Cavolo cappuccio - Brassica oleracea var. capitata

Generalità

La Brassica oleracea var. capitata è un ortaggio coltivato in Europa da millenni; sembra venisse coltivato e consumato già ai tempi degli antichi romani; esistono tre principali raggruppamenti, il cavolo cappuccio bianco, il cavolo cappuccio viola e la verza; si tratta della stessa pianta, di ogni raggruppamento sono disponibili decine di cultivar, diverse per tempo di maturazione, stagione di sviluppo, forma e dimensione del cappuccio. Si tratta di piante annuali, che sviluppano un denso capolino, costituito da grandi foglie tondeggianti, il capolino è tanto stretto e compatto che al centro si forma una grande “testa” tondeggiante, le cui dimensioni varia no dal 10-15 cm di diametro fino al 70-80 cm di diametro nelle varietà giganti. Le foglie di Brassica oleracea var. capitata si consumano crude o cotte, vengono utilizzate per preparare i crauti, cuocendo le foglie in acqua ed aceto, per poterle conservare a lungo.
cavolo cappuccio

Plant Theatre, Kit per coltivare 6 specie diverse di peperoncino e paprica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€


Coltivazione

brassica oleracea capitata Gli esemplari di Brassica oleracea var. capitata raggiungono la maturazione in circa 60-120 giorni a partire dalla semina; esistono varietà a semina primaverile, autunnale ed estiva; in genere lo sviluppo migliore si ha con clima fresco, quindi in Italia si tende a piantare le giovani piantine nell’orto in autunno o a fine inverno, per un raccolto invernale o tardo primaverile. Le giovani piante si possono ottenere anche dalle sementi degli esemplari dell’anno precedente: tenendo in terra una pianta di cavolo questa produrrà sottili fusti eretti che portano numerosi piccoli fiori gialli, seguiti dai baccelli dei semi. Poiché il cavolo viene coltivato da millenni nei nostri orti poniamo a dimora sempre delle cultivar, per questo motivo le piante ottenute da seme non sono sempre identiche alla pianta madre; per questo motivo si preferisce acquistare le giovani piante già sviluppate, o anche le sementi, già selezionate.

  • brassica oleracea italica I broccoli sono un ortaggio di grande interesse sia dal punto di vista nutrizionale sia per il loro gusto. La loro coltura è piuttosto semplice e possono dare grandi soddisfazioni a tutti.Il nome ...
  • ravanello Il ravanello originario delle zone della Cina e del Giappone, viene coltivato principalmente per le radici, la parte commestibile, che possono essere di diverso colore (rosso, bianco, verde), forma e ...
  • Pak choi Il pak choi (o anche Bok choi) è una verdura di origine Cinese, tipica della cucina asiatica, che ultimamente si trova senza problemi anche sul mercato europeo; si tratta di un cavolo, il nome latino ...
  • cavolo cappuccio ho delle piante di broccoletti che dopo l'inverno sono andati a fiore. raccogliendo i fiori ottengo i semi per la prossima semina,e la pianta va estirpata o s'è lasciata a dimora produrra ancora? ...

Il Kit Peperoni e Peperoncini di Plant Theatre - 6 diverse varietà da coltivare - Regalo ideale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Tecniche colturali

cappuccio cavolo Si coltivano in un terreno soffice, arricchito con stallatico maturo e ben lavorato in profondità; le giovani piante si dispongono in file distanti almeno 20-35 cm le une dalle altre.

Necessitano del pieno sole e amano un terreno fresco e ben drenato; non sopportano la siccità, quindi è necessario intervenire con le annaffiature quando il terreno è asciutto da alcuni giorni: la coltivazione invernale in genere non necessita di annaffiature, in quando il clima di solito provvede le giuste precipitazioni. E' bene controllare che il substrato scelto non consenta la formazione di ristagni idrici che potrebbero portare facilmente all'insorgenza di marciumi.


Cavolo cappuccio - Brassica oleracea var. capitata: Possibili Malattie

brassica capitata La brassica in genere teme l’attacco delle lumache, soprattutto le giovani piante, e delle farfalle cavolaie, le cui larve divorano rapidamente il fogliame; in genere la coltivazione invernale ovvia anche a questo problema, visto che il clima inclemente non favorisce lo svilupparsi di parassiti; se si coltivano invece cavoli primaverili è consigliabile coprirli con agritessuto o con rete a maglia fine, in moda da impedire meccanicamente l’accesso degli insetti al fogliame delle nostre piante. In caso di infestazione già in atto invece provvediamo tempestivamente a debellare gli insetti che potrebbero distruggere l’intero raccolto.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Durante i mesi freddi annaffiare saltuariamente, inumidendo il terreno ogni 25-30 giorni, evitando di bagnare eccessivamente il substrato.


Tenere asciutto
concimazione
In genere l'orto non viene concimato durante i mesi invernali, se si è già proceduto ad aggiungere al terreno del concime organico durante l'autunno; altrimenti si pratica una concimazione con stallatico a dicembre o a febbraio.


Esigenze della piante a dicembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO