More senza spine

Le more senza spine: quanto irrigare

Le more senza spine possono essere coltivate con successo sia in vaso che in giardino o in un'area dedicata dell'orto. L'annaffiatura va modulata a seconda del tipo di coltivazione cercando, in ogni caso, di evitare l'irrigazione a pioggia poiché potrebbe danneggiare le foglie direttamente esposte ai raggi solari. Si raccomanda, dunque, di effettuare le operazioni di annaffiatura direttamente alla base della pianta, sia che si operi con un impianto fisso che con un annaffiatoio manuale. Nella soluzione ideale si prevede anche uno strato di pacciamatura naturale per mantenere il più possibile costante l'umidità, evitare pericolosi ristagni idrici e ricreare l'ambiente ideale di crescita della mora. Non bisogna esagerare con l'apporto idrico limitandosi ad intervenire solo quando il terreno risulta completamente asciutto, aumentando l'annaffiatura con l'arrivo dei periodi maggiormente caldi.
More da giardino in maturazione

Bakker Moro Jumbo Senza Spine Chester Thornless - cad.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,95€


Come prendersi cura della mora senza spine

Pianta di more da giardino Le piantine di more senza spine possono essere acquistate in un negozio specializzato di giardinaggio e fai da te. In genere vengono vendute in vasi, anche già pronte per essere messe a dimora interrando semplicemente il panetto di terra. Si raccomanda di piantare il panetto leggermente al di sotto del livello, aggiungendo un po' di terra sopra il colletto. Un negozio specializzato saprà anche consigliarci sulla varietà migliore di mora senza spine, detta anche mora da giardino, che si adatta allo spazio che abbiamo a disposizione. Durante la crescita della mora dovremo intervenire anche per le operazioni di potatura. Andremo dunque a rimuovere i rami che hanno fruttificato facendo attenzione a non togliere quelli nuovi che invece ci regaleranno splendide more l'anno successivo. La potatura è indispensabile, oltre per evitare l'insorgere di malattie, anche per aumentare la produzione della pianta.

  • noce Pianta di origini antichissime, proveniente dalle regioni dell' Asia sud-occidentale. È un albero molto vigoroso, che può raggiungere anche i 30 metri d'altezza. Ha foglie caduche, ogni foglia è compo...
  • ciliegia Pianta di origini asiatiche, diffusa in Europa fin dai tempi antichi, Il ciliegio si può dividere essenzialmente in due specie diverse: il ciliegio a frutto dolce e il ciliegio a frutto acido. Il cili...
  • nespola Il Mespilus germanica è un arbusto o piccolo albero originario dell'Europa e dell'Asia, a foglie caduche, non molto longevo, che in età avanzata può raggiungere i 4-6 m d'altezza. La corteccia è grigi...
  • pesche Il Prunus Persica è una pianta proveniente dalla Persia da cui ne deriva appunto il nome latino "persica", cresce spontaneamente anche in Cina. Il pesco è un albero da frutto di modeste dimensioni, in...

Vivai Le Georgiche Goji

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,5€


Concimazione e terreno

coltivazione more Le more senza spine, come le altre varietà, prediligono un terreno che riproduce le caratteristiche del sottobosco. Per chi abita in zone che hanno questo tipo di peculiarità, si raccomanda semplicemente di non stravolgerle, cercando di mantenere un ambiente il più naturale possibile. Le more sono piante molto resistenti e si sviluppano in quasi tutti i tipi di terreni. Se proprio è necessario possiamo preparare precedentemente il posto dove andremo a coltivare la pianta con un aggiunta di concime, meglio se quello acidofilo, facilmente reperibile nei negozi. Si può anche intervenire con un concime organico aggiuntivo, sempre se strettamente necessario. In fase di crescita e durante la vita della pianta non saranno necessari ulteriori interventi di concimazione, a meno che non si tratti di carenze del terreno specifiche.


More senza spine: Esposizione e malattie

More mature Il luogo ideale dell'orto o del giardino dove collocare le more senza spine è a tutto sole, dove i raggi diretti arrivano per buona parte della giornata. Oltre a crescere meglio, le piante collocate in una posizione con quel tipo di esposizione producono frutti decisamente più apprezzabili e saporiti, ricchi di zuccheri e con un colorito nettamente più lucido. Nel caso di una coltivazione con più esemplari disposti su file, bisogna fare attenzione al fatto che quando le piante cresceranno non dovranno farsi ombra l'una con l'altra. Si può rimediare semplicemente rispettando le giuste distanze. A differenza dei lamponi, le more senza spine vengono attaccate molto meno frequentemente dalle malattie. I funghi che possono svilupparsi possono essere trattati con prodotti specifici ma si può procedere anche con rimedi naturali come i decotti all'ortica. È bene evitare di piantare le more senza spine dove sono state messe a dimora l'anno precedente lamponi e fragole ma anche solanacee.



COMMENTI SULL' ARTICOLO