Rodilegno giallo

Rodilegno giallo: Generalità

Rodilegno giallo

Lepidottero della famiglia delle Cossidae, il rodilegno giallo si presenta nella forma adulta come una farfalla abbastanza grande, bianca, punteggiata di nero (è detta farfalla leopardo).

Le larve di zeuzera, allo stadio iniziale, si nutrono delle foglie di molte piante da frutto e ornamentali; con l'arrivo dei primi freddi i rodilegno si annidano nel tronco e nei grossi rami, scavando delle vere e proprie gallerie, in cui restano per tutta la stagione fredda; in primavera emergono dai tronchi e divengono a loro volta farfalle.

I danni che queste larve possono provocare sono ingenti, sia per quanto riguarda la distruzione delle foglie, sia per quanto riguarda le gallerie scavate nei rami, che deperiscono per la diminuita quantità di linfa che li percorre, e possono essere soggetti a rotture a causa delle cavità che le larve creano al loro interno.

La presenza dei rodilegno sulla vegetazione è facilmente percepibile: le larve al primo stadio si notano sulle foglie e sui germogli, mentre le larve nei tronchi si possono notare per un deperimento della vegetazione apicale, ma anche per gli escrementi che fuoriescono dalle gallerie.

E' importante combattere questi insetti quando sono ancora all'esterno dei fusti e dei rami, con insetticidi adatti.

Esistono prodotti per combattere le larve già annidate nel legno, ma la loro efficacia non è sempre alta, a causa della difficoltà di localizzazione precisa degli insetti.

Rodilegno giallo



COMMENTI SULL' ARTICOLO