Amarene

L'apporto idrico per le amarene

Le amarene possono essere coltivate con successo senza troppe cure dal punto di vista dell'apporto idrico. L'albero delle amarene, infatti, può crescere anche spontaneamente con belle fioriture e generose produzioni. Questo significa che la pianta adulta con la giusta collocazione e sul giusto terreno non necessita di particolari interventi. Nella prima fase di crescita dell'alberello dovremo preoccuparci di non far seccare troppo la terra e, se le precipitazioni atmosferiche stagionali si faranno attendere per oltre 10 giorni, provvederemo a supportarle annaffiando la base dell'amareno. Durate l'estate, specialmente se il clima è torrido, incrementeremo le annaffiature. Anche la fase di ripresa vegetativa sarà importante, in primavera, e l'albero dovrà ricevere il giusto quantitativo idrico. Generalmente in questa stagione le piogge sono naturalmente abbondanti. Quando la pianta sarà adulta, poi, diventerà del tutto autonoma e non occorrerà più annaffiarla.
Amareno selvatico

Solfato ferroso (25 kg), concime per piante e fiori

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19€


Tecniche di coltivazione delle amarene

Foglie di amareno Il metodo migliore per la moltiplicazione dell'amareno è la talea e il portainnesto. Se non sappiamo fare questo tipo di operazione potremo acquistare un amareno già sviluppato e ben radicato, che dovremo semplicemente travasare e, se la stagione lo permette, mettere direttamente a dimora. Il prezzo per comprare un alberello di questo genere non sarà elevato e saremo sicuri che il vivaista lo avrà innestato correttamente. Consideriamo che il nostro amareno sarà un albero più grande di 3m che resterà a lungo nella propria collocazione. Per cui la spesa per l'alberello già sviluppato in vivaio è veramente irrisoria. Una volta messo a dimora dovremo semplicemente lasciare che l'amareno si abitui alla nuova terra, opportunamente preparata per accoglierlo scavando una buchetta di circa 40cm e ricoprendola con altra terra. Eviteremo di potare spesso la pianta e ci limiteremo a togliere soltanto i rami completamente secchi.

  • Begonia Tra le molteplici varietà da poter coltivare in appartamento, tra le mura di casa, troviamo la begonia. Le specie di begonia coltivate in appartamento ed in giardino sono davvero numerose; tutte sono ...
  • Euphorbia Questo elegante arbusto è originario del Messico; l'euphorbia fulgens produce lunghi rami scarsamente ramificati, sottili ed arcuati, che portano lunghe foglie sottili, che ricordano il fogliame del s...
  • abete L’albero di Natale, tipicamente una conifera sempreverde, è uno dei tipici ornamenti della casa durante il periodo natalizio; molti lo collegano alle celebrazioni consumistiche legate a questo periodo...
  • Cattleya Il genere cattleya comprende numerose specie di orchidee originarie dell'America centrale e meridionale, tutte caratterizzate da fior molto appariscenti e profumati. Le specie di Cattleya vengono divi...

10 semi / pacchetto fai da te Casa Garden piantare i semi freschi Guava Psidium Guajava Thai rosa Grandi pomacee spedizione gratuita

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,77€


Terreno per la coltivazione delle amarene

Amarene da cogliere L'amareno non è un albero particolarmente esigente in termine di sostanze nutrienti. Il fatto di poter crescere anche allo stato selvatico significa che si adatta bene a qualsiasi tipo di terreno. L'unico accorgimento importante sarà legato al drenaggio. Dovremo infatti verificare che l'area dove abbiamo deciso di collocare l'amareno garantisca il deflusso completo delle acque in eccesso, compresi i periodi in cui le precipitazioni atmosferiche sono più intense della media. Prima del trapianto potremo eventualmente arricchire la terra con del letame maturo e del compost naturale. Durante la crescita dell'albero le operazioni di fertilizzazione non sono obbligatorie e possono comunque essere ripetute nei primi anni di vita della pianta aiutando lo sviluppo. Potrà giovare al giovane alberello un'opera di lavorazione superficiale periodica della terra, rinfrescandola e liberandola da eventuali piante e erbacce spontanee.


Amarene: Esposizione e clima

Amarene Le amarene crescono bene in un clima fresco e temperato. L'esposizione migliore per uno sviluppo ottimale è a tutto sole. Durante la primavera l'amareno sarà ricoperto di splendidi fiori e regalerà i frutti da maggio in poi, continuando per tutta l'estate. Potrà essere attaccato da parassiti e malattie, come la cocciniglia, gli afidi e altre problematiche. Si raccomanda di utilizzare prodotti antiparassitari solo se strettamente necessario. Per evitare l'insorgere di muffe e marciumi non bisogna esagerare con le irrigazioni, limitandole all'effettivo bisogno, soprattutto quando la pianta è adulta e si è ambientata nella collocazione definitiva. Essendo un albero che può superare con facilità 3-4m, è opportuno evitare di piantare un altro esemplare ravvicinato. Nella scelta del posto dove mettere la pianta dovremo tenere in considerazione anche il perimetro da lasciare libero, senza posizionarlo troppo in prossimità di abitazioni o altri ostacoli.



COMMENTI SULL' ARTICOLO