Aziende agricoltura biologica

Aziende agricoltura biologica

La Rivoluzione Verde degli anni 60 e 70 ha introdotto sementi ibride, cambiando radicalmente il rapporto tra contadino e coltura. Questi semi ibridi producono piante più deboli che hanno bisogno di dosi più elevate di pesticidi e fertilizzanti. La recente introduzione di organismi geneticamente modificati (OGM) e semi (che vanno di pari passo con erbicidi specifici, pesticidi e fertilizzanti) è l'ultima minaccia per l'equilibrio e il benessere, non solo della Terra, ma anche degli esseri umani. Ci sono grandi interessi economici legati alle sementi geneticamente modificate, e purtroppo questo crea una pressione inarrestabile sui paesi in via di sviluppo che sono costretti ad accettare tali modalità di coltivazione.

Oggi siamo finalmente consapevoli degli effetti dell'agricoltura chimica sulla nostra salute, sulla vita economica degli agricoltori, sulla vitalità del suolo, e sul benessere di tutte le piante e gli animali. In molti luoghi, il terreno è ormai incapace di rinnovarsi e richiede costantemente l’uso di fertilizzanti di sintesi e antiparassitari. ciò vuole anche dire l’arrivo di nuovi parassiti e nuove malattie che appaiono resistenti ai pesticidi chimici. Fortunatamente, l’agricoltura biologica è ormai diffusa e sempre più aziende agricole scelgono di coltivare biologico, ottenendo le certificazioni severe che il nostro paese concede alle aziende che rispettano le regole di coltivazione biologica.

agricoltura biologica

Los Ridella - Humus di Lombrico Californiano 10KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,12€


Coltivazioni biologiche

ortaggi biologici Le aziende che sono passate al biologico hanno dovuto subire un periodo di “decontaminazione”, dove si è lasciato riposare il terreno e lo si è trattato con metodi di copertura e sovescio e, solo dopo un’attenta analisi che ne stabilisca l’idoneità, hanno ottenuto le certificazioni necessarie per avviare la propria attività di coltura biologica. In alcuni casi, una stessa azienda porta avanti due linee, una tradizionale e una bio; in questo caso le colture devono essere adeguatamente separate e subiscono maggiori controlli da parte degli enti preposti. Attualmente ogni paese europeo presenta diversi loghi di certificazione bio, in particolare paesi come la Germania, ne possono presentare fino a 19 diversi. In Italia ce ne sono di meno, ma il progetto comunitario partito nel 2010 è quello di unificare il logo con il logo Biologico UE in modo da offrire riconoscibilità dei prodotti.

L'agricoltura biologica si basa su principi di olistica; agricoltura ecologicamente equilibrata che comprende regole ferree sulla gestione della fertilità del suolo, sulla rotazione delle colture e sul controllo naturale dei parassiti. Può sembrare un concetto approssimativo, ma la base dell'agricoltura bio è in realtà molto semplice: permettere alla natura di fare ciò che la natura sa fare meglio.

Molti prodotti di uso quotidiano possono essere prodotti nelle aziende agricole biologiche, tra cui ortaggi, cereali, latticini, uova e fibre come il cotone. Ciò che rende queste cose “biologiche” è proprio il mantenerle il più possibile vicine al loro stato naturale. Nell’agricoltura bio, gli agricoltori non utilizzano pesticidi sintetici o fertilizzanti sulle colture, e rifiutano l'uso di ormoni sintetici, antibiotici o altri farmaci sul loro bestiame. Gli animali sono alimentati da mangimi biologici e allevati in spazi aperti.

  • tappeto erboso Vorrei sapere se esistono prodotti naturali per eleminare il trifoglio e altre erbe infestanti da un giardino a prato. ...
  • Orto Biologico La crescente sensibilità dei consumatori verso le tematiche ambientali sta spingendo molti di loro a creare dei piccoli orti privati, dove frutta, ortaggi ed altri vegetali vengono rigorosamente col...
  • Miele Biologico Il miele è un alimento prodotto dalle api. Queste, posandosi sui fiori, utilizzano il nettare e la melata dando vita a una miscela composta da zuccheri semplici, ovvero glucosio e fruttosio. Alimento ...
  • coltivazione biologica La caratteristica principale di questo settore, è quella di coltivare ortaggi, verdura in genere e frutta, con concimi naturali derivati dall’uso di composti ottenuti dalle erbe officinali attraverso ...

Trifoglio bianco Nano Huia - 100 grammi - Trifolium repens L - White Clover - (fertilizzante Verde - Green Manure)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,5€


Compostaggio e rotazione delle colture

compost I metodi di coltivazione biologica sottolineano l'uso di risorse rinnovabili e la conservazione del suolo e dell'acqua. Il termine "agricoltura biologica" può essere fatto risalire al 1940, quando Lord Northbourne, agronomo, scrisse sul concetto di “fattoria come essere vivente”. Nel suo famoso libro intitolato "Guarda verso la Terra" l’agronomo presuppone che tutti gli esseri viventi siano collegati tra loro tramite la condivisione del cibo e della terra.

Tutto inizia con un buon terreno, la giusta composizione del suolo porta a sane colture e riduce la suscettibilità alle malattie degli animali, aumentando la produttività complessiva dell'azienda. Tecniche comuni utilizzate dagli agricoltori biologici per la gestione della qualità del suolo, che non coinvolgono solo il suolo stesso, ma anche l'acqua, le erbe infestanti, malattie e parassiti, prevedono l'uso di letame animale, compost, colture di copertura, sovescio e la rotazione delle colture.

Il compost è materiale organico utilizzato con successo in ambiti casalinghi e decorativi, come nei giardini, e nelle aziende agricole. È costituito da rifiuti organici in decomposizione e viene distribuito su aiuole e campi da agricoltura biologica. I principali componenti del compost sono i trucioli di legno, i ritagli di erba e le foglie,

scarti alimentari come fondi di caffè, bustine di tè, frutta e verdura.


Altri concimi biologici

rotazione delle colture L’utilizzo di compost può favorire la crescita di batteri “buoni” e i funghi, contribuendo ad arricchire il terreno di sostanze nutritive, ma anche di eliminare o ridurre la necessità di fertilizzanti chimici.

Anche i concimi verdi e le colture di copertura a migliorare la qualità del suolo. Le piante sono coltivate a beneficio del suolo e le principali colture in azienda sono scelte tra una varietà di colture di copertura a seconda delle esigenze dei loro campi.

Le colture di copertura, in generale, sono utilizzate per proteggere la superficie del suolo da erosione idrica ed eolica, aiutando a mantenere la struttura del suolo, e contribuire a mantenere il livello di sostanza organica, mantenendo il terreno sano. Il concime verde è un tipo di coltura di copertura coltivata appositamente per aggiungere sostanze nutrienti nel terreno; il letame viene arato con il suolo, aumentando la parte organica del suolo.

Le colture di copertura sono utilizzate anche al posto dei pesticidi convenzionali per tenere a bada le erbacce e i parassiti. Proprio perché le erbacce generalmente crescono solo dove ci sono zone scoperte, non occupate da altre piante, le colture di copertura fungono da dissuasore, occupando ogni spazio disponibile sul terreno. L'idea che sta dietro all'uso di colture di copertura nel controllo dei parassiti è quello offrire un habitat benefico per insetti come le coccinelle che “lavorano” per la coltura, combattendo i parassiti indesiderati e offrendo una valida alternativa ai pesticidi chimici.

Le rotazioni delle colture sono anche parte principale della strategia degli agricoltori biologici, che usano questo sistema per contribuire a sostenere la fertilità del suolo. Per esempio, un agricoltore biologico può coltivare di grano su un campo, pascolare le pecore su quel campo l’anno successivo e prevede di piantare una coltura di copertura di trifoglio l'anno dopo ancora. A differenza delle monocolture che impoveriscono molto il terreno, le colture a rotazione rinnovano e arricchiscono costantemente il suolo.




COMMENTI SULL' ARTICOLO