amaryllis sfiorito

Domanda: cosa fare con l'amaryllis sfiorito?

Buongiorno, mi hanno regalato un bellissimo Amaryllis red, purtroppo sta per sfiorire, vorrei sapere come mi devo comportare nel momento in cui sfiorisce completamente. Grazie CordialiSaluti
amaryllis


Risposta: come coltivare un amryllis

Gentile Cinzia,

gli amaryllis (nome botanico hippeastrum) sono bulbose di grandi dimensioni, che temono il freddo, e quindi vengono in genere coltivate in appartamento, oppure in giardino ma solo nelle zone con inverni miti, o soltanto nella bella stagione. Più i bulbi sono grandi e più è probabile che il fiore dell’anno successivo sia grande.

Come avviene anche nelle altre bulbose, queste piante hanno particolari organi sotterranei, i bulbi appunto, in cui immagazzinano sostanze nutritive; queste sostanze vengono utilizzate dalla pianta di anno in anno per la fioritura; in pratica le sostanze contenute nel bulbo danno alla pianta una sorta di dispensa da cui prelevare del cibo nel momento in cui la pianta sta faticando per produrre quei grandi e bellissimi fiori che anche tu conosci.

Quando coltiviamo una pianta spesso riteniamo che l’acqua e i concimi servano a nutrirla, quindi tendiamo a non pensare che alla pianta serva altro; in realtà noi alle piante diamo acqua, fondamentale per la vita di tutti gli esseri viventi, e Sali minerali, che potremmo considerare come le vitamine che noi esseri umani traiamo dalla frutta; come un essere umano non può vivere di sola acqua e compresse di vitamine, così anche una pianta non vive di acqua e Sali minerali. In effetti le piante si cibano di zuccheri, che ottengono dal sole, grazie alla ben nota fotosintesi clorofilliana.

Quindi, se vuoi che il prossimo anno il tuo bulbo di amaryllis produca tanti bei fiori, dovrai permettere alla pianta di svilupparsi in modo rigoglioso, per poter praticare la fotosintesi e quindi immagazzinare tante sostanze nutritive nel bulbo.

Quindi, dopo che il fiore è appassito, e anche il grosso fusto che lo portava, asportali, e coltiva le grandi foglie come se fossero una bella pianta da appartamento: poni il vaso in una zona luminosa della casa, annaffia quando il terreno è asciutto, e fornisci concime ogni 15 giorni, sciolto nell’acqua delle annaffiature.

In effetti il periodo vegetativo degli amaryllis non perdura per i dodici mesi dell’anno, in genere circa 3-4 mesi prima di quando si vuole vedere il fiore sbocciare, si permette alle piante un periodo di riposo vegetativo. Quindi verso la fine dell’estate dirada le annaffiature, fino a sospenderle, e poni i vasi in luogo scarsamente luminoso e non troppo riscaldato; un sottoscala o una cantina sono perfetti.

Capita spesso che le piante di amaryllis perdano completamente il fogliame durante il periodo di riposo vegetativo, ma non è un sintomo preoccupante. Dopo 3-4 mesi, prendi i tuoi vasi, mettili alla luce e a l caldo e ricomincia ad annaffiare sporadicamente, riprenderai le normali annaffiature e concimazioni quando vedrai un nuovo germoglio dalla sommità del bulbo.

  • amarillys belladonna L'amaryllis belladonna si distingue per la delicatezza dei suoi colori e del suo profumo. E' originario del Sud Africa; ama il clima caldo ed asciutto. Rispetto all'Hippeastrum, a cui somiglia molto, ...
  • amaryllis Gli amaryllis sono bulbose di grandi dimensioni, originarie dell'aFrica, i grandi fiori sbocciano su un lungo stelo carnoso; il loro significato nel linguaggio dei fiori deriva dall'aspetto del fiore,...
  • amaryllis pianta Gli amaryllis, o Hippeastrum, sono bulbose a foglia caduca, originarie dell'America meridionale; il bulbo, di grosse dimensioni, produce lunghe foglie arcuate, di colore verde scuro. Tra gennaio e giu...
  • amaryllis Vengono comunemente chiamati Amaryllis, o amarillidi, dei grandi fiori di origine sudamericana; in realtà il loro nome botanico è hippeastrum. Gli amaryllis (non li chiamiamo hippeastri perché questo ...




COMMENTI SULL' ARTICOLO