Agricoltura biologica in italia

Agricoltura biologica in italia

La caratteristica principale di questo settore, è quella di coltivare ortaggi, verdura in genere e frutta, con concimi naturali derivati dall’uso di composti ottenuti dalle erbe officinali attraverso l’infusione di quest’ultime, la macerazione, la decozione e l’estrazione. Non a caso in Italia, sono nati nel mondo del commercio, diversi esercizi commerciali che trattano proprio di prodotti bio approvati sia dal Regolamento CE 834/07 che dal Regolamento di applicazione CE 889/08. D’altra parte è giusto che queste colture vengano trattate con prodotti simili altrimenti cadrebbero i presupposti per considerare i prodotti della terra nella specifica categoria dei prodotti biologici. Naturalmente le aziende biologiche devono avere caratteristiche inconfondibili a cominciare dal fatto che devono essere ubicate in luoghi lontani da autostrade o fabbriche che potrebbero con i loro agenti sfavorevoli, contaminare le colture. Sono già diversi anni che alcune aziende agricole, usano la conduzione biologica e sul territorio nazionale, se ne contano circa 20mila. Alcune amministrazioni locali, erogano addirittura dei fondi a favore di aziende che coltivano bio proprio per incrementare l’uso dei prodotti biologici. Le aziende che coltivano con questo regime, hanno a disposizione sui loro terreni, diverse stalle dove allevano animali da macello ed usano proprio il letame di questi ultimi, per fertilizzare i terreni agricoli andando così a promuovere la biodiversità dell’ambiente. Lo scopo non è naturalmente soltanto quello di offrire agli acquirenti prodotti senza fitofarmaci o concimi chimici ma è anche quello di creare nell’ambiente, un impatto positivo a livello di inquinamento della terra e dell’aria.
coltivazione biologica

Chimica e fertilità del suolo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,75€
(Risparmi 5,25€)


Il biologico in giardino

biologico in giardino Coltivare biologicamente, non deve essere inteso solo a livello di aziende di grosse dimensioni. Anche chi possiede un orto urbano può provare a dedicarsi a questo tipo di coltivazione facendo uso di concimi e pesticidi naturali realizzati con le erbe officinali. Come menzionato prima, le erbe in questione, vengono trattate attraverso processi dai quali si ricavano composti naturali da usare come pesticidi ed anticrittogamici. Molti contadini che coltivano le loro verdure in maniera tradizionale, fanno uso di questi composti che ricavano dal macero di erbe come l’ortica, l’eucalipto, l’assenzio o l’equiseto. Lasciando macerare per esempio un chilogrammo di ortiche in 10 litri di acqua fino a quanto quest’ultima diventa di un colore scuro intenso, si ottiene un composto che dopo essere stato accuratamente filtrato e deposto in un erogatore, può essere spruzzato sulle colture. Tale miscela è efficacissima per combattere fastidiose invasioni di ragno rosso e di bruchi ma nello stesso tempo, rende le piante rigogliose e sane. Tuttavia, bisogna saper dosare bene gli elementi altrimenti si rischia di causare danni invece che benefici. Risulta utilissimo quindi per chi vuole utilizzare il fai da te, informarsi sul web o tramite documenti cartacei o ancora attraverso consigli di persone esperte.

E’ proprio per questo che gli antiparassitari naturali usati nelle grandi aziende agricole, sono consigliati da competenti agronomi che mettono la loro esperienza a disposizione degli agricoltori adottando metodi che comprendono la tempistica e i tempi dell’innaffiatura e della concimazione. Sebbene infatti, i concimi bio debbano essere usati categoricamente in un’azienda agricola biologica degna di essere chiamata con tale nome, essi devono essere sapientemente dosati scegliendo le colture adatte, l’esposizione al sole e i diversi metodi di gestione. La diagnostica corretta del problema, è il primo elemento a cui gli agronomi italiani danno spazio. Solo dopo attente ed accurate valutazioni, questi professionisti possono agire con prodotti meno persistenti all’ambiente. Naturalmente gli agronomi terranno conto anche dell’apporto che gli anticrittogamici bio, daranno alle colture, per quanto riguarda la formazione di anticorpi atti a prevenire la futura ricomparsa dei parassiti. E’ uno studio complesso che utilizza persino la nicotina che attraverso l’opportuna macerazione, diventa un ottimo insetticida. Ma altri metodi altrettanto naturali, ci vengono dati da alcune specie di insetti prima in assoluto la coccinella, che si rivela una buona antagonista. Esistono infatti delle trappole realizzate in materiale plastico dette trappole al feromone che attraverso l’uso di esche a base di ormoni sessuali degli insetti che si vogliono eliminare, attirano solo gli insetti specifici senza agire su quelli ritenuti utili in natura.

  • agricoltura biologica La Rivoluzione Verde degli anni 60 e 70 ha introdotto sementi ibride, cambiando radicalmente il rapporto tra contadino e coltura. Questi semi ibridi producono piante più deboli che hanno bisogno di do...
  • fertilizzanti agricoltura biologica La spinta della società moderna verso uno stile di vita che sia sempre più "sostenibile" ed il desiderio di nutrirsi con cibi sani e più naturali possibile, ha portato sempre più il mondo del'agricolt...
  • coltivazione biologica Il suffisso ”bio” è uno dei più utilizzati e ricercati negli ultimi anni, per quanto riguarda la produzione agricola e alimentare. Ma quali prodotti si possono definire veramente biologici? Ecco il qu...
  • pomodori bio I prodotti provenienti dall'agricoltura biologica devono essere coltivati con metodi del tutto naturale, senza l'ausilio di prodotti chimici. È ammesso solo l'utilizzo di concimi organici, e non si po...

FUNGICIDA A BASE DI RAME "PASTA ISAGRO BLU" DA 1 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16€


Stile di vita biologico

ortaggi biologici Chi sceglie di alimentarsi con le colture biologiche, sceglie una filosofia di vita molto diversa da quella convenzionale soprattutto perché pone al primo posto il rispetto dell’ambiente oltre alla salute. Comunque oggi, l’agricoltura biologica è in continua evoluzione e l’agricoltore arriva ad una produzione ecologicamente sostenibile proprio attraverso i continui apporti degli agronomi che coadiuvano il lavoro dei contadini affinchè raggiungano livelli soddisfacenti non solo dal lato economico ma anche da quello dell’eco compatibilità. La consulenza agronoma è quindi indispensabile e la presenza di un professionista in grado di affiancare l’imprenditore, diventa la chiave essenziale per attraversare un momento dove l’agricoltura italiana si sta destreggiando abilmente per riuscire in uno scopo utile specialmente ai consumatori. Gli alimenti biologici valorizzano oggi, la produzione agricola del territorio Italiano che da un’efficace risposta a coloro che seguono la tendenza del mangiar sano orientandosi sempre più verso prodotti inalterati e dalla genuinità accertata.


Coltivazioni bio

verdura biologica Nonostante l’agricoltura biologica sia in costante e continua osservazione, l’Italia sembra dimostrarsi attenta a tutto ciò che è in sintonia con la natura ed i consumatori, sembrano sempre più essere attirati da alimenti che escludono l’utilizzo di sostanze chimiche di sintesi e di organismi geneticamente modificati. Il mercato della frutta e verdura, è diventato nonostante il periodi di crisi che l’Italia sta attraversando, molto esigente in fatto di freschezza e qualità. Si è compreso oramai, che il consumatore preferisce acquistare poco ma buono e tutto entro i limiti della stagionalità. Il cittadino sta attento alla salute, conosce benissimo le prerogative di alimenti biologici , sa che la frutta coltivata con questo tipo di coltura, contiene più antiossidanti di un normale frutto coltivato con i mezzi convenzionali. Il consumatore è al corrente di tutti i principi nutrizionali che posseggono frutta e verdura biologica, sa che può assaporare tutto senza avere la preoccupazione di togliere la buccia perché ciò che arriva sulla sua tavola, è stato coltivato con metodi che escludono l’impiego di pesticidi chimici. Oggi chi acquista, è a conoscenza di molte più cose rispetto agli anni passati. I mass media ed il web, offrono la possibilità di informare e di far comprendere che tutta la frutta e verdura certificata biologica, è stata prodotta senza forzature. Il futuro del nostro paese, è oramai legato al successo che i prodotti biologici hanno ed avranno sul mercato. Molto in voga ultimamente, i mercatini del biologico che favoriscono l’incontro diretto tra consumatore e produttore. La finalità di questi mercatini è permettere alle aziende produttrici di farsi conoscere da una vasta utenza in maniera tale da valorizzare la “filiera corta” ovvero nessun passaggio intermedio.




COMMENTI SULL' ARTICOLO