica appartengono infatti verza, cavolo cappuccio, broccoli, cavolfiori, senape, rape, rapanelli, colza. Dalla singola specie Brassica oleracea hanno avuto origine svariati ibridi, tra cui il cavolo verza, il cavolo cappuccio, il cavolfiore e il broccolo. Si tratta quindi di varietà molto affini, derivando tutte dalla stessa specie di pianta selvatica, che vengono quindi coltivate in modo molto simile e con le stesse esigenze colturali.
cavolo


Come coltivarli

cavolfiorePrima di porre a dimora il cavolo da noi prescelto è bene lavorare in profondità il terreno, arricchendolo con concime naturale ben maturo, o con concime granulare a lenta cessione; il terreno deve essere ben lavorato, ricco di materia organica, e molto ben drenato.

Una volta preparato l'appezzamento andremo a porre a dimora i nostri cavoli; generalmente si preferisce porre a dimora direttamente le piccole piante, in modo da sistemarle in file, distanziate di circa 45-65 cm le une dalle altre. Le piccole piante vengono preparate in semenzaio, in modo da poter posizionare i semi in luogo riparato, e non direttamente nell'orto.

Dopo aver posto a dimora le piccole piante annaffiamo il terreno, e quindi attendiamo che le piante si sviluppino, annaffiando solo se il terreno rimane eccessivamente asciutto per un periodo di tempo prolungato. Dal giorno dell'impianto al giorno del raccolto trascorrono circa 70-90 giorni.

I cavoli vengono coltivati durante i mesi freschi, da ottobre fino all'inizio della primavera, ed esistono moltissime varietà, da quelle che vengono poste a dimora a fine agosto, fino a quelle che prediligono i climi freddi e che quindi vanno interrate in gennaio-febbraio. Visto che la coltivazione si effettua durante i mesi più freddi e piovosi dell'anno, in generale non è necessario intervenire con le annaffiature, anche se è bene vigilare perchè il terreno non rimanga completamente asciutto per periodi di tempo eccessivamente prolungati.

  • verdure Le tecniche di impianto attualmente più diffuse per la maggior parte delle orticole sono sostanzialmente due: la semina diretta oppure il trapianto di piantine allevate in vivaio.La scelta della tec...
  • semi La semina è il metodo più diffuso di moltiplicazione delle piante. Tale tecnica di riproduzione prende il nome di moltiplicazione gamica, cioè per mezzo di semi, e si differenzia dalla moltiplicazione...
  • balcone Esistono molte tipologie e molti modelli di vasche; per il terrazzo è preferibile utilizzare vasche rettangolari, che abbiano la base uguale se non più larga dell'apice, al fine di garantirne una magg...
  • bulbi Si intende per bulbi primaverili tutte le bulbose che fioriscono nel periodo primaverile, dai bucaneve, che fioriscono verso la fine dell'inverno, fino ai tulipani, che fioriscono in primavera inoltra...


Cavolo - Brassica: Malattie dei cavoli

coltivare ortoPuò capitare che alcuni parassiti rovinino il nostro raccolto di cavoli; le malattie fungine più diffuse sono spesso dovute al freddo e all'umidità persistente sul terreno, quali marciumi basali o del colletto, muffe grige o peronospora; questo tipo di parassiti si sviluppano soprattutto in luoghi molto freddi e con grandi precipitazioni invernali, o anche a causa di carenza di ventilazione. Questo tipo di malattie fungine si prevengono con un trattamento all'impianto a base di rame e zolfo, per ripulire il terreno da eventuali spore dei funghi patogeni.

I parassiti animali che più spesso colpiscono i cavoli sono gli afidi, che hanno in genere uno sviluppo autunnale e primaverile; durante l'inverno infatti questi insetti non resistono alle basse temperature. Solitamente poi gli afidi tendono ad annidarsi sulle foglie più esterne dei cavoli, che in genere vengono scartate quando si ripulisce la verdura per il consumo, quindi difficilmente si annidano sulle parti commestibili della pianta.

Quando invece si pongono a dimora le giovani piante di cavolo dovremo fare grande attenzione alle lumache, che sono voraci consumatrici delle aromatiche foglie del cavolo; possiamo difenderci utilizzando le tipiche esche anti lumaca presenti in commercio; esistono anche particolari bande in materiale plastico, che creano una vera e propria barriera attorno all'appezzamento, impedendo alle lumache di raggiungere le piante.


Guarda il Video



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno si concimano soltanto le orticole che stanno ancora fruttificando; gli appezzamenti precedentemente occupati da orticole annuali si lavoreranno a fondo, prima dell'inverno, aggiungendo al terreno del concime organico ben maturo.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO