Tradescantia

La Tradescanzia o Erba miseria

Le piante del genere tradescantia sono originarie del continente americano, con specie diffuse in gran parte del nord America, e altre diffuse in America centrale e nella parte settentrionale del sud America; in Europa vennero importate già nel 1800, ma il loro successo in Italia si ebbe solo a partire dalla seconda metà degli anni cinquanta; a tale periodo risalgono i primi tentativi di coltivazione di questa pianta nel nostro paese, dove alcune specie vengono coltivate quasi esclusivamente come piante da appartamento, mentre altre hanno trovato posto nei giardini delle zone del sud, dove sopravvivono senza problema alcuno. Le tradescantie appartengono alla famiglia delle commelinacee, e si contano circa una trentina di specie appartenenti al genere. Presentano fusti carnosi, eretti o prostrati, o anche arcuati, poco ramificati, che portano lunghe foglie carnose, ovali, o a forma di spada, di colore brillante, spesso lucide, e leggermente carnose. In primavera e in estate, all’apice dei fusti sbocciano fiori di dimensione varia, a seconda della specie, di colore bianco, rosa, viola o blu intenso, con tre soli grandi petali triangolari; in alcuni casi questi fiori sono del tutto insignificanti, ma le specie e le varietà a fiore grande possono divenire veramente spettacolari quando producono fioriture abbondanti. Molte varietà presentano foglie variegate, e tra le specie più amate in Italia ce ne sono anche a foglia completamente ricoperta da una sottile peluria, che la rende quasi grigia, e anche di colore viola porpora scuro. Di solito l’aspetto di queste perenni è abbastanza insolito, in quanto non producono cespugli compatti e densi, ma piuttosto tendono a crescere in modo disordinato, come se si posassero mollemente sul terreno. Nei paesi anglosassoni queste piante vengono chiamate iris ragno, in quanto le foglie ricordano le zampe dei ragni, e i fiori ricordano i colori degli iris primaverili.
Tradescantia bracteata


Specie di tradescantia

Tradescantia fluminensis

Tradescantia fluminensis Pianta molto diffusa in Italia, soprattutto come pianta da appartamento, e in particolare nelle forme variegate di bianco, giallo o rosa, originaria del Brasile; questa tradescanzia presenta fusti carnosi prostrati, e foglie minute, lanceolate, succulente, lunghe circa 2-3 cm, abbastanza spesse e lucide. I fiori sono bianchi, poco decorativi e la fioritura rimane la parte meno interessante, rispetto al bel fogliame. Queste piante temono il freddo, e quindi questa tradescantia non sopravvive ai rigori invernali. Sopravvive in qualsiasi condizione: pur preferendo le zone umide, trattandosi di una pianta succulenta, può sopportare un clima completamente secco anche per settimane. Pu amando le zone ben luminose, sopravvive e vegeta senza problemi anche in condizioni di ombra buia e completa. Per questi motivi è la pianta ideale per chi tende a scordarsi di annaffiare, o per chi ha posto in casa solo in una zona buia della casa. A causa della sua grande adattabilità si possono vedere facilmente tradescantie molto differenti tra loro: quelle coltivate al sole, con un terreno sempre umido, presentano foglie chiare, e grandi, e una vegetazione ricca, quasi eccessiva; le piante coltivate all’ombra completa, con clima siccitoso, rimangono invece piccole e tendono a non produrre grandi quantità di fogliame.

  • tradescantia andersoniana Fanno parte di questo genere circa sessanta specie di piante erbacee perenni, originarie dell'America centrale e meridionale; in genere hanno portamento prostrato o ricadente e si coltivano come piant...
  • schefflera Le schefflere sono grandi arbusti o piccoli alberi di origine tropicale, appartenenti alla famiglia delle araliacee, molto utilizzati in Italia come piante da appartamento, a causa del loro fogliame m...
  • Cornycarpus laevigata Il Corynocarpus laevigata o corinocarpo è una pianta sempreverde originaria della Nuova Zelanda; in natura è un piccolo albero, che raggiunge i 7-8 metri di altezza, in contenitore si mantiene al di s...


Tradescantia Zebrina

Tradescantia Zebrina Specie originaria del Messico meridionale, si coltiva come pianta da appartamento, o anche come annuale in giardino, in quanto i freddi dell’autunno inoltrato la uccidono rapidamente; in vaso si tende a preferire per questa pianta una coltivazione in panieri appesi, per meglio godere del suo portamento prostrato e tappezzante. Il fogliame di questa tradescantia è decisamente molto attraente: le foglie sono carnose, ovali, appuntite, di colore verde scuro, con due striature grigio argento vicino alla venatura centrale; la pagina inferiore e le giovani foglie sono invece di colore rosa acceso, quasi fucsia. I fiori sono rosa, e compaiono dalla primavera fino all’autunno. Pianta di facile coltivazione, ama le zone soleggiate, con un terreno fresco e annaffiature regolari.


Tradescantia sillamontana

Tradescantia sillamontana Pianta decisamente particolare, per aspetto ed esigenze si discosta abbastanza dalle altre specie diffuse del genere; si tratta di una pianta succulenta, originaria delle zone semi aride del Messico settentrionale; si coltiva quindi come un cactus: buona luminosità (evitare la luce solare diretta per troppe ore al giorno); annaffiature solo durante i mesi caldi, attendendo che il terreno asciughi tra due annaffiature; terreno molto ben drenato, costituito da terriccio, mescolato a sabbia o pietra pomice, per fare in modo che l’acqua scorra via rapidamente; concimazioni con prodotti contenenti piccole quantità di azoto; temperature minime non inferiori ai 10°C. Si coltiva quindi come pianta da appartamento, oppure in vaso nei mesi caldi, e in serra durante i mesi freddi, o in un vano scala luminoso poco riscaldato. I fusti sono allungati, prostrati, e portano foglie ovate, di colore verde scuro; tutta la pianta è ricoperta da una sottile peluria, molto fitta, che la rende di colore grigio; in estate produce piccoli fiori, all’apice dei fusti, o all’ascella delle foglie, di colore rosa acceso.


Tradescantia andersoniana

Le tradescantia che vengono riunite sotto il nome della specie andersoniana sono in realtà ibridi, ottenuti da specie originarie dell’America settentrionale; si tratta di piante perenni, che formano cespi di lunghe foglie arcuate, di colore verde chiaro, con fusti eretti o prostrati, sottili; non temono il freddo, e quindi possono venire tranquillamente coltivate in giardino. Esistono molte varietà di questa tradescanzia, con fiori di colore bianco, striato, rosa, blu, viola, molto grandi e decorativi; la fioritura avviene da giugno-luglio, fino all’autunno. Piante di facile coltivazione, trovano posto anche in un ritaglio di aiuola, dove tendono a riempire tutto lo spazio che trovano disponibile. Pianta molto particolare, che spicca tra i fiori del tipico giardino italiano, adatta sia alle zone del sud, con clima prettamente mediterraneo, sia alle zone del nord, con inverni molto rigidi.


Tradescantia pallida

Pianta perenne originaria del Messico, molto diffusa in coltivazione in Italia, sia come pianta da appartamento, sia come pianta da giardino; in effetti questa tradescantia non sopporta temperature inferiori ai 3-5°C, e quindi trova posto solo nei giardini delle zone con inverni miti; ne resto d’Italia si coltiva in giardino come annuale, o in appartamento. Ha portamento ricadente, strisciante, e forma densi cespugli, alti circa 25-35 cm, costituiti da sottili fusti, che portano grandi foglie allungate, leggermente carnose; fusti e foglie appaiono di color viola porpora, rendendo la pianta molto vistosa e decorativa; per tutta l’estate la pianta produce piccoli fiori rosa, lilla o bianchi. Pianta di facile coltivazione può capitare che anche al nord Italia, piante rovinate dal gelo, rigermoglino all’arrivo della primavera.


Tradescantia virginiana

Tradescantia virginiana Pianta perenne erbacea originaria degli Stati Uniti orientali; produce lunghe foglie verdi, a spada, e fiori ampi, di colore viola, per tutta l’estate; se potata dopo la fioritura si ottengono successive fioriture, fino all’autunno. Pianta resistente al freddo, che viene coltivata sia in sole pieno, sia in ombra completa, in quanto tende ad adattarsi molto bene in qualsiasi situazione di coltivazione. Le piante poste all’ombra necessitano di minori cure; gli esemplari posizionati i pieno sole invece devono venire annaffiati regolarmente, per tutto il periodo vegetativo. Il freddo invernale spesso rovina la parte aerea, che ricomincia a svilupparsi all’arrivo della primavera.


Coltivare la Tradescantia

Queste piante sono veramente di facile coltivazione, a parte T. sillamontana, che viene coltivata come una pianta grassa, le altre tradescantie dimostrano di potersi adattare anche in condizioni non ideali. Infatti, in natura, le tradescantie si sviluppano in luoghi umidi e freschi, come il sottobosco; ma sono piante con fogliame o fusti succulenti, e quindi possono sopportare periodi anche lunghi di siccità. Che si coltivino in casa o in giardino (a seconda delle specie) in genere si tende a coltivarle in condizioni intermedie, con una luminosità buona, ma non eccessiva, a mezz’ombra, e annaffiature regolari per tutto il periodo vegetativo, da marzo a ottobre. Sopravvivono anche in condizioni limite, come zone siccitose, o sempre umide, il sole pieno e l’ombra totale, ma sicuramente potremo notare come senz’acqua la pianta tenda a divenire sempre più povera di foglie, mentre in pieno sole necessita di molte annaffiature regolari. Come terreno s utilizza il comune terriccio universale, senza eccedere con i fertilizzanti.


Propagare la tradescantia

Propagare la tradescantia In alcune zone del mondo la tradescantia è una pianta fortemente invasiva; questo per la facilità con cui radicano i piccoli fusti, anche se semplicemente spezzati e caduti a terra. La riproduzione per talea è quella più spesso praticata, in quanto molte varietà sono ibride, e quindi o non producono semi fertili, oppure capita che le piante ottenute da seme non siano perfettamente identiche a quella da cui abbiamo ricavato i semi. Con la alea invece, siamo sicuri di ottenere identici fiori e fogliame. Si prelevano talee in primavera o in estate, e si preferisce farle radicare posizionandole in acqua, perché sembra che con questo metodo si abbiano maggiori garanzie di riuscita. Le talee vanno private del fogliame nella parte bassa, e tenute in un contenitore con acqua pulita fino a che non cominciano a produrre piccole radici, solo allora verranno spostate in vaso, con un buon terriccio fresco. Volendo è anche possibile preparare le talee tradizionali, da posizionare in terra. Se abbiamo ottenuto semi dalle nostre tradescantie possiamo provare a seminarli, se sono fertili la germinazione è abbastanza semplice, anche se il risultato è spesso sconosciuto, e se abbiamo prelevato i semi da un esemplare con fiori di un bel colore blu, potremo aspettarci piccole piante con fiori blu, o lilla, o rosa, o bianchi.



  • tradescantia Fanno parte di questo genere circa sessanta specie di piante erbacee perenni, originarie dell'America centrale e meridio
    visita : tradescantia
  • viola pianta La viola è una pianta molto apprezzata, sia per la bellezza dei fiori, sia per il suo delicato profumo. Questa pianta ap
    visita : viola pianta
  • pianta viola pianta erbacea perenne a fiori viola originaria dell'Europa, del nord America e dell'Asia. Sviluppa densi ciuffi non mol
    visita : pianta viola

COMMENTI SULL' ARTICOLO