Conservare fiori secchi

I fiori conservati in un libro

Tutti hanno conservato fiori, non tanto per lo scopo di usarli per lavoretti specifici, ma per fermare un momento importante, per far diventare indelebile in ricordo lontano. E se dopo tanti anni, avete ritrovato una margherita racchiusa tra le pagine di un datato libro scolastico, è forse il ricordo di una gita scolastica, di una “sega” a scuola, fatta in giorno speciale, è forse il ricordo di un fidanzatino delle scuole medie che squattrinato aveva raccolto per voi un umile fiore per rendere speciale quel giorno. Anche se non è questa la metodologia esatta per essiccare i fiori, è comunque una maniera molto elementare di farlo anche se quei fiori, resteranno per sempre solo un ricordo di una giornata particolare e non potrebbero mai essere utili per eseguire lavoretti fai da te perché potrebbero sgretolarsi, visto il metodo inesatto della loro essiccatura. Se vi appassiona l’arte del fai da te e vi piace essiccare i fiori per creare dei lavori originali, esistono metodologie adatte per poterlo fare.
fiori secchi

BestFire 2 in 1 moderna LED Comodino Lampada con 350ml di acqua Capacità fiore decorativo Planter Vaso Holder Display, 3 modalità tocco creativo un'atmosfera luminosa, piccola luce di notte ricaricabile USB LED (bianco caldo)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1899€


Come essiccare e conservare i fiori

essiccare i fiori Ci sono vari metodi per essiccare e conservare i fiori secchi e tutti sono abbastanza facili ed efficaci. Quando riceviamo in regalo un bouquet, è davvero un peccato doverli gettare via solo dopo pochissimi giorni ma purtroppo rientra nella normalità doverlo fare, perché un fiore reciso prima o poi, perde il suo splendore. Le nostre nonne usavano degli antichi rimedi anch’essi validi. Riunivano in mazzetti i fiori e poi li legavano con un filo di ferro malleabile. Davano al filo la forma di un gancio e poi mettevano i mazzetti a “testa ingiù” in un luogo ben areato sotto una trave di una mansarda oppure in una soffitta o anche nei granai e nelle stalle. Se volete seguire il metodo della nonna, potete farlo ma usando tecniche migliori e più avanzate. Riunite i fiori in mazzetti di 5 o 6 elementi e con un coltellino, eliminate tutte le foglie, recidendo almeno per la metà il gambo. Sempre col coltellino affilato, affinate la fine del gambo che avete reciso e legate i mazzetti con del filo di rafia. Metteteli poi capovolti in soffitta. Non avete una soffitta? Niente paura, va benissimo anche un sottoscala o una stanza in penombra perchè i fiori che devono essiccare, non devono stare alla luce diretta del sole ma in penombra ed in un luogo ben areato. Potete lasciarli così per tutto il tempo che volete, si conserveranno benissimo. Questo metodo è idoneo per tutte le varietà primaverili come le margherite, le rose, le viole e tantissimi altri. Non provate a farlo invece per quelle varietà dalla consistenza carnosa che hanno bisogno di un composto essiccante per poter procedere.

  • bouquet fiori secchi La realizzazione di composizioni di fiori secchi permette di avere delle decorazioni particolari ed originali per abbellire la casa senza il problema legato ai fiori freschi, che si rovinano in frett...
  • piante da interno E’ davvero straordinario vedere come un po’ di verde sia in grado di illuminare e trasformare un appartamento. Le piante inoltre hanno la capacità di purificare l’aria e rendere la casa più salutare e...
  • rose secche Per facilitare il processo di essiccazione, e mantenere i colori vivi e brillanti, è importante servirsi di alcune sostanze che, grazie alle proprie caratteristiche, consentono un più rapido assorbime...
  • tecniche essicazione fiori Esistono varie tecniche di essiccazione, alcune delle quali si rivelano più adatte per determinati tipi di piante/fiori.In relazione al tipo di fiore, infatti le tecniche per ottenere i fiori secchi...


Essicazione fiori

zinnie essiccate Se per esempio volete conservare un’orchidea, una zinnia o una fresia, è impossibile farlo col metodo della nonna ma dovete essiccarlo con appositi essiccanti uno dei quali è la sabbia che è anche il metodo più economico. Occorre un contenitore abbastanza alto come una vecchia cassetta o un bidone. Riempite il fondo di sabbia ed adagiatevi la corolla dei fiori carnosi se dovete essiccarli senza stelo. Se invece volete essiccare il fiore con tutto lo stelo, lo porrete diritto. Ricoprite la superficie dei fiori con altra sabbia avendo cura di coprire tutti i petali del fiore. Tenete presente però, che fiorellini piccoli e delicati come la fresia, vanno messi a testa in giù. Chiudete il contenitore ed ubicatelo in un posto caldo della casa. Controllate di giorno in giorno il processo di essiccazione, che non avverrà subito ma essendo i fiori carnosi, ci vorrà parecchio tempo. Se invece volete usare l’essiccante che si acquista in qualsiasi farmacia, dovete chiedere dei cristalli ai cristalli di gel che è un gel azzurro che si cosparge sulla corolla del fiore. Il gel quando “risucchia” l’umidità del fiore, diventa rosa quindi sarà molto più facile accorgersi quando il fiore è pronto. Un altro metodo altrettanto idoneo a questo scopo e che si usa per le ortensie, per le foglie di faggio, di quercia o di eucalipto, è quello della glicerina. Usate un grosso vaso di vetro nel quale inserirete due parti di glicerina e tre di acqua calda. Inserite nel vaso i rami con le foglie che volete essiccare e lasciateli al buio in una camera, per una decina di giorni circa. Quando sulle foglie compariranno delle goccioline di glicerina, vuol dire che i rami sono pronti. Con molta delicatezza, sciacqua teli sotto il getto dell’acqua tiepida di un rubinetto. Metteteli a testa in giù e lasciate asciugare. L’ortensia va messa in tre dita di acqua. Quando avrà assorbita tutta l’acqua, comincerà a disidratarsi lentamente. Vedrete che assumerà un magnifico colore marrone come quello dei fiori che vediamo esposti nelle vetrine di un fioraio. I fiorellini piccoli possono essere seccati anche in un altro modo. Metteteli riuniti in mazzetti che legherete sempre col filo di rafia ed immergeteli capovolti, in un vasetto contenente alcool denaturato. Perderanno gran parte del loro colore ma si manterranno a lungo. Dopo aver essiccato i fiori, spruzzate su di essi una buona dose di lacca per capelli. La lacca li farà indurire e li manterrà lucidissimi. Non conservate assolutamente i fiori chiusi in cellophane di plastica o in buste chiuse ma sempre in carta molto fina e in un luogo lontano da fonti di calore altrimenti si corre il rischio che si sgretolino.


Conservare fiori secchi: Che uso fare dei fiori essiccati

fiori essicati Sono molteplici gli usi da effettuare con i fiori secchi. Il più semplice è fare un pot-pourri . Con delicatezza levate i petali ai fiori secchi e metteteli in una ciotola della grandezza che volete. Spruzzate del profumo su di essi e la camera dove avete posto la ciotola, si riempirà di un gradevole aroma. Se volete fare dei profuma biancheria invece, usate dei sacchetti di tela bucherellati o anche i veli delle bomboniere. Riempiteli di petali di fiori, spruzzate un po’ del ,vostro profumo preferito ed infine, ponete i sacchetti nei cassetti tra la biancheria e le asciugamani. Quando prenderete la biancheria, profumerà in maniera davvero gradevole. Ma non finisce qui! I fiori sapientemente conservati in una scatola ricoperta con carta velina, possono essere presi nel momento in cui servono, per formare un magnifico bouquet che col vostro estro e la vostra fantasia, diventerà sicuramente bellissimo. Dovrete usare infatti, nastri, passamaneria o fiocchi di ogni tipo. Se invece volete usare i fiori piccoli come componente aggiuntivo ai fiocchi delle bomboniere, prendete una pistola che emana gocce calde di colla. Ponetene un poco dietro al fiore, applicate sul fiocchetto che avete usato per stringere il velo delle bomboniere, pigiate per pochi minuti, ed il fiore aderirà perfettamente al fiocco. Un’altra delle innumerevoli idee, è quella di preparare una tavola per qualsiasi cerimonia. Prendete tutte le corolle dei fiori che vi interessano, staccatele delicatamente dal gambo e con degli spillini da sarta, applicateli alla parte della tovaglia che pende verso l’esterno e vi ritroverete una tavola decorata di notevole finezza e pregio. Come vedete, una volta essiccati, i fiori si possono conservare per parecchio tempo naturalmente con i dovuti accorgimenti. Ricapitolando, mai chiuderli in cellophane o buste di plastica ma incartarli con carta finissima o velina e conservarli in una scatola fino al momento del loro uso. Possibilmente è meglio tenere la scatola in un posto areato ma lontano da fonti di calore.



COMMENTI SULL' ARTICOLO