Malattie delle pomacee

Le avversità delle piante da frutto

Le pomaceae

Il successo della coltivazione delle piante dipende da una corretta gestione della concimazione e dei metodi preventivi di difesa dalle avversità, risulta quindi importante controllare costantemente le colture, per poter intervenire adeguatamente per limitare la diffusione delle patologie e favorire un corretto sviluppo.

Data la moltitudine di colture e parassiti che possono danneggiarle, si sono distinte le piante da frutto in vari gruppi simili per gruppo agrario e botanico, proprio per la similitudine dei parassiti che possono colpirle e ,quindi, per i relativi metodi di controllo, prevenzione e cura.

Per poter intervenire adeguatamente è importante saper riconoscere dai primi sintomi i patogeni o la causa del blocco vegetativo che colpiscono le varie colture.

Per facilitare l’individuazione delle avversità che colpiscono le piante da frutto coltivate nell’orto-giardino si esporranno in varie schede guida i sintomi e le cause dei vari patogeni.

Premettendo che nella lotta alle avversità delle piante “ la prevenzione è la migliore cura” e che la “buona nutrizione è la migliore risorsa di resistenza alle malattie” esamineremo in questa prima parte le patologie che colpiscono il gruppo delle pomaceae.

Nel gruppo agrario delle pomaceae sono comprese le piante che producono frutti chiamati “pomi”: il melo, il pero ed il cotogno .

Sono fra le colture frutticole più importanti per diffusione, produzione e coltivazione, ed appartengono alla famiglia botanica delle rosaceae, fra le quali vi è la vicina parente floreale “rosa” propriamente detta.

malattie melo

POLTIGLIA BORDOLESE IN GRANULI SOLUBILI CONFEZIONE DA 1 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,9€


Avversità e cure

melo Per esemplificare le varie problematiche che danneggiano le pomaceae, si possono raggruppare le differenti cause in: patologie ambientali, parassitarie fungine, danni da insetti e animali.

1) Patologie non parassitarie : nutrizionali o ambientali

Tutte le pomaceae, per poter vegetare , fiorire e produrre frutti regolarmente, necessitano di suolo neutro o sub-acido, ricco in elementi fertilizzanti, di sostanza organica, e umidità idonea.

La mancanza di un terreno adatto alla coltivazione e carente di elementi nutritivi causa un generale deperimento della pianta , con manifestazioni di scarsa fioritura e quindi produzione e ingiallimenti fogliari, associati a varie presenze di patogeni.

Le carenze alimentari si ripercuotono negativamente su tutta la fisiologia della pianta, riducendo in primo luogo la loro resistenza a contrastare le malattie, e, nello specifico settore frutticolo, il danno si riflette sull’economia per mancata produzione, qualità dei frutti e scarsa conservabilità dei medesimi.

Le pomaceae, come tutte le piante, possono manifestare specifiche manifestazioni, come ingiallimenti o disseccamenti fogliari , fioritura e fruttificazione scarsa o frutti piccoli insipidi e deformi .

In funzione del tipo di elemento nutritivo di cui è carente la pianta si spiegano nella tabella seguente le principali cause:

Sintomo

sulla pianta

Sintomo

sui frutti

Carenza

Decolorazione

generalizzata della pianta e ingiallimenti fogliari

più pronuciati nelle zone basali. Vegetazione stentata

con scarsa fioritura e fiori di colore slavato.

scarsa

produzione e pezzatura

Azoto

Colorazione

bronzo- violacea delle foglie, scarso accrescimento

e scarsa fioritura.

maturazione

molto lenta scarsità di frutti e loro serbevolezza

Fosforo

Disseccamenti

al margine delle foglie che possono ricurvare ad

U, i fiori hanno scarsa colorazione e sono di dimensioni

ridotte.

frutti

piccoli, scarsamente pigmentati e zuccherini

Potassio

Le

foglie basali ingialliscono nella zona della nervatura

centrale e disseccano rapidamente distaccandosi

precocemente.

forte

cascola di frutti a maturità

Magnesio

Le

foglie opacizzano e si ripiegano in basso. Le lamine

disseccano principalmente ai margini e sull’apice.

frutti

che si presentano butterati, amarognoli e scarsamente

conservabili.

Calcio

Ingiallimenti

progressivi dagli apici al basso della pianta, con

disseccamento delle foglie. Fioritura nulla o molto

scarsa.

fruttificazione

scarsa e di scarsa qualità

Ferro


  • Melograno Il Melograno è una delle piante da frutto coltivata da più tempo nell'area mediterranea; ha origini asiatiche, ma già svariati secoli orsono se ne diffuse la coltivazione nelle aree più calde ed aride...
  • Melo fiori al genere malus appartengono 30-35 specie di piccoli alberi, o grandi arbusti, a foglia caduca, originari dell’emisfero nord, in Europa, Sia e nord America. Si tratta di piccoli alberi, che a maturità...
  • fiore di melone Pianta annuale con fusto erbaceo flessibile, strisciante o rampicante, sarmentoso con ramificazioni laterali. Il melone è un prodotto di grande interesse per le nostre tavole, in particolare per quell...
  • melone I meloni appartengono alla famiglia delle cucurbitacee, sembra che provengano dall'Africa o dall'Asia, anche se il luogo di origine è di difficile identificazione poichè si coltivavano in tutta l'area...

BORDORAM 20 WG POLTIGLIA BORDOLESE CONFEZIONE DA 500 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,9€


Avversità parassitarie delle pomacee dovute a funghi

Uno dei problemi più frequenti sulle pomacee è il proliferare delle malattie fungine o crittogamiche, più comunemente chiamate “muffe” a causa dell’aspetto delle loro fruttificazioni, che generalmente ricoprono la pianta attaccata.

Questi patogeni, se non combattuti tempestivamente, possono distruggere in breve tempo i fiori e i frutti, quindi la produzione delle piante; sono favorite da situazioni climatiche umide o piovose, ed affliggono maggiormente le pomaceae con carenze nutrizionali.

Le manifestazioni sono a carico della pianta e normalmente i vari gruppi di patogeni prediligono solo alcuni organi e quindi la localizzazione ci permette di diagnosticarli.

I sintomi a carico degli organi colpiti sono vari: possono essere muffe, marciumi, cancri gommosi, bucherellature, seccumi, nella tabella seguente sono riportati i sintomi e le cause:

Sintomo

sulla pianta e sui frutti

Gruppo

patologico dei funghi

Sui

fusti e sui rami compaiono aree depresse rosso-violacee,

che in seguito disseccano con spacco della corteccia.

Seccume

dei fusti, Cancro dei rami e Fessurazioni

Le

giovani piante presentano imbrunimenti e marcescenze

a livello del colletto. La pianta dapprima ingiallisce,

poi si secca rapidamente.

Marciume

basale o del colletto

Su

foglie, fiori e apici dei rami compaiono macchie

feltrose bianche. I fiori non schiudono o avvizziscono.

Frutti piccoli deformi rugginosi.

Oidio

o Mal Bianco

Su

foglie e fiori compaiono muffe grigio cenerognolo,

che in seguito marciscono.

Muffa

delle foglie e dei boccioli

Sulle

foglie appaiono macchie nerastre o violacee confluenti.

Le foglie colpite disseccano e cadono rapidamente

spogliando in breve tutta la pianta. Sui frutti

appaiono, a seconda della gravità del danno, da

macchie scure secche a profonde fessurazioni su

aree necrotizzate.

Ticchiolatura

e maculazioni fogliari


Malattie delle pomacee: Insetti o parassiti animali che colpiscono le pomaceae

Le pomaceae sono facilmente aggredite da vari tipi di insetti, che possono presentare apparato boccale masticatore o succhiatore, e i danni si verificano sull’intera pianta, con varie preferenze a seconda del tipo di parassita.

Gli organi danneggiati possono manifestare vari sintomi come: foglie con rosure o gallerie interne, rosure sui rami, bucature e erosioni dei frutti, avvizzimenti dei boccioli, punzecchiature o ingiallimenti fogliari.

La categoria di insetti più temibile è data dai succhiatori, come gli afidi, perché, oltre al danno diretto causato dalla sottrazione di linfa e alla trasmissione di forme virali, si assomma quello della produzione della antiestetica melata, con richiamo di formiche e formazione successiva di “fumaggini”.

Nella tabella che segue sono riassunti i sintomi ed i principali agenti del danno :

Sintomo

sulla pianta e sui frutti

Tipo

di insetto

Ricoprono

tutte le parti giovani della pianta e la portano

a rapido avvizzimento per sottrazione di linfa .

Producono melata e trasmettono virosi. Frutti deformi

e sottosviluppati.

Afidi

o pidocchi

Possono

essere di vario tipo: da bruchi o larve di lepidotteri

di colore verde o giallo, a insetti adulti come

maggiolini. Mangiano foglie, fiori o germogli.

Tentredini

Succhiano

la linfa come gli afidi, si differenziano per essere

quasi immobili e vivono protetti da scudetti cerosi

di colore bianco o giallo rosato. Si fissano su

foglie rami, frutti.

Cocciniglie

Sono

larve di microlepidotteri che “minano” la zona

verde della foglia lasciando intatta la cuticola.

Le foglie disseccano e cadono.

Larve

di lepidotteri minatori

Sono

bruchi o larve di farfalle che distruggono con le

loro erosioni la polpa dei frutti in fase di formazione.

questi successivamente cadono o restano bacati.

Carpocapsa

Sono

farfalline succhiatrici che pungono foglie giovani

o germogli. Gli organi colpiti si accartocciano

con colorazione argentea

Cicaline

Minuscoli

insetti con ali trasparenti che succhiano la linfa

fissati su foglie, rami, frutti. Provocano indebolimento

della pianta, caduta precoce dei frutti e abbondanti

produzioni di melata con “fumaggini”

Psille

Sono

minuscoli ragni che provocano con le loro punture

sulle foglie ingiallimenti che in seguito disseccano

totalmente. Sono molto mobili e quando attaccano

massicciamente la pianta producono anche piccole

ragnatele

Acari

o ragnetti rossi e gialli


Guarda il Video
  • alberi di mele La storia del melo è molto antica; sembra che il suo centro d’origine sia localizzato in una regione montagnosa del Sud
    visita : alberi di mele
  • malattie del melo La sezione avversità pomacee propone un approfondimento molto interessante che affronta le principali malattie di questa
    visita : malattie del melo

commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


12:21:54 -
Salvatore abbate - commento su Malattie delle pomacee
Le mie piante di però non presentano alcuna malattia evidente il problema è che nonostante la fioritura sia abbondante di frutti ne raccolgo quasi niente
23:03:06 -
ik1npn - commento su Malattie delle pomacee
bello, ma per essere più completa la descrizione dovrebbe essere più minuziosa.
22:55:27 -
augusto - commento su Malattie delle pomacee
I rami pieni fumaggine come intervenir
22:18:20 -
Clemente - commento su Malattie delle pomacee
Oggi mi sono accorto che le mie perecotogne e melecotogne ,nelle foglie hanno preso alloggio i vermeti neri,lunghe circa 5 mm. viscidi, e hanno cominciato a mangiare,senza permesso, la parte verde delle foglie. Cosa devo fare, help help please. ,
07:35:34 -
Giuseppe - commento su Malattie delle pomacee
Servirebbero consigli sul trattamento. Grazie